• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Linos

Membro Attivo
Proprietario Casa
Ho in corso la ristrutturazione di un immobile, mia prima casa e mi è sorto un dubbio. Posso includere tra le spese sostenute la realizzazione di una doccia completa di box? in caso affermativo quale aliquota IVA applicare sul box doccia?
Grazie mille per le risposte che mi darete e colgo l'occasione per inviare tanti cordiali saluti.
 

possessore

Membro Storico
Proprietario Casa
Sostituzione vasca con doccia, si ha diritto alla detrazione del 50%?
Ho intenzione di eliminare la vasca da bagno sostituendola con un box doccia. Questo intervento, anche se non comporta il rifacimento totale del bagno può essere considerato di manutenzione straordinaria e quindi fruire della detrazione fiscale del 50% ? Grazie
Pietro V.

a cura di Antonella Donati


No, la semplice trasformazione della vasca in doccia non consente di usufruire della detrazione per ristrutturazione. Come indicato anche nella Guida dell'agenzia delle entrate, infatti, “la sostituzione degli apparecchi sanitari è detraibile solo se integrata o correlata a interventi maggiori per i quali spetta l’agevolazione”. Quindi la semplice sostituzione di sanitari e rubinetteria senza intervento anche sull'impianto idraulico non è sufficiente per ottenere l'agevolazione.
 

griz

Membro Storico
Professionista
se stai ristrutturando il tutto può rientrare nella ristrutturazione quindi fruire del 50% a meno che tu non stia facendo opere di manutenzione ordinaria che chiami ristrutturazione, hai presentato una pratica edilizia?
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
@griz: memore della discussione sul tetto, vorrei approfondire.
Se demolisco piastrelle , i vecchi sanitari, rifaccio l’impianto idraulico vecchio di 60 anni e ripristino piastellatura pavimento, pareti e sanitari, rimane edilizia libera.
E per le detrazioni ed IVA sulla fattura?
 

griz

Membro Storico
Professionista
@griz: memore della discussione sul tetto, vorrei approfondire.
Se demolisco piastrelle , i vecchi sanitari, rifaccio l’impianto idraulico vecchio di 60 anni e ripristino piastellatura pavimento, pareti e sanitari, rimane edilizia libera.
E per le detrazioni ed IVA sulla fattura?
si è edilizia libera per di più manutenzione ordinaria, per l'IVA mi trovi impreparato, non sono sicuro se al 10%
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
Manutenzione ordinaria per il glossario o per il fisco?

più direttamente, rientra nelle detrazioni? Finora mi pareva di si
 

Linos

Membro Attivo
Proprietario Casa

Linos

Membro Attivo
Proprietario Casa
se stai ristrutturando il tutto può rientrare nella ristrutturazione quindi fruire del 50% a meno che tu non stia facendo opere di manutenzione ordinaria che chiami ristrutturazione, hai presentato una pratica edilizia?
Si ho presentato regolare pratica edilizia ed il bagno è stato completamente ristrutturato.
Grazie per la puntuale risposta.
 

possessore

Membro Storico
Proprietario Casa
Per quanto riguarda infine le opere di manutenzione ordinaria, possono beneficiare della detrazione solo se si rendono necessarie per cause di forza maggiore. Nel caso in cui infatti il proprietario di casa deve procedere alla sostituzione delle tubature e per questo motivo si rende necessario, ad esempio spaccare le piastrelle e i sanitari, allora anche per queste opere si può beneficiare della detrazione fiscale.

Parimenti ammesse le opere di sostituzione della vasca da bagno con una doccia, se tale intervento richiede l’adattamento dell’impianto idraulico OPPURE il montaggio di box doccia progettati per soggetti disabili e non autosufficienti.

Si ricorda inoltre che è possibile usufruire anche della detrazione del 50% su un importo massimo di 10.000 euro prevista per il bonus mobili, se si deve arredare il bagno, a condizione che l’acquisto del mobilio è contestuale alle opere di manutenzione straordinaria, risanamento conservativo, restauro o ristrutturazione.
 

griz

Membro Storico
Professionista
Manutenzione ordinaria per il glossario o per il fisco?
la sostituzione di piastrelle, sanitari, rubinetterie, imbiancature dei locali, ecc. è sempre stata una manutenzione ordinaria, ai sensi del T.U. le manutenzioni straordinarie sono quelle che comportano interventi di modifica che richiedevano l'intervento di un tecnico per asseverare la rispondenza delle modifiche alle norme (impiego di materiali diversi all'esterno, spostamento di porte e di tavolati, ecc.) concetti che ormai i tecnici hanno a memoria da sempre, il glossario ha esteso un po' il concetto considerando ordinarie alcune opere che erano considerate straordinarie ma in realtà c'era ben poco da asseverare e questa è una semplificazione che, come hai visto, sta generando un po' di confusione
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
@griz , @Biz Consulting

Il rifacimento totale di un bagno (rimozione pavimento e sottofondo, pareti e rifacimento tubature ...., sostituzione sanitari e ripiastrellatura, sono un lavoro detraibile (come apparirebbe dalla guida) o adesso ci sono dubbi?
 

griz

Membro Storico
Professionista
Il rifacimento totale di un bagno (rimozione pavimento e sottofondo, pareti e rifacimento tubature ...., sostituzione sanitari e ripiastrellatura, sono un lavoro detraibile (come apparirebbe dalla guida) o adesso ci sono dubbi?
il rifacimento del bagno così come lo descrivi mi pare sia detraibile, se poi la guida lo esplicita... Da quanto abbiamo appurato nell'altro post, il glossario delle manutenzioni ordinarie vale per la burocazia comunale e non per le disposizioni fiscali
 

uva

Membro Storico
Proprietario Casa
rifacimento totale di un bagno (rimozione pavimento e sottofondo, pareti e rifacimento tubature ...., sostituzione sanitari e ripiastrellatura, sono un lavoro detraibile
In base alla mia esperienza sono lavori per i quali si ha diritto al bonus fiscale 50%.

Io li feci due anni fa, non presentando né Cil né Cila perché il Comune non le voleva (lavori in edilizia libera).
Ho preparato la "dichiarazione sostitutiva dell'atto di notorietà".
Per essere tranquilla ho sottoposto la mia pratica a due commercialisti, col secondo ne ho parlato a giugno di quest'anno, che la ritengono corretta.
Finora l'Agenzia delle Entrate non ha eccepito nulla, ma i termini per l'accertamento dell'anno 2018 non sono ancora scaduti.

Ne avevo parlato qui:
(post dal n. #10 in avanti)
 

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
Il rifacimento degli impianti idrici/elettrici sono lavori che permettono di usufruire dei bonus.

La evidente necessità di rimuovere piastrelle/intonaci ed il rifare le pitture seguono il lavoro principale quindi conteggiabili per il bonus.
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
Constato con piacere che per tutti... è sempre stato così: ma ultimamente sembravano sorgere diverse interpretazioni discusse su altra discussione recente.
Grazie comunque a tutti.
 

Biz Consulting

Membro Attivo
Professionista
@griz , @Biz Consulting

Il rifacimento totale di un bagno (rimozione pavimento e sottofondo, pareti e rifacimento tubature ...., sostituzione sanitari e ripiastrellatura, sono un lavoro detraibile (come apparirebbe dalla guida) o adesso ci sono dubbi?
Non mi dilungo a dare spiegazioni direttamente in questa risposta perché ho scritto un post anni fa che riguardava in modo specifico la sostituzione vasca con doccia, estendendo la spiegazione anche agli interventi su tutto il bagno.
Visto che non ci sono stati cambiamenti sostanziali alla normativa edilizia in questo ambito da quando l'ho pubblicato, credo possa dare una mano anche oggi a capire come muoversi.
Spero possa tornarvi utile.

So che qui resta ancora aperta la questione inquadramento "fiscale" e inquadramento "tecnico" delle manutenzioni dei lavori uscita fuori in altre discussioni, ma sapete già come la penso a riguardo.
Per cui ritengo superfluo intervenire ancora sulla questione, visto che l'interpretazione "fantasiosa" dell'Agenzia delle Entrate, non ha ancora avuto l'avvallo dei ministeri competenti.
Per me vale quello che dice la normativa edilizia, visto che è il riferimento per ogni Comune in sede di richiesta permessi e non è semplice filosofia.

Buona giornata a tutti.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Principia ha scritto sul profilo di Gianco.
Giaco ho letto che sei professionista che lavoro fai? Potrei contattarti telefonicamente se sei in tecnico?
Buongiorno,

Chiedo a questo forum una delucidazione per un contratto di affitto casa.

Sto per affittare una casa dal 21 ottobre di quest' anno, ho optato per la cedolare secca, quando e come dovrei versare la tassa del 21% ? E poi come funzioneranno i vari versamenti per l'anno prossimo?

Vi ringrazio per la risposta
Alto