• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Gianco

Membro Storico
Professionista
Si ha funzionato cosi, due su tre dei chiamati all'eredità, si presentano dal Notaio, fanno pubblicare il testamento del de cuius che aveva previsto una estrazione a sorte di tre lotti già predefiniti tra i tre chiamati. I due comparenti si riservano di eseguire la estrazione e presentano dunque una richiesta al notaio di fare una voltura in comunione di tutti i beni tra tutte e tre i chiamati. A questo punto a me pare che sia una notevole forzatura in quanto non sono state considerate minimamente le volontà della de cuius con la complicità del Notaio?
In attesa di trovare un accordo fra i coeredi, è stato necessario procedere alla dichiarazione di successione nei termini. Successivamente, raggiunto l'accordo, si potrà procedere al sorteggio con assegnazione o concordare la permuta dopo il sorteggio, rispettando la volontà del de cuius.
 

Francesco Brunetti

Membro Attivo
Proprietario Casa
In attesa di trovare un accordo fra i coeredi, è stato necessario procedere alla dichiarazione di successione nei termini. Successivamente, raggiunto l'accordo, si potrà procedere al sorteggio con assegnazione o concordare la permuta dopo il sorteggio, rispettando la volontà del de cuius.
Esatto, così si era giustificato... ma a me sembra che non viene rispettata la volontà del de cuius ! Perché ci deve essere accordo tra gli eredi ?!? La volontà deve essere del de cuius
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
In attesa di trovare un accordo fra i coeredi, è stato necessario procedere alla dichiarazione di successione nei termini.
. ma a me sembra che non viene rispettata la volontà del de cuius !
Io invece pongo una altra considerazione.

Nella dichiarazione di successione, che tipo di successione è stata dichiarata? Testamentaria o Legittima?
Se legittima le quote ricadono nelle percentuali di legge, e per analogia pure le intestazioni in comunione sulle volture.

Se testamentaria, le quote dovevano essere corrispondenti all'esito del sorteggio, e le conseguenti volture attribuire la proprietà esclusiva.
 

Francesco Brunetti

Membro Attivo
Proprietario Casa
Io invece pongo una altra considerazione.

Nella dichiarazione di successione, che tipo di successione è stata dichiarata? Testamentaria o Legittima?
Se legittima le quote ricadono nelle percentuali di legge, e per analogia pure le intestazioni in comunione sulle volture.

Se testamentaria, le quote dovevano essere corrispondenti all'esito del sorteggio, e le conseguenti volture attribuire la proprietà esclusiva.
Giustissima osservazione!! Orbene viene narrata successione testamentaria!! Ma tutto viene dichiarato in comunione
Fantastico!! Il capolavoro del maneggio!
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Nel caso un testamento preveda una estrazione a sorte di lotti di beni, è possibile che uno dei chiamato si riservi alla estrazione di fatto bloccandola e quindi mettendo tutti in uno stato di stallo?
non costituisce una forzatura rispetto alle volontà della de cuius ?
Riprendendo il quesito posto, poiché il testamento non ha disposto l'assegnazioni degli immobili ai distinti eredi, ma ne ha previsto la divisione a seguito di sorteggio, ritengo sia logico presentare la dichiarazione di successione nei termini, indicando gli immobili relitti in comunione, in attesa di assolvere alle prescrizioni del testamento. Il sorteggio, nel suo rispetto, potrà tenersi nanti il notaio in un momento successivo. Così facendo si rispettano, sia i tempi tecnici, che le volontà del de cuius.
 

Seth

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
Riprendendo il quesito posto, poiché il testamento non ha disposto l'assegnazioni degli immobili ai distinti eredi, ma ne ha previsto la divisione a seguito di sorteggio, ritengo sia logico presentare la dichiarazione di successione nei termini, indicando gli immobili relitti in comunione, in attesa di assolvere alle prescrizioni del testamento. Il sorteggio, nel suo rispetto, potrà tenersi nanti il notaio in un momento successivo. Così facendo si rispettano, sia i tempi tecnici, che le volontà del de cuius.
Sinceramente non capisco, probabilmente per miei limiti. Il testatore ha disposto precisamente le sue volontà, a quanto apprendiamo. In questo caso ha disosto l’assegnazione dei beni tramite sorteggio, ma avrebbe potuto disporre qualsiasi altra divisione purché nel rispetto delle quote di riserva. Il notaio invece ritiene che, prima di attuare la volontà testamentaria, sia necessario attendere l’accordo tra gli eredi e nel frattempo procede come se fosse una successione legittima. Senza neanche interpellare uno degli eredi, che apprendiamo essere decisamente contrario a tale procedura che ritiene una forzatura.
Cioè potrei al limite capire che si disapplichi la volontà testamentaria di fronte all’accordo unanime di tutti eredi, ma non che lo si faccia solo perché lo chiedono alcuni eredi.
Di conseguenza si lascia la matassa da dipanare agli eredi, con possibili liti forse anche giudiziarie, proprio quello che il de cuius avrebbe voluto evitare, posso immaginare.
Neanche è stato fissato un termine massimo entro il quale procedere all’estrazione e se così è la situazione rischia di protrarsi sine die.
Tra l’altro, quando si arriverà finalmente alla divisione ereditaria servirà un atto di divisione con i relativi costi che si sarebbe potuto evitare attuando subito le disposizioni testamentarie, sempre se ho ben capito.

Da profano qual sono, potrebbe sfuggirmi qualcosa e in tal caso ringrazio in anticipo chi chiarirà meglio.
 

Francesco Brunetti

Membro Attivo
Proprietario Casa
Sinceramente non capisco, probabilmente per miei limiti. Il testatore ha disposto precisamente le sue volontà, a quanto apprendiamo. In questo caso ha disosto l’assegnazione dei beni tramite sorteggio, ma avrebbe potuto disporre qualsiasi altra divisione purché nel rispetto delle quote di riserva. Il notaio invece ritiene che, prima di attuare la volontà testamentaria, sia necessario attendere l’accordo tra gli eredi e nel frattempo procede come se fosse una successione legittima. Senza neanche interpellare uno degli eredi, che apprendiamo essere decisamente contrario a tale procedura che ritiene una forzatura.
Cioè potrei al limite capire che si disapplichi la volontà testamentaria di fronte all’accordo unanime di tutti eredi, ma non che lo si faccia solo perché lo chiedono alcuni eredi.
Di conseguenza si lascia la matassa da dipanare agli eredi, con possibili liti forse anche giudiziarie, proprio quello che il de cuius avrebbe voluto evitare, posso immaginare.
Neanche è stato fissato un termine massimo entro il quale procedere all’estrazione e se così è la situazione rischia di protrarsi sine die.
Tra l’altro, quando si arriverà finalmente alla divisione ereditaria servirà un atto di divisione con i relativi costi che si sarebbe potuto evitare attuando subito le disposizioni testamentarie, sempre se ho ben capito.

Da profano qual sono, potrebbe sfuggirmi qualcosa e in tal caso ringrazio in anticipo chi chiarirà meglio.
Bravissimo, hai esattamente sintetizzato! Chi mi rimborsa i costi generati da questa incompetenza per non dire altro. Non posso rivolgermi ad un notaio altro. Si proteggano te di loro. Nessuno va contro apertamente ad un collega
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Da profano qual sono, potrebbe sfuggirmi qualcosa e in tal caso ringrazio in anticipo chi chiarirà meglio.
Il testamento dispone le volontà del testatore: in questo caso non ha dato disposizioni certe e definitive. Poiché il sorteggio deve essere eseguito davanti ad un notaio alla presenza delle parti interessate, coinvolte. Queste non sono obbligate ad accettare, magari perché insoddisfatte delle disposizioni. Quindi, non se ne fa niente. Il testatore avrebbe dovuto essere più lungimirante. Pertanto soltanto un giudice può risolvere e dare una risposta, sperando che il suo interventi porti la pace e l'accordo fra gli eredi.
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
All'atto di divisione, con o senza sorteggio, ci si presenta di propria spontanea volontà. Non c'è nessuno che te lo possa imporre. Al limite il giudice può risolvere la controversia.
 

Seth

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
Queste non sono obbligate ad accettare, magari perché insoddisfatte delle disposizioni.
Esiste anche la possibilità di rinuncia all’eredità da parte di un chiamato non soddisfatto per qualsiasi ragione. Nessuno lo obbliga ad accettare l’eredità, se non gli sta bene. Semmai, che io sappia, si può agire giudizialmente in caso di non rispetto della quota di riserva degli eredi legittimi, o se ci sono altre condizioni e oneri illeciti che il testatore non aveva il diritto di imporre e un erede ha il diritto di rifiutare (avrai l’eredità solo se non ti sposi...!). Ma non mi pare che siano state sollevate obiezioni del genere.
Quindi in base a cosa “non sono obbligati ad accettare” le disposizioni testamentarie? tanto più che la volontà di disapplicare non è unanime ma solo di alcuni eredi a scapito di un altro erede.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Buongiorno,sono unica proprietaria di un immobile,ho una mamma di ottanta anni e due figlie che vivono con me,sono divorziata. Vorrei sapere, nel caso in cui dovessi mancare prima di mia mamma,la casa a chi andrebbe?
grazie.
dolcenera52 ha scritto sul profilo di mapeit.
*******e
Alto