1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. sergio gattinara

    sergio gattinara Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    SOVRANITA ce l’ abbiamo ancora?
    Ho 72 anni , ho assistito , prima a scuola, poi nel lavoro,in Italia ed all’ estero, alla nascita dell’Europa che avvenne con la nostra adesione—fortemente voluta da de Gasperi,giustamente timoroso di un isolamento dell Italia—alla C.E.C.A. ( Comunità Europea Carbone ed Acciaio)
    .
    La documentazione uscita, tempo fa, dagli archivi di stato americani e inglesi dopo 60 anni ci rivelano come e da chi è nata la cosa. Sembra incredibile, per chi come me ha vissuto passo passo il cammino dell ‘Europa, ma l ‘iniziativa la presero gli Stati Uniti ( con l’ opposizione della Gran Bretagna).
    Gli Stati Uniti, anzi,più precisamente la CIA, si posero il problema in questi termini:non possiamo ogni trentanni o giù di lì tornare in Europa a dividere Francia e Germania che si fanno la guerra. Occorre metterli insieme in qualche modo.

    Cosi nacque la CECA(Comunità Europea Carbone ed Acciaio).
    Non solo, dalla documentazione emerge che per i primi anni l ‘affitto degli uffici fu pagato dalla stessa CIA tenendo all’ oscuro il Congresso anche per non essere attaccati propagandisticamente dai sovietici.
    Ne facevano parte Germania e Francia che così mettevano in comune le risorse per le quali si erano fatte le guerre, mettevano sotto controllo la produzione dell acciaio e quindi del riarmo.
    Con Benelux ed Italia in più come corollario.
    .Il benelux per ragioni geografiche e l’Italia per l insistenza di De Gasperi timoroso di essere lasciato fuori . La Gran Bretagna restò fuori perchè gli interessi non coincidevano .
    Per la Germania è presto detto.
    Dall’esame della documentazione del III Reich emerge chiaramente una visione dell Europa pressocchè.simile a quella che abbiamo creato
    Messa in questi termini si sarebbe capito subito che andavamo a rimorchio anche se ci indoravano la pillola venendo a firmare a Roma . I politici che capirono furono anche quelli che lo promossero, senza dubbio in buona fede, ma anche senza alcuna fiducia nelle capacità dei propri concittadini di farcela.
    A parte le ragion politiche( finirla con le guerre) c erano quelle economiche a favore di questa “unificazione”,. Germania e Francia hanno sempre avuto bisogno del mercato continentale e di conseguenza di una stabilità nei cambi. L’ Italia al contrario è del tipo del Giappone, con un cambio flessibile e debole.

    Nel 1999 l ‘ Euro.
    Faccio una premessa : sono sempre stato euroscettico.
    Per me l’euro è come il vino della cantina sociale. Un vino,buono, anzi a volte anche buonissimo, ma che sconta inevitabilmente il fatto di essere la fusione di uve di qualità diversa , perchè diversa ( come esposizione al sole, qualità del terreno ecc)è la loro provenienza
    . Un prodotto dal quale non si può pretendere di ottenere un “RISERVA”.

    Se non lo puoi fare con il vino, tanto meno lo puoi fare con la moneta, pretenderlo è appunto una pretesa.

    Una Unione monetaria, potrebbe funzionare se i partner fossero su di un piano di parità economico e perseguissero comuni obbiettivi. Questo non è mai stato il caso.

    Si è detto che una unità politica può svilupparsi attorno ad una unità monetaria; la Storia ci segnala che l unico tentativo in tale genere ci fu nel 1865 con la Unione Monetaria Latina ispirata dai francesi e finita in pezzi.
    Cionondimeno rinunciammo alla sovranità valutaria ed accettammo un cambio capestro.

    Non solo, la parità con il dollaro nei primi mesi oscillò violentemente da 1,18 a o,85 a 1,26 pari a percentuali del 48% percentuali che nemmeno la lira aveva fatto registrare

    Fintanto che i tassi di interesse rimasero bassi tutti contenti “dimenticandosi” di usare il risparmio per ridurre il debito.
    Ed ora l’Europa ci richiama all’ordine,.Non solo ma, non contenta ci manda a dire che le nostre RISERVE AUREE NON SONO NOSTRE. Anzi non lo sono mai state. Vedere per credere, come finì, nel 2009 il tentativo di Tremonti di fare chiarezza su questo punto.
    E il nostro Governo? Probabilmente è conscio , come i predecessori di essere a sovranità limitata .
    E il Parlamento? Boh?
    Saranno anche SACRE le riserve ma sono soldi a tasso zero e sono le terze del mondo perchè non usarle? Sempre che ne abbiamo la SOVRANITA’
    Al 31 10,2011 erano 2451 TONNELLATE pari a circa 156 miliardi di dolllari.
    Per intendersi la Cina ne ha solo 1054 tonnellate, il giappone 765 la spagna 280
    SE NON LO FACCIAMO NOI, ORA, CHI LO FARA? DOVE COME QUANDO????
    Per contro ci chiedono, dopo la politica Valutaria di uniformare quella Fiscale.
    CI HANNO INCASTRATI.
    La ragione è che anche noi abbiamo conti non confrontabili e di fatto falsi
    Mi riferisco al diverso modo di contabilizzare l’ IRPEF, con la scusa che il nostro bilancio è per cassa.
    Non voglio dire che sia corretto il modo utilizzato dallo Stato Italiano per contabilizzare, dico che se ci costringessero ad adeguarci a loro, le manovre attuali sembreranno ACQUA FRESCA. Con il risultato che non avremmo mezzi per crescere, svilupparci, investire cioè l’ ideale per Francia e Germania che così potranno, da buoni bottegai, disporre di un mercato di 60 milioni che non li importuni nelle altre aree concorrenziali.


    Con la motivazione “tecnica” di una politica fiscale comune è stata data, come Italia, la disponibilità all’autocastrazione senza nemmeno mettere un minimo di condizioni.

    Correggere le nostre cifre ci manderà in frantumi così come vogliono i conduttori della UE ai quali
    il “nostro” Monti, novello Quisling, ha fornito la sua collaborazione., senza peritarsi di chiedere il permesso al Parlamento.
    Sarò in mala fede ma per me questa è l’ unica ragione per la quale ce lo hanno imposto e lui ha
    accettato.


    Sergio Gattinara


    Roma 4 gennaio 2012
     
    A marifior, disperato e perugina piace questo elemento.
  2. marifior

    marifior Nuovo Iscritto

    Grazie per l'analisi storica documentata dai più credo ignorata. Credo che dal crollo dell'Impero Romano la sovranità del nostro magnifico Paese non sia mai esistita. E' doloroso ma è così.Una nemesi storica: da antichi colonizzatori siamo da tempo immemore colonizzati. Credo comunque che la storia resti la sola "maestra di vita" e che ignorarla porta ad affidarsi a chi si presenta come "Salvatore della Patria". La domanda alla quale non so rispondere e per la quale non ho trovato risposta è:" In alternativa cosa fare?"
    Con sincera stima per il suo impegno da vero "Italiano" fiero di esserlo farò "girare" le sue preziose considerazioni con il consueto passaparola augurandole comunque un sereno 2012. :fiore::fiore::fiore:
     
  3. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    Carissimo Sergio sei del 39 coetaneo mio, ne abbiamo viste di cotte e di crude, le abbiamo superate tutte ma questa che stiamo entrando è un crisi mondiale e non so come potremo reagire, le forse mancano lo spirito resiste ancora, ma si sta affievolendo vedendo tutto questo spreco di risorse prodotte negli ultimi 60 anni con sacrifici e rinuncie, che i giovani di oggi non vogliono fare e i politici pur di mantenere i loro introiti non sanno dove attaccarsi pur di non fare rinunce personali dei loro stipendi lauti, ma il politico fa il politico e la gira come vuole se lo ascolti devi mettere mano ai portafogli e dare un obolo perche sono politici e ti convincono quasi sempre ciao:daccordo:
     
