1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. agostino070740

    agostino070740 Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    Buongiorno a tutti, passo subito al quesito: l'amministratore di condominio deve consegnare il verbale dell'assemblea in copia originale sottoscritto dal presidente e dal segretario o invece può trascriverlo a piacimento modificandone in parte il contenuto con commenti personali ? E' obbligato, comunque,su mia richiesta a fornirmi la copia dell'originale assieme all'elenco dei condomini che parteciparono alla riunione e che invece non è stato allegato ?
    Vi ringrazio per l'attenzione.
     
  2. acquirente

    acquirente Nuovo Iscritto

    Il verbale, da inviare ai condomini non è che un documento riassuntivo della discussione e, soprattutto, delle deliberazioni adottate dall’assemblea di condominio.
    è pacifico in dottrina ed in giurisprudenza che esso debba avere un contenuto minimo che permetta l’individuazione dei partecipanti, di quanto deliberato e di chi ha consentito l’adozione di quella decisione (in sostanza i nomi ed i millesimi di favorevoli e contrari)
    Chiarito ciò va detto che conclusasi la riunione, nei giorni immediatamente successivi, l’amministratore dovrà comunicare ai condomini il verbale dell’assemblea di condominio.
    Due le ragioni principali dell’obbligo di comunicazione:
    a)permettere ai condomini assenti di sapere che cosa è stato deliberato;
    b)rendere possibile la valutazione circa la possibilità d’impugnazione della deliberazione (art. 1137 c.c.).
    ciao
     
    A agostino070740 piace questo elemento.
  3. Antonio Azzaretto

    Antonio Azzaretto Membro dello Staff

    Le formalità di redazione e di comunicazione del verbale possono essere deliberate in assemblea, e, in teoria, servono per una gestione più trasparente delle informazioni dirette alla Comunità Residenziale.

    Il contenuto del verbale è diviso in tre parti:

    La prima deve indicare la data, l' ora e il luogo della riunione, e il contenuto dell' avviso di convocazione inviato ai condòmini (L' ordine del giorno).

    La seconda parte deve indicare le formalità di costituzione dell' assemblea; cioè la nomina del presidente e del segretario; il numero totale dei condòmini invitati e l' elenco dei condòmini intervenuti perrsonalmente o per delega (indicando in questo caso il nome del rappresentante), con le quote millesimali di ciascun condòmino;
    La constatazione del presidente che tutti i condòmini sono stati invitati, che le deleghe (che vanno allegate al verbale) sono regolari, e che l' assemblea è validamente costituita quanto a presenze e valori millesimali.

    Se si tratta di seconda convocazione è necessario indicare anche la data della prima convocazione e i motivi per cui andò deserta.

    La terza parte deve contenere, per ogni singolo punto dell' ordine del giorno, gli elementi di discussione, le eventuali dichiarazioni di voto, e l' indicazione esatta dei provvedimenti approvati con l' elenco dei condòmini consenzienti e di quelli dissenzienti e astenuti.

    Alla fine è opportuno che il presidente dia lettura del verbale e dichiari chiusa la seduta, indicando l' ora prima di firmare.

    Il verbale di assemblea rappresenta una prova presuntiva. Spetta al condòmino che vuole impugnare la delibera fornire la prova contraria.
     
    A Marco Costa e agostino070740 piace questo messaggio.
  4. arianna26

    arianna26 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    ottime risposte!
     
  5. raflomb

    raflomb Membro Assiduo

    Tutto correto quanto sopra detto, l'unica cosa che è stata trascurata è il suo diritto di potere richiedere copia conforme del verbale direttamente all'amminastratore, e ove ci fossero dei dubbi su la trascrizione comunicata del verbale, dovrebbe richiedere la copia conforme nel termine previsto per l'impugnazione.
     
    A agostino070740 piace questo elemento.
  6. agostino070740

    agostino070740 Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    Per cortesia rileggete il mio quesito ,soltanto raflomb è stato attento ,in parte, alle mie domande, le altre risposte sono istruttive e ribadiscono quanto io già conosco teoricamente . Per inquadrare la situazione Vi preciso quanto segue: In data 26 nov.2010 assemblea straordinaria per nomina nuovo amministratore(per dimissioni amm.re) e consiglieri . personalmente avevo preparato una bozza del verbale quella classica descritta da Azzaretto e ciò per facilitarne la compilazione da parte della/o segretaria/o (dato che i condomini che si prestano normalmente non ne conoscono la formula) , alla fine delle pagine (3) vi era precisato " verbale da consegnare a tutti i Condomini in copia originale " lo stesso è stato firmato dal Presidenete,dal segretario e da due condomini .Il verbale che doveva essere consegnato entro 10 giorni dall'assemblea ( rif.to mansionario amm.re-redatto da confedilizia che l'amm.re ha sottoscritto) ci è stato recapitato nelle caselle post. in data 21.dic.10 dopo 25 gg., non in copia originale, ma ancora una volta trascritto modificandone in parte il contenuto, dallo stesso amm.re dimissionario che abbandonò la riunione subito dopo l'appello nominale e non dal nuovo al quale fu consegnato, nel verbale NON è stato allegato l'elenco dei condomini presenti .Pertanto ho inviato in data 21 c.m, ad entrambi gli amm.ri la richiesta di fornirmi sia la copia conforme dell'originale che l'elenco mancante.A questo punto ammessso che io riceva quanto chiesto NON potrò impugnare (se ve ne fosse bisogno) perchè trascorsi 30 gg.Da qui la mia necessità di ricevere risposte pratiche ,eventuali sentenze e tutto ciò che possa aiutarmi a valutare se è il caso di agire nei riguardi dell'amm.re dimissionario e del nuovo . Cordialmente e Buone Feste .Agostino
     
  7. raflomb

    raflomb Membro Assiduo

    La storia ora è più dettagliata, rispetto alle approssimazioni di quella iniziale. Non comprendo la consegna nelle caselle postali. Il verbale occorre spedirlo a mezzo raccomandata A/R per una duplice funzione: 1) affinchè si abbia la certezza che il destinatario abbia ricevuto la missiva; 2) per stabilire la data certa del ricevimento (dies a quo) sulla quale potere calcolare i temini per l'impugnativa. Dal momento che nel verbale era stato previsto espressamente l'invio in copia conforme del verbale d'assemblea, e lei, da ciò che leggo, ne ha fatta espressa richiesta in contestazione al primo invio (21 c.m.) - in questo caso penso che la richiesta l'abbia fatta al nuovo amministratore, visto il passaggio di consegne - non vedo pertanto il motivo di allarmarsi. Dovrà attendere l'invio di quanto richiesto il 21 c.m., in quanto quello sarà il documento che farà fede a tutti gli effetti. Tanti Saluti ad Agostino.
     
  8. arianna26

    arianna26 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    per raflomb

    scusa la domanda personale ma anche nel mio condominio l'amministratore consegna i verbali nella cassetta della posta, può creare problemi questa prassi?
     
  9. raflomb

    raflomb Membro Assiduo

    E' evidente per i motivi anzi detti, che si riassumono in: 1) certezza della consegna; 2) conseguentemente, certezza del dies a quo, ovvero da quando si fà partire il termine dei 30 giorni per l'eventuale impugnazione di un verbale d'assemblea?
     
  10. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    Risposta per 070740: Avete fatto un assemblea straordinaria per la sostituzione dell'amministratore e rieletto il nuovo amministratore sarà lui ad inviarvi tramite A.R. il verbale e non il vecchio amministratore, e la data di ricevimento farà fede la raccomandata e da li partono i trenta giorno per eventuali opposizioni, per quanto rigurda il deliberato in assemblea il verbale deve riportare tutte le disussioni avvenute in quella assemblea con nomi cognomi e mm. di proprietà perchè le delibere siano valide con varie maggioranze dipende cosa avete diliberato in quell'assemblea mi riservo di darTi altre dritte in seguito alle nuove discussioni che certamente verranno nel ns. FORUM. Colgo l'occasione per porgere a tutti gli iscritti gli auguri di Buon Natale e un felice capodanno geom. Bettinelli adimecasa
     
    A agostino070740 piace questo elemento.
  11. raflomb

    raflomb Membro Assiduo

    Quanto afferma adimecasa è un ulteriore conferma alla necessità dell'invio a mezzo raccomandata del verbale d'assemblea.
    Un'altra cosa che non comprendo è perchè certi amministratori operino con la messa in cassetta dal momento che le spese di raccomandata fanno sostanzialmente carico ai condomini, in quanto spesa documentata e necessaria.
     
  12. agostino070740

    agostino070740 Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    Sappiamo che la categoria degli amm.ri di condominio è mal giudicata ,(la voce del popolo "TANTO SONO TUTTI UGUALI in senso negativo) io NON sono d'accordo , ne esistono competenti ed onesti . Siamo tutti d'accordo che il verbale dell'assemblea dovrebbe essere preferibilmente consegnato tramite raccomandata a/r o a mano tramite portiere con firma su apposito registro , per ovvie ragioni, ma questa modalità appartiene ad amm.ri corretti (pochi) . Ora a prescindere da tutti i commenti
    i miei dubbi relativi alle due domande rimangono prive di risposte adeguate dato che non conosco normative atte a stabilire tempi e modi . Quindi a me necessita sapere :

    Aggiunto dopo 45 minuti :

    i CONDOMINI DEVONO RICEVERE LA COPIA DEL VERBALE CONFORME ALL'ORIGINALE MANOSCRITTO DAL SEGRETARIO ? SI - NO ; E DEVE ESSERE ALLEGATO L'ELENCO DEI CONDOMINI PRESENTI (PERSONALMENTE /PER DELEGA) ALLA RIUNIