1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. ale777

    ale777 Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Buonasera, vorrei sottoporvi la mia situazione, sulla quale non riesco a essere obiettiva.
    Insieme a mia sorella ho appena ereditato un negozio condotto dallo stesso inquilino da oltre 40 anni, che ha praticamente sempre gestito tutto lui con la buonafede dei miei genitori. L'anno scorso a luglio scadeva il contratto, ma avendo un accordo verbale di prelazione di vendita a lui, non abbiamo pensato di dare disdetta per sicurezza, e abbiamo lasciato scattare aitomaticamente la proroga di 6 anni del contratto.

    Per vari motivi l'inquilino si è tirato indietro dall'accordo e spera di trascinarci in una sfibrante eterna trattativa che per noi è inconcludente.

    Solo dopo mesi abbiamo realizzato che non riusciremo mai a vendere a lui, e con un legale abbiamo fatto contattare il suo avvocato per dargli una scadenza, che è appena scaduta.

    Non c'è stata nemmeno una risposta scritta da parte sua.

    Ora noi pensiamo di scrivergli una pec per dichiarare decaduta la prelazione per non accettazione delle condizioni di vendita, e di rivolgerci a una agenzia immobiliare del posto per mettere il negozio sul mercato.

    Vorremmo però capire le mosse giuste in tal senso che competono a noi proprietarie che intendiamo vendere un negozio locato, per evitare che lui, incredulo che non bluffiamo e che anzi ci siamo stufate, si possa appellare a qualche nostra mancanza.

    Per esempio per le foto che l'agenzia utilizzerã del locale..puo farlo?

    Per le visite concorderemo con lui per raccomandata.

    Temiamo però che cercherà di boicottare la vendita ad altro acquirente diffondendo false informazioni e screditando l'integrità del negozio, come già aveva tentato di fare, senza reali motivazioni, per avere un grosso sconto. Purtroppo non abbiamo adeguato nemmeno la pigione convinte della imminente vendita e ora ci ritroviamo a vendere con una rendita bassa.. ma non crediamo sarebbe disposto a rinnovare ora, anche perché per noi poi ci sarebbero 6+6 anni di attesa per dare disdetta dalla locazione se nel frattempo la vendita ad altri non andrà a buon fine con un importo congruo al valore del locale e della sua posizione.

    Siamo insomma un po' spaventate dall'atteggiamento intimidatorio di questo inquilino convinto che il negozio ę suo e poco pratiche di leggi ecc ma desiderose di vendere comunque e bene senza farci ricattare. Accetto consigli da chi volesse chiarirmi un po' la ns posizione.

    Per es. io non so nemmeno se un nuovo acquirente avrebbe poi diritto di fare disdetta anticipata all'attuale inquilino creando ulteriori ritorsioni verso di noi.
    Ringrazio chi vorrà darmi qualche chiarimento sulla ns posizione.
     
  2. Dimaraz

    Dimaraz Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Descrizione "fumosa" ....tanto per cominciare trovo improprio parlare di "diritto di prelazione" decaduto quando nei fatti non avete ancora trovato un offerente.

    L'iter corretto prevede che l'inquilino (in quanto tale) abbia diritto di prelazione quando si presenta un "terzo" acquirente.
    Voi avete proposto che acquistasse direttamente e non perchè in alternativa ad altri.

    Ps.
    Non vedo di quali "intimidazioni" dobbiate lamentarvi....è da 40 anni che risulta locatario...vivaddio mica sarà un nuovo Matusalemme.
     
    A ale777 piace questo elemento.
  3. ale777

    ale777 Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Effettivamente nella nostra ignoranza abbiamo sottovalutato la cosa..ma non abbiamo proposto noi la vendita, è stato lui, per poi però dettare tante di quelle condizioni penalizzanti che alla fine hanno reso il tutto impossibile. Quindi ora ci siamo rivolte a un'agenzia e contemporaneamente gli abbiamo inviato una raccomandata per dirgli che i tempi entro cui accettare le NOSTRE condizioni sono scaduti, e non avendo avuto una sua risposta lo interpretiamo come la volontà a non acquistare. Quindi quando troveremo un acquirente di nuovo dovremo scrivergli? Per proporgli cosa? A un prezzo maggiore o pari? Il prezzo non è stato l'ostacolo ma le condizioni di vendita che lui ha dettato che ci hanno messo sul chi va là e costrette a rivolgerci a un legale per tutelarci. In effetti siamo digiune di leggi sulle affittanze specie commerciali!
    Sulle intimidazioni intendevo un certo modo di fare che temiamo...tipo ostacolare le visite, oppure screditare il negozio, inventare pecche. Come tutelarsi senza finire in una battaglia legale inutile per noi che desideriamo solo cedere la propriet°?
     
  4. Dimaraz

    Dimaraz Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Se e quando troverete un potenziale acquirente l'inqulino avrà la possibilità di acquistare alle stesse condizioni/prezzo.

    Se non offre la stessa cifra potete vende al potenziale acquirente...che vi subentrerà nel contratto di locazione.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina

  1. Questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigare tra queste pagine acconsenti implicitamente all'uso dei cookies.
    Chiudi