  4. romrub

    romrub Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    Concordo su tutto!! L'altro giorno ho avuto la tua stessa idea e mi sono cercato le riserve auree, con i tuoi risultati, e mi sono detto visto che non servono più per bilanciare l'emissione di moneta, perchè non venederne fino al livello della Spagna dando una rosbusta tagliata al debito pubblico. Ho fatto allora una successiva indagine su dove fosse questo oro, ho trovato che per il 75% è depositato presso istituzioni sovranazionali, ma anche venderne solo il 25% sarebbero sempre circa 40 miliardi di dollari a costo zero!
    Il punto è che le regole vengono fatte da chi poi le vuol controllare sugli altri, ma fa di tutto perchè non valgano per loro.
    Ho letto questa estate (mi sembra da Muchetti) che c'è una voce di spesa utilizzata dalla Germania ma vietata all'Italia che vale circa 240 miliardi di euro: perchè uno stato la può usare ed un altro no?
    Ultima cosa, ho posto questo quesito a diversi giornalisti economici senza averne risposta: perchè la proprietà edilizia non compare nel PIL mentre la locazione si?
    In pratica due stati che abbiano tutti i parametri economici identici, con un'unica differenza sulla proprietà immobiliare: in uno tutti hanno la casa di proprietà, nell'altro tutti pagano l'affitto. Ai fini del PIL, risulta superiore quello in cui tutti pagano l'affitto, perchè c'è circolazione di denaro! Facendo diventare la proprietà un peso. Qualcuno me ne sa spiegare una ragione.
     
    A marifior piace questo elemento.
  5. JERRY48

    JERRY48 Ospite

    La prova provata che l'Italia da 66 anni, non è (nè può essere, nè, nelle sue attuali condizioni, potrà mai diventarlo!) uno Stato indipendente e sovrano, e che il suo governo (di destra, sinistra, centro...sarebbe la stessa cosa!) non è (nè può essere) in grado di fare liberamente e degnamente gli interessi dei suoi amministrati
    in quanto, oltre ad essere charamente in sottordine a quello degli USA, è invariabilmente ed incessantemente sotto ricatto ed autorità di Washington che tende puntualmente, arrogantemente e sfacciatamente ad intimargli cosa si debba o non si debba fare...
    -la prova provata- l'abbiamo definitivamente avuta in concomitanza con la crisi Libica.
    questo, nonostante l'Italia avesse un preciso e vincolante trattato di non aggressione e di cooperazione con la Libia, e che i nostri interessi politici, economici ed energetici consigliassero, quanto meno, di restare neutrali.
    per l'oro in cassaforte: c'è un nodo e un vincolo.
    la cessione di autorità alla Bce non consente invece a Bankitalia di fare come gli pare.
    le riserve nazionali, infatti, sono parte integrante di quelle dell'Eurosistema e il loro livello complessivo contribuisce alla salvaguardia della credibilità del Sistema europeo delle banche centrali.
    Bankitalia, inoltre, gestisce una parte delle riserve conferite alla stessa Bce secondo le linee guida decise dal Consiglio direttivo di Francoforte.
    insomma a via Nazionale non hanno le mani libere. a tanto siamo arrivati con la costituzione dell'EU.

    non abbiamo Stato sovrano e sopratutto indipendente (maledetta guerra!)
    siamo indebitati sino al collo (maledetti sprechi!)
    non abbiamo governo eletto dal popolo (maledetti politici nostrani!)

    conclusione: siamo malmessi!!!:rabbia:
     
    A marifior piace questo elemento.
  6. Il medico della casa

    Il medico della casa Membro Attivo

    Io penso che l'Italia, in quanto colonia statunitense, abbia dal dopoguerra in poi seguito la "American way of life", ovvero la tendenza comportamentale americana basata sullo spreco, sul successo(!) e sulla bella vita(!). Ovviamente tutto ciò non è stato gratis: gli americani per portarci dalla loro parte (ideologica), ci hanno letteralmente sommersi di denaro, vedi piano Marshall e seguenti, e la stessa cosa hanno fatto i sovietici dall'altra parte, per ottenere consensi del restante 50% d'Italia non gestito dalla DC.
    Tutto questo ben di Dio è pervenuto ai nostri governi da est e da ovest in misura crescente e progressiva fino al 1989, data di conclusione della contrapposizione fra blocco sovietico ed americano. Da quella data in poi non era più necessario per gli americani renderci simili a loro, quindi anticomunisti, e per i sovietici, ormai eravamo ben distanti dai loro confini per poter rappresentare un interesse strategico reale.
    Risultato: l'Italia non è mai stata in grado di guadagnare denaro, mentre era molto ma molto brava nello spendere ciò che arrivava da più parti. Dal 1989 in poi ci si rese conto che con le proprie risorse non si sarebbe arrivati lontano, quattro pareggi contabili e si scoprì che la nazione era fortemente indebitata. Da li a qualche anno ci fu la svalutazione della lira dell'8%, ed il crollo della credibilità finanziaria a livello internazionale. Dall'89 ad oggi il debito pubblico è aumentato anno per anno, e la cifra spesa dall'Italia annualmente è sempre stata superiore a quella incassata.
    Secondo me, a livello nazionale non siamo assolutamente in grado nè di guadagnarci la pagnotta, e nè di venir fuori dallo stato in cui ci troviamo. Siamo invece molto bravi a spendere e sperperare il denaro di altri come abbiamo fatto dal dopoguerra in poi.
    E' interessante osservare come la politica in Italia abbia questo ruolo di "dispensatrice di denaro", derivante dalla posizione assunta nel dopoguerra, dove il denaro giungeva dagli americani al governo, e poi questo stabiliva come distribuirlo agli amici ed amici degli amici. In altre nazioni più civili invece, la politica si occupava e si occupa di gestire il patrimonio comune, con qualche eccesso forse, ma senza disastri.
    Sinceramente non saprei cosa proporre. Il nord se la prende con il sud, nella stessa maniera in cui la Germania se la prende con l'Italia. Se la Germania ci proponesse l'annessione in stile Germania Est, quasi quasi....ci penserei!
     
  7. sergio gattinara

    sergio gattinara Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    il mio cruccio è quello di non sapere SE E COSA abbiamo negoziato IN CAMBIO.
    E' bello dire che tutte le riserve auree proteggono complessivamente tutti ma è anche vero che i restanti paesi dell euro tutti insieme( Francia e Germania esclusi) sono titolari di meno di 1900 tonnellate contro le 2451 tonnellate dell Italia da sola.
    Aggiungo, la BCE ha ulteriori 500 tonn ma non sono riuscito a sapere chi le ha versate ( immagino in percentuale).
    Ora questa disponibilità che sembra che l Italia abbia dato ( senza dirlo a i suoi cittadini) per l ideale europeo cosa ha ricevuto in cambio? rimbrotti dai bottegai francotedeschi,il silenzio degli altri nanerottoli e per di più ci dobbiamo ingoiare il sentirici dire che ORA che c è Quisling ( pardon) MONTI non siamo più come la Grecia che ha RISERVE per 111 TOnnellate cioè il 4,5% di quelle italiane.
    MI si domanda " cosa possiamo fare? intanto smetterla di fare i polli di Renzo ( quello dei promessi sposi
    che si beccavano mentre venivano portati al mercato per essere sgozzati).
    Ci sono persone nate per servire e si fanno un vanto di essere maggiordomi perchè l aria che più gli piace. Io ho imparato che non ci sono " pranzi gratis" e chi "guida" l europa sono Bottegai
    . Il guaio dell italiano da berlusconi a monti (che io preferisco chiamare "secondo ministro") a napolitano(il vero primo ministro)vogliamo piacere e soprattutto fare BELLA FIGURA ( quante volte l' ho vista scritta in italiano con ironia sui giornali tedeschi inglesi francesi e statunitensi)a noi sembra che ci basti! come è evidente che la sinistra pur di essere accettata a bere il caffè dopocena ha ceduto su tutto.
     
    A romrub piace questo elemento.
  8. sergio gattinara

    sergio gattinara Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    mi sembra fuori luogo confutare le tue sensazioni.sono sensazioni derivanti da ciò che hai visto accadere attorno, non le condivido ma le posso capire.
    So di dire una cosa per la quale non c è volontà morale e politica per realizzarla ma se ne avessi la possibilità io farei una proposta alle singole regioni italiane Direi

    andate sul mercato, senza la mia garanzia statale fatevi prestare o dare ( con le cessioni)quello chevti serve più un quid per rimborsare il debito in cambio vi cedo gradualmente ed in proporzione la mia sovranità fiscale. troppo semplice? senza dubbio ma fattibile
     
  9. JERRY48

    JERRY48 Ospite

    il nostro oro tra i depositi più consistenti del mondo, non è vendibile perchè vincolato a prestiti, avuti, anche
    30-35 anni fa.
    è vero l'Italia ha la quarta riserva aurea del mondo, ma non può toccarlo.
    è troppo il debito accumulato negli anni passati sino ai giorni nostri.
     
  10. marifior

    marifior Nuovo Iscritto

    federalismo fiscale?
     
  11. sergio gattinara

    sergio gattinara Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    MI DAI LA FONTE DALLA QUALE HAI TRATTO QUESTA NOTIZIA?
    L UNICO ORO fu quello dato nel 1978 alla germania contro un prestito di 400 milioni di dollari prontamente recuperato.(ho potuto conoscere tale operazione in dettaglio mentre lavoravo nl settore a new york)
     
    A marifior piace questo elemento.
  12. sergio gattinara

    sergio gattinara Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
     
  13. JERRY48

    JERRY48 Ospite

    Bankitalia non è più del popolo Italiano.
    bensì di Unicredit, Intesa e così via...
    queste banche non hanno passività o esposizioni per i loro finanziamenti?
    mi sa proprio di sì.
     
  14. sergio gattinara

    sergio gattinara Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    stai facendo una grossa confusione. I bilanci sono quelli che fanno fede. La banca d italia ha in bilancio le riserve libere Gli istituti che hai citato hanno piccole partecipazioni azionarie e sono sottoposte alla vigianza bankitalia
    Sono stato tesoreiere d una d qelle banche stai certo chE mai e poi mai bankitalia o chi per essa ha garantto alcunchè altrimenti dovrebbe esserci n bilancio
     
  15. JERRY48

    JERRY48 Ospite

    al 31 gennaio 2008, ma le cose sono ulteriormente cambiate senz'altro:
    INTESA S. PAOLO 30,3
    UNICREDITO ITALIANO 22,1
    ASSICURAZIONI GENERALI 6,3
    CASSA RISPARMIO BO 6,2
    INPS 5,0
    CARIGE 4,0
    BNL 2,8
    MONTE PASCHI SIENA 2,5
    C. RISPARMIO BIELLA VERC. 2,1
    C. RISPARMIO PARMA PIAC. 2,0

    Beninteso le cose sono cambiate dal 2008 ad oggi con le varie fusioni
     
  16. sergio gattinara

    sergio gattinara Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Ripeto l azionariato della bankitalia non ha, nè può avere trattamento diverso da tutte le altre istituzioni sottoposte alla vigilanza della stessa bankitaklia. Sarebbe un conflitto di interessi da far impallidire qualunqe altro.
    Dette banche quando vanno sul mercato per approvigionarsi lo fanno come tutte le altre. non vengono concess particolari privilegi. Quando tu dici e parli di prestiti erogati 30 - 35 anni fa garantiti dall oro dici una cosa non vera e senza senso.Se lo nascondessero in bilancio in Italia( e perchè dovrebbero) i prestatori iesteri non lo nascondebbero di certo e vorrei proprio sapere chi sarebbero costoro,
    Se tu vuoi dire che avendo noi Italia molto oro in riserva diamo più tranquilltà a chi presta senza che il prenditore debba dare o far dare garanzie. Quando si è formato il sistema bancario italiano e prima dello scandalo della banca romana più di un istituto batteva moneta. Ci fu un momento, credo all inizio del secolo scorso, che perun prestito concesso da new yrk all Italia venne richiesta la garanzia della filiale di new york del banco di napoli.
     
  17. Giovanni de Matteis

    Giovanni de Matteis Nuovo Iscritto

    Ma che bella lezione di storia ! Solo mi pare che questo non sia il sito adatto ... !
     
  18. sergio gattinara

    sergio gattinara Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    La mia non vole a essere un lezione di storia. Ho cercato, apparentemente senza riuscirci, almeno con te,di richiamare l attenzione usl fatto che con la scusa di uno pseudo governo tecnico( tipologia inesistente e non prevista dalla costituzione) ci vogliono mollare una bella fregatura riuscendo pure a sentirsi in colpa grazie a chi si compiace e considera l della sua carriera ricevere il buffetto sjulla guancia dal tedesco o francese di turno
     
  19. JERRY48

    JERRY48 Ospite

    X sergio
    in effetti come abbiamo visto Bankitalia è di proprietà delle nostre banche commerciali, che detengono le quote, anche se non ne stabiliscono i destini. anzi da essa sono vigilate (le stranezze italiane).
    -- LA SOVRANITA': non l'abbiamo più l'abbiamo persa.
    ci sarebbe da scrivere così tanto che non basterebbe un volume pari ad uno Zingarelli. proviamo.
    il denaro è al centro delle nostre esistenze ed a causa sua abbiamo abbandonato i ritmi naturali del vivere in armonia con il tutto. cosa c'è di certo: la verità sul DENARO come mezzo per detenere il potere sulle masse.
    IL PRIMO PASSO è indebitare lo Stato attraverso accordi segreti e collusioni politiche. le banche centrali, che al contrario di quello che si pensa sono di proprietà di privati, si sono impossessate della facoltà di stampare la moneta, facoltà che naturalmente deve appartenere al popolo (sovranità monetaria) perchè lavora e crea ricchezza. la moneta stampata al solo costo tipografico viene immessa in circolazione contro un indebitamento dello Stato tramite l'emissione dei titoli di stato gravati da un tasso di interesse deciso dalla banca centrale.
    IL SECONDO PASSO è quello di indebitare i cittadini. le banche commerciali secondo le attuali leggi bancarie possono creare soldi virtuali, con un solo click sul computer, fino a 98 volte i depositi che i risparmiatori e le aziende hanno presso di loro. in pratica se alla mia banca io deposito 100 soldi, questa, una volta depositata la riserva frazionaria alla banca centrale, può prestare fino a 10 volte e forse più i soldi depositati prendendoci anche gli interessi. in pratica contro ricchezza fittizia (denaro di carta della banca centrale) o virtuale ( denaro elettronico peggiore di quello di carta perchè non esiste per niente) il sistema bancario (privato) riceve ricchezza reale fatta del lavoro di tutti noi e se non riusciamo a restituire il prestito con gli interessi si prendono anche le nostre case e le nostre aziende. questa "truffa" non è una cosa solo italiana, ma appartiene a tutto il mondo: in occidente con lo schema sopra descritto, mentre nel terzo mondo con la razzia delle ricchissime materie prime attraverso i prestiti, che nessuno stato potrà restituire, concessi per il tramite della Banca Mondiale ed il Fondo Monetario Intrnazionale. in pratica se immetto denaro per 100 e chiedo 105, avrò sempre qualcuno cui mancheranno quei 5 ed avrò sempre la certezza matematica che sempre più persone o stati dipenderanno da me (o meglio dal denaro). dentro questo meccanismo perverso la competizione e la lotta è feroce per accaparrarsi questo 5: i prezzi salgono, le tasse sono altissime, i diritti elementari negati e sono forti (ed inutili) le contrapposizioni politiche. gli enormi ed illeciti profitti accumulati dal sistema bancario vengono utilizzati per fomentare guerre, aumentare le divisioni ed esasperare la competizione tra le persone aziende e stati.

    benvenuti all'inferno.
     
    A marifior piace questo elemento.
  20. sergio gattinara

    sergio gattinara Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    la banca d italia è istituto di diritto pubblico co quello che ne consegue dal pjnto di vista dllo scopo che persegue.
    la corte di Cassazione a sezioni unite il 22.6.2006 n.16751 ha chiarito molti aspetti.
    Rimane un solo fatto.La banca d italiaha deciso di aderire al sistema delle banche centrali europe e con ciò rinunciando alla gestione autonoma delle riserve. Qui sta ilpunto-
    Come l abbia fatto, da chi istruita chi ne era a conoscenza , se l hanno detto al popolo sovrano non l ho ancora capito. Ma forse ce l hanno detto e noi non abbiamo afferato il oncetto succede:disappunto::soldi:
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina