• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

ioalva

Membro Attivo
Proprietario Casa
Buongiorno,
chiedo gentilmente se qualcuno può chiarire su norme ecc per l'uso di bagni condominiali.

Condominio costruito anni '60 : entrando, nel cortile interno, sul lato sinistro c'è l'edificio condominiale con a
piano terra n 5 proprietà tra magazzini ed attività varie; sul lato destro (staccati dal condominio), ci sono una
decina di box e n 4 piccoli bagni condominiali dotati solo di "turca" che, ai tempi, assolvevano alle necessità delle proprietà magazzini/niattività piano terra in quanto tutti sprovvisti di bagno.

Esternamente a detti bagni c'è un lavandino, d'uso per chi utilizza detti bagni e dall'impresa di pulizie

Da parecchi anni 2 delle 5 proprietà, si sono fatte fare il bagno interno, rimangono quindi 3 proprietà senza,

Attualmente queste 5 proprietà :

. un magazzino è abbandonato da circa 10 anni
. un magazzino è utiizzato uso box (non usa il bagno)
. una proprieta senza bagno, il quale proprietario utilizza un bagno condominiale in esclusiva
. due proprietà che nel tempo si sono fatte fare il bagno

Il problema nasce da una delle due proprietà (utilizzata da un l'inquilino artigiano) che il bagno ce l'ha.
Questo inquilino, circa un anno fà, avvisando il proprietario, ha richiesto all'amministratore (che l'ha permesso), di poter utilizzare un bagno condominiale, in disuso, promettendo di pulirlo, imbiancarlo, verniciare la porta di ingresso, cose che ha fatto.
Premetto che il condominio non si è mai interessato a questi bagni, sono abbastanza nascosti alla vista,
le due porte di accesso ai due bagni utilizzati appaiono civili, le altre due fatiscenti.

Circa un anno fà l'amministratore, poichè il lavandino perdeva acqua, ha mandato l'idraulico che per sistemare lo scarico (anche bucando il muro ed il pavimento), il carico, cambiato rubinetto lavandino e...già che c'era ..due vitoni del passo rapido dei 2 bagni utilizzzati, ha emesso una fattura, a dir poco assurda (secondo me). Tra poco ci sarà un'assemblea per approvare il consuntivo.

Ora : per eventuali futuri interventi idraulici o muri fatiscenti in detti bagni chi deve pagare ?
Chi utilizza i bagni o tutto il condominio ? ...uno dei due bagni è utilizato da chi il bagno ce l'ha..
A parte gli attuali 2 bagni utilizzati potrebbero essere utilizzati, all'improvviso, anche gli altri due..
Sono bagni di 60 anni,,,,

Ringrazio per l'attenzione e per eventuali risposte
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Ovviamente se qualche bagno è stato assegnato regolarmente, sarà l'utilizzatore ad eseguire le normali manutenzioni.
 

moralista

Membro Senior
Professionista
Se tali servizi sono condominiali li pagano tutti i condomini, niente vale se non vengono utilizzati da tutti, dovrebbe esistere un regolamento condominiale x tali
 

ioalva

Membro Attivo
Proprietario Casa
Buongiorno,
ringrazio tutti per le risposte.
Per quello che so io, da tutti ,sono chiamati bagni condominiali, in uso alle proprietà del piano terra in cortile.
Ho letto il regolamento condominiale e non c'è traccia che siano condominiali, non sono elencati nelle parti comuni.
Forse, quanto suggerito da Gianco, cioè :
"leggere gli atti delle singole proprietà interessate per cercare eventuali limiti o vincolii
potrebbe essere una strada.
Certo occorre trovare almeno una proprietà che lasci leggere il proprio rogito..
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Forse, quanto suggerito da Gianco, cioè :
"leggere gli atti delle singole proprietà interessate per cercare eventuali limiti o vincolii
potrebbe essere una strada.
Certo occorre trovare almeno una proprietà che lasci leggere il proprio rogito..
Se vuoi leggere un atto pubblico, fai una ricerca storica in catasto per sapere con quale atto è venuto in possesso l'attuale proprietario e a ritroso quelli precedenti. Con gli estremi rintracciati passi alla conservatoria dei RR.II., ora Ufficio di Pubblicità Immobiliare, dove puoi leggere l'atto pubblico ed eventualmente ottenere la copia della nota di trascrizione. Se avessi necessità di ottenere la copia dell'atto puoi rivolgerti al notaio che l'ha stipulato, se ancora in esercizio ovvero all'Archivio Notarile competente.
 

ioalva

Membro Attivo
Proprietario Casa
Buongiorno,
grazie mille Gianco, molto utile l'informazione.
Quando andrò al catasto, per la ricerca storica, basta nominativo (ed indirizzo della proprietà) dell'attuale proprietario ?
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Quando andrò al catasto, per la ricerca storica, basta nominativo (ed indirizzo della proprietà) dell'attuale proprietario ?
Per fare la ricerca in catasto devi fornire i dati catastali: foglio e mappale. Poi consultando l'elaborato planimetrico puoi individuare qual'è l'immobile che ti interessa e ricavare il subalterno. Con quei dati puoi consultare la visura storica dove troverai indicato l'atto d'acquisto e a ritroso potrai conoscere tutti i proprietari che si sono succeduti e anche il loro atto d'acquisto.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

dolcenera52 ha scritto sul profilo di mapeit.
Sono vittima di uno stalker!
dolcenera52 ha scritto sul profilo di mapeit.
Ho fatto la lista dei danni, è piuttosto lunga!
Alto