• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

ROCNAT

Membro Attivo
Proprietario Casa
In un condominio, amministrato da un condomino di nome Caio, si decide di fare un lavoro con determinate modalità operative e per un certo importo. Vengono raccolte le quote e si procede all'affidamento ad una ditta, con impegno ad emettere fattura. Il lavoro viene eseguito in maniera difforme e carente rispetto a quanto concordato, sicché interviene il condomino Tizio che chiede spiegazioni a Caio. Quest'ultimo non risponde, anzi organizza incontri personali e di gruppo privati con altri condomini, attraverso i quali spiega che il lavoro è stato fatto nel migliore dei modi e chiede addirittura una integrazione alla spesa che gli viene concessa. A questo punto Tizio invia una diffida privata con raccomandata A/R a Caio, documentando tutte le inadempienze di Caio ed esigendo la presentazione della fattura nell'assemblea di fine anno; ma Caio risponde aTizio con una controdiffida legale, nella quale Tizio viene ritenuto reo di diffamazione e viene diffidato ad astenersi da ulteriori azioni, pena la messa in atto di azioni giudiziarie. Si arriva all'assemblea e Tizio, notando una diffusa omertà e sottintesa ostilità, preferisce non affrontare il problema per non cadere in una trappola. Il rendiconto viene approvato con l'inserimento dell'importo "ufficialmente" pagato ma senza la presentazione della fattura, bensì della ritenuta d'acconto versata. Caio continua ad amministrare il Condominio per i primi 4 mesi del 2018 e nel frattempo fa eseguire un altro lavoro per un importo già concordato. Al quinto mese, con apposita assemblea, si delibera di affidare il condominio ad un amministratore esterno e contestualmente viene fatto presente che l'ultimo lavoro effettuato ha richiesto un'ulteriore integrazione di spesa, quasi il doppio, sicché viene esibita ma subito ritirata la relativa fattura. La maggioranza approva e decide di inserire la documentazione dei primi 5 mesi nel rendiconto di fine 2018 che sarà a carico del nuovo amministratore, tant'è che questi provvede al recupero delle quote per la spesa supplementare sul predetto ultimo lavoro effettuato. Ora, da circa due mesi Tizio sta chiedendo ripetutamente al nuovo amministratore, insieme ad altri tre condomini, di avere copia del l'F770 relativo alle ritenute d'acconto del 2017 e copia della fattura relativa all'ultimo lavoro fatto nei primi quattro mesi del 2018, ma questo professionista adduce le più disparate motivazioni e rinvii e non presenta ancora nulla. Adesso Tizio si pone un problema: "se invio la richiesta tramite raccomandata A/R, trattandosi di una richiesta relativa a documenti risalenti alla gestione di Caio e alla luce della pregressa diffida ricevuta dal legale di Caio stesso, vi è il rischio che in questa richiesta si possa ravvedere un accanimento nei confronti di Caio ed essere quindi esposto a possibile querela?" Grazie.
 

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
Adesso Tizio si pone un problema: "se invio la richiesta tramite raccomandata A/R, trattandosi di una richiesta relativa...
"Tizio" (alias Rocnat) ha uno strano modo di raccontare le storie.
Una richiesta di documenti condominiali è perfettamente lecita e nessun legale sano di mente si sognerebbe di intimare una diffamazione per un fatto simle.
Quindi quali particolari sono stati omessi?
 

possessore

Membro Senior
Proprietario Casa
Confermo che è lecito chiedere la documentazione condominiale.

Sottolineo, però, che è buona abitudine farne richiesta scritta e tracciata (P.E.C., raccomandata A/R, ...) almeno qualche giorno prima dell'assemblea.
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Caio risponde aTizio con una controdiffida legale, nella quale Tizio viene ritenuto reo di diffamazione e viene diffidato ad astenersi da ulteriori azioni, pena la messa in atto di azioni giudiziarie. Si arriva all'assemblea e Tizio, notando una diffusa omertà e sottintesa ostilità, preferisce non affrontare il problema per non cadere in una trappola. Il rendiconto viene approvato con l'inserimento dell'importo "ufficialmente" pagato ma senza la presentazione della fattura, bensì della ritenuta d'acconto versata.
Tizio avrebbe dovuto chiedere lumi in assemblea, senza aver necessità di diffamare nessuno: era un suo diritto. Pertanto, il problema non è stato affrontato e con l'approvazioni da parte dell'assemblea (chissà come ha votato Tizio e se avrà fatto mettere a verbale la sua posizione?) il problema dovrebbe essere stato superato.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Disapprovo ciò che dici, ma difenderò fino alla morte il tuo diritto di dirlo.
Voltaire
Buonasera. Avrei una domanda. Sono nuda proprietaria di una casa di cui mia madre detiene l'usufrutto ma che mia madre non utilizza in quanto é in campagna. É rimasta vuota x dieci anni ed ora che mi sono separata ho portato la residenza. É ugualmente dovuto l'IMU che in questi anni ha pagato mia madre visto che non ha ricevuto bollettino come gli altri anni?
Alto