1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. ada1

    ada1 Nuovo Iscritto

    Prendendo spunto da quanto ho appena letto su un giornale, vorrei porvi una domanda, anzi due :

    1) puo' un amministratore "sfrattare" degli inquilini ?
    2) se si', in quali casi puo' farlo e con quali motivi ?

    Grazie
     
  2. Alessia Buschi

    Alessia Buschi Membro dello Staff Membro dello Staff

    Professionista
    Ciao Ada,

    Assolutamente no, a meno che l'amministratore non sia anche il proprietario dell'appartamento locato.
    L'amministratore e solo l'organo "esecutivo" della volontà condominiale, ma non può prendere decisioni simili, il solo che può sfrattare gli inquilini è il proprietario, con disdetta, sfratto ecc.
    Anche ammesso che i condomini si siano lamentati ed in assemblea hanno deliberato per mandare via gli inquilini, la delibera è nulla.
     
    A Ennio Alessandro Rossi, Antonio Azzaretto e mapeit piace questo elemento.
  3. Ennio Alessandro Rossi

    Ennio Alessandro Rossi Membro dello Staff

    Professionista
  4. Antonio Azzaretto

    Antonio Azzaretto Membro dello Staff

    Speravo che questa questione fosse sollevata.
    Mi dispiace che in Italia su ogni questione ci si arroga il diritto di disinformare solo per "fare notizia".
     
  5. ada1

    ada1 Nuovo Iscritto

    E' appunto perché il termine "sfrattare" mi è parso improprio che ho voluto porre la domanda.

    Ma oltre quanto detto qui sopra (sul quale siamo tutti d'accordo = solo il proprietario, anzi il locatore, puo' sfrattare l'inquilino), sarebbe forse interessante -ponendo come ipotesi che cio' sia successo ad uno di noi- porsi la domanda di sapere quando un amministratore potrebbe (e se lo puo') intimare ad un inquilino di andarsene entro X giorni ? Quale legge lo autorizzerebbe a inviare una tale richiesta ? Non dovrebbe piuttosto rivolgersi al proprietario dell'immobile ?

    Per quanto mi riguarda, per curiosità personale, ho cercato di documentarmi ma al momento ho solo trovato generalità che non aiutano molto. Una sola cosa mi sembra certa : l'amministratore puo' agire anche per via giudiziale (ma dopo aver attivato la via stragiudiziale per risolvere bonariamente l'inadempimento constatato) qualora ne ricorrano i motivi in virtù dell'articolo 1131 del CC che dice :

    Art. 1131 Rappresentanza.

    . Nei limiti delle attribuzioni stabilite dall'articolo precedente o dei maggiori poteri conferitigli dal regolamento di condominio o dall'assemblea, l'amministratore ha la rappresentanza dei partecipanti e può agire in giudizio sia contro i condomini sia contro i terzi.
    [II]. Può essere convenuto in giudizio per qualunque azione concernente le parti comuni dell'edificio; a lui sono notificati i provvedimenti dell'autorità amministrativa che si riferiscono allo stesso oggetto.
    [III]. Qualora la citazione o il provvedimento abbia un contenuto che esorbita dalle attribuzioni dell'amministratore, questi è tenuto a darne senza indugio notizia all'assemblea dei condomini.
    [IV]. L'amministratore che non adempie a quest'obbligo può essere revocato ed è tenuto al risarcimento dei danni.

    E forse anche la sentenza di Cassazione no. 21841 del 5.10.2010 che dice :

    curare l'osservanza del regolamento di condominio è compito precipuo affidato dall'art. 1130 c.c. all'amministratore, il quale pertanto è senz'altro abilitato ad agire e a resistere nei pertinenti giudizi, senza che occorra quell'apposita autorizzazione, che è richiesta dalla disposizione richiamata dalla ricorrente soltanto per le liti attive e passive esorbitanti dalle incombenze proprie dell' amministratore stesso. Superflua, quindi, era stata la deliberazione dell'assemblea di dare corso al giudizio e conseguentemente ininfluente è la maggioranza con cui essa è stata adottata.
     
  6. Ennio Alessandro Rossi

    Ennio Alessandro Rossi Membro dello Staff

    Professionista
    L'amministratore ( ma in tal caso non agirebbe in tale veste ma come mandatario) potrebbe eseguire o far eseguire al legale tutte le azioni proprie del propritario se fosse munito di una procura speciale ( da redigere davanti al notaio , atto nel quale vengono dettagliati i poteri)
    Si pensi nella pratica ad un proprietario di immobili che vive in Germania o Inghilterra: potrebbe questi ben incaricare con "una procura speciale " una qualsiasi persona di agire (e per cui anche l'amministratore condominiale) in sua vece
     
    A arianna26 piace questo elemento.
  7. ada1

    ada1 Nuovo Iscritto

    si, l'esistenza di un mandato specifico -rilasciato con atto notarile dal locatore e/o dal proprietario sembra anche a me la sola possibilità, senza il quale si tratterebbe di una rappresentanza senza poteri e quindi l'amministratore che abbia agito senza mandato potrebbe vedere messa in causa la sua responsabilità per danni ad un terzo.

    D'altra parte, nel caso avesse il mandato specifico, nella lettera indirizzata all'inquilinol'aministratore non deve scrivere "IO, tal dei tali, in nome e per conto di Tizio, locatore (o proprietario) di tale immobile, da me rappresentato con giusta procura .no. X datata ecc " per non vedere annullata o sanzionata la sua richiesta per vizio di forma o abuso di potere o qualcosa del genere ?

    Ed in ogni modo, l'inquilino potrà -come per ogni sfratto di questo genere- rimanere nell'immobile fino alla sentenza finale di convalida di sfratto ed esecuzione dello stesso
     
  8. martino954

    martino954 Nuovo Iscritto

    Sempre riguardo al caso di Via Olgettina a Milano: è stato detto che tali alloggi erano assegnati in comodato d'uso dal proprietraio alle ragazze; a me risulta che il comodato d'uso, in quanto per forza gratuito, può essere fatto solo quando c'è una stretta relazione di parentela, ad esempio da padre a figlio, tra il proprietario dell'alloggio e chi lo va poi ad utilizzare.
    Ci sono delle eccezioni? ma allora si può fare comodato d'uso ed evadere le tasse?
    Grazie
    martino
     
  9. arianna26

    arianna26 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    credo che il comodato gratui to si possa costituire verso chiunque. del resto configura un'evasione delle tasse solo se si acquisisce un canone in nero.
     
    A maidealista piace questo elemento.
  10. martino954

    martino954 Nuovo Iscritto

    Io sono andato all'Ade a portare il comodato d'uso per una casa di mia moglie che faceva il comodato d'uso al figlio: appena l'impiegato addettoha letto il comodato d'uso mi ha detto: guardi che si può fare solo tra parenti stretti, non avendo notato che era la madre che faceva il comdodato al figlio. Poi tutto ok.
    D'altra parte chi vuole evadere, se non fosse così, farebbe un comodato gratuito e le tasse?
    Grazie
    martinio
     
  11. ada1

    ada1 Nuovo Iscritto

    Sembra anche a me che il comodato puo' essere firmato con chiunque, "compresi" i famigliari e non soltanto loro.

    Ma il comodato puo' essere anche a titolo oneroso per il rimborso delle spese (Cassazione 2001, no. 3021) .
    Inoltre il comodatorio non puo' concedere il bene in comodato senza il consenso del comodante il quale comodante, in caso di necessità o per fine contratto o per non rispetto degli obblighi assunti dal comodatario (un po' come per un normale contratto di locazione) o per un motivo ed ad una data qualunque nel caso la data di scadenza non fosse precisato sul contratto, puo' richiedere la restituzione del bene concesso in comodato come anche domandarne i danni qualora ce ne fossero gli estremi.

    E gli articoli 1803 e 1804 del codice civile dicono :

    Art. 1803 Nozione
    Il comodato è il contratto col quale una parte consegna all'altra una cosa mobile o immobile, affinché se ne serva per un tempo o per un uso determinato, con l'obbligo di restituire la stessa cosa ricevuta. Il comodato è essenzialmente gratuito.

    Art. 1804 Obbligazioni del comodatario
    Il comodatario è tenuto a custodire e a conservare la cosa con la diligenza del buon padre di famiglia (1176). Egli non può servirsene che per l'uso determinato dal contratto o dalla natura della cosa. Non può concedere a un terzo il godimento della cosa senza il consenso del comodante.
    Se il comodatario non adempie gli obblighi suddetti, il comodante può chiedere l'immediata restituzione della cosa, oltre al risarcimento del danno.

    Ritorniamo quindi alla delega data dal mandatario/comodante/proprietario all'amministratore per agire in sua vece
     
  12. mapeit

    mapeit Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Forse l'equivoco sta nella definizione di "amministratore". Nel caso in questione non si tratta di "amministratore dello stabile", bensì di "amministratore della proprietà", quindi di persona munita di procura speciale da parte del proprietario degl appartamenti per amministrarne in toto i beni immobili.
     
  13. ada1

    ada1 Nuovo Iscritto

    Questa potrebbe essere un'altra possibilità effettivamente : in ogni modo il mandante eventuale, da quanto possiamo vedere è soltanto quella persona che giuridicamente detiene il possesso o la detenzione della cosa e non semplicemente l'amministratore del condominio.
     
  14. mapeit

    mapeit Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Direi che l'amministratore del condominio, in quanto tale e non in quanto amministratore dei beni immobili del proprietario, non può proprio sfrattare nessuno, sia esso condomino proprietario o condomino inquilino. Può al limite richiedere il pignoramento dell'immobile qualora il suo proprietario sia moroso nel pagamento delle spese condominiali, nulla più.
     
  15. ada1

    ada1 Nuovo Iscritto

    Si; su questo siamo d'accordo.
    Quindi o agisce come procuratore oppure c'è abuso di potere da parte sua
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina