• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

prisco79

Membro Attivo
Tra le mille cose una contrario dell'altra...ho trovato anche questa, che se ho capito bene, sostiene che non si può impedire un passaggio, anche se su zone altrui, per accedere alla pubblica via, soprattutto se è l'unico passaggio con cui passare con la propria auto.

<<...Nello specifico, guardando a una tipologia di servitù particolarmente nota, ossia la servitù coattiva di passaggio, per l'ottenimento della costituzione del diritto non si può guardare solamente alla situazione materiale del fondo ma è necessario altresì considerare di chi sia la proprietà dei fondi circostanti.

Come ha specificato la Suprema Corte di Cassazione, ai sensi dell'art. 1051 c.c. l'interclusione assoluta o relativa che legittima la costituzione della servitù coattiva di passaggio ricorre quando il fondo, privo di accesso alla via pubblica, è circondato da fondi altrui, situazione, questa, che giustifica l'imposizione del peso in re aliena.

Relativizzata la nozione di fondo all'uso produttivo o civile cui esso è adibito dal proprietario, l'interclusione sussiste se ed in quanto l'unità immobiliare che si assume come fondo dominante sia circondata da terreno di proprietà aliena, di guisa che il passaggio non possa essere attuato se non col sacrificio del diritto altrui.

Diversamente, se tra il fondo del cui vantaggio si tratta e la via pubblica s'interpongono altri fondi appartenenti al medesimo titolare e dotati o dotabili di accesso proprio alla via pubblica senza eccessivo dispendio o disagio, nessun ostacolo giuridico o materiale impedisce il passaggio attraverso i fondi del medesimo proprietario.
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Errato! Il diritto al passaggio esiste esclusivamente per i terreni agricoli. Le aree urbane o ce l'hanno o non passano. Per poter accedere in assenza di servitù di passaggio, il diritto si può solamente acquistare, altrimenti resta intercluso (e ci arriva solo con l'aereo). Neanche il giudice può imporre una servitù se il lotto è intercluso!
 

prisco79

Membro Attivo
Errato! Il diritto al passaggio esiste esclusivamente per i terreni agricoli. Le aree urbane o ce l'hanno o non passano. Per poter accedere in assenza di servitù di passaggio, il diritto si può solamente acquistare, altrimenti resta intercluso (e ci arriva solo con l'aereo). Neanche il giudice può imporre una servitù se il lotto è intercluso!
Calma, oggi ci siamo trovati e per fortuna abbiamo risolto. Ho planimetria con citato servitù di passaggio in corrispondenza del cancello carraio approvato dal comune. Inoltre sarà specificato nel rogito che c'è servitù di passaggio.
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Ho planimetria con citato servitù di passaggio in corrispondenza del cancello carraio approvato dal comune.
Certamente, il problema dovrebbe essere risolto se il venditore ti garantisce la servitù di passaggio nell'atto ed il proprietario del fondo servente non si oppone. Comunque, il comune approva il documento tecnico se rispetta il regolamento edilizio e prende atto della servitù di passaggio che il richiedente la pratica edilizia dichiara.
 

prisco79

Membro Attivo
Certamente, il problema dovrebbe essere risolto se il venditore ti garantisce la servitù di passaggio nell'atto ed il proprietario del fondo servente non si oppone. Comunque, il comune approva il documento tecnico se rispetta il regolamento edilizio e prende atto della servitù di passaggio che il richiedente la pratica edilizia dichiara.
Lui me la garantisce, i documenti ci sono, sia quelli dell'ex proprietà che quella attuale, c'è scritto pure sul fax all'amministratore dell'area x la richiesta dei telecomandi. Sarà scritto nell'atto di acquisto, quindi spero di non avere nessun problema. Ma la vedo dura che un singolo condomino mi venga a rompere le scatole, avendo poi tutto quello spazio davanti e dove comunque circolano altte auto.
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Se poi la servitù di passaggio viene utilizzata normalmente dall'attuale proprietario senza contestazioni, sei quasi in una botte di ferro.
 

prisco79

Membro Attivo
Se poi la servitù di passaggio viene utilizzata normalmente dall'attuale proprietario senza contestazioni, sei quasi in una botte di ferro.
Lui è il costruttore e l'appartamento non è abitato, perciò è stato utilizzato sporadicamente per potatura siepi. Ad ogni modo è stato utilizzato e c'è la fattura di rilascio telecomando sbarre dall'amministratore dell'area, consegnato a titolo di avente diritto di passaggio.
 

chiacchia

Membro Senior
Proprietario Casa
Gianco ma la servitù di passaggio ha delle dimensioni? ossia in genere si considera passaggio carrabile o pedonale? non è per portare sfiga ma visto i dubbi di Prisco è giusto guardare la cosa a 360° vi pare?
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Se ci si passa è una servitù di passaggio nelle dimensioni abituali. La stessa potrebbe essere a cavallo di più proprietà, tutte gravate dalla servitù.
 

prisco79

Membro Attivo
Gianco ma la servitù di passaggio ha delle dimensioni? ossia in genere si considera passaggio carrabile o pedonale? non è per portare sfiga ma visto i dubbi di Prisco è giusto guardare la cosa a 360° vi pare?
Giusta domanda, diciamo che deve essere specificato il tipo di servitù. Una volta che compare Servitù di passaggio carraio sei a posto.
Ne ho parlato al notaio e verificherà bene i documenti per essere tranquilli.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

dove è il tasto invio per mandare il messaggio che ho scritto
Alto