1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. francesco74

    francesco74 Nuovo Iscritto

    come faccio a sapere il valore catastale di un immobile da realizzare ,come si calcola chi lo decide spiegatemi.
     
  2. Adriano Giacomelli

    Adriano Giacomelli Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    La rendita catastale è un insieme di valori tecnici dell'edificio e della zona censuaria.
    Se edificherai un'abitazione sarà un A/2 un negozio un C/1, un ufficio un A/10, categorie principali, che, zona per zona avranno un valore, che poi si declinerà nella classe, 1-12, in base a parametri che ritengo il Professionista che accatasta e l'ufficio del Registro di concerto attribuiranno. La superficie sarà l'altra variabile/vani.
     
    A possessore piace questo elemento.
  3. ninone

    ninone Membro Ordinario

    Dipende dalla categoria e dalla rendita catastale:
    ecco alcuni casi:
    Fabbricato A (escluso A/10) 'prima casa' euro 1 di rendita catastale = 115,50 valore catastale
    Fabbricato A (escluso A/10) 'non prima casa' euro 1 di rendita catastale = 126,00 valore catastale
     
    A francesco74 piace questo elemento.
  4. alberto bianchi

    alberto bianchi Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Mi pare che il quesito sia diverso. L'amico domanda "come" si determinano le rendite catastali.
    Inoltre, non i risulta che esistano differenze nell' attribuzione/determinazione della rendita per edifici "prima casa" o altre categorie.

    La "prima csa" puo diventare "seconda casa" e ritornare "prima casa" ad libitum, ma la rendita non cambia.
     
  5. Jrogin

    Jrogin Fondatore Membro dello Staff

    Professionista
    Probabilmente ninone si riferiva al calcolo del valore catastale da tenere quale base imponibile per la tassazione in caso di acquisto quando si acquista da un privato o da una società non costruttrice, o società costruttrice che abbia dato da la chiusura dei lavori da almeno 5 anni.

    Riporto di seguito un articolo del Geometra Stefano Vaghi ( link: Attribuzione della classe catastale a un immobile - Professionisti.it)
    ARGOMENTO: CATASTO E CONSERVATORIA
    Aggiornato al 24/02/2012
    CHE COS'È
    La classe catastale è un parametro che identifica il grado di produttività delle unità immobiliari appartenenti alle categorie dei gruppi A, B e C. Viene indicata con ‘U’ (unica) in assenza di una ripartizione in classi della categoria (in quanto la redditività è omogenea all’interno del Comune o della zona
    censuaria) ovvero con i numeri da 1 a X al crescere della redditività; alla classe di minor reddito viene attribuito il n.1, alla classe di maggior reddito il numero più alto.
    La classe, nell'ambito di una stessa categoria, distingue il diverso pregio degli immobili dipendente dalle loro caratteristiche (intrinseche, estrinseche e contestuali) determinandone il livello di reddito ordinario derivante.
    La classe dipende dalla qualità urbana del contesto in cui l’immobile è inserito (infrastrutture, servizi, eccetera) oltre che dalla qualità ambientale (pregio o degrado dei caratteri paesaggistici e naturalistici) della zona di mercato immobiliare in cui l'unità stessa è situata, nonchè dalle caratteristiche edilizie dell'unità stessa e del fabbricato che la comprende (l'esposizione, il grado di rifinitura, eccetera).
    Esempio: due negozi simili della stessa metratura ma collocati in zone diverse della città; il negozio che si trova in centro avrà più valore del negozio periferico, ma per entrambi la categoria catastale sarà la C/1. Ad ogni classe corrisponde una tariffa: maggiore è il numero della classe maggiore sarà la tariffa.
    COME SI FA
    La classe catastale viene attribuita dall’Agenzia del Territorio previa istanza di accatastamento (denuncia di nuova costruzione) presentata dal proprietario dell’immobile.
    CHI
    Per la denuncia di accatastamento (nuova costruzione) o la variazione dei dati catastali (immobili già esistenti) bisogna avvalersi dell’opera di un tecnico professionista abilitato e iscritto al relativo Albo di appartenenza (geometra, architetto, ingegnere, perito edile) che inoltra a sua volta una richiesta elettronica (DOCFA) che verrà caricata nella banca dati dell’Agenzia del Territorio (SISTER) previa verifica d’ufficio di un funzionario A.T.
     
    A alberto bianchi piace questo elemento.
  6. alberto bianchi

    alberto bianchi Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Jorgin,
    ottima risposta, coerente ed esaustiva.
    Ti do un "mi piace".
     
  7. essezeta67

    essezeta67 Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    In definitiva il valore catastale di un immobile si può sapere solo dopo che è stato costruito, in quanto anche le finiture, se di pregio possono aumentare la rendita. Quando si è giunti alla fine lavori il professionista attiva la procedura DOCFA per l'accatastamento (occorre comunque sempre la conferma dell'agenzia del territorio che può variare quella proposta dal professionista). Prima della costruzione è molto difficile sapere la rendita di un fabbricato a meno che nella stessa zona ce ne sia uno uguale, con le stesse finiture e con il giardino delle stesse dimensioni. Saluti.
     
    A alberto bianchi piace questo elemento.

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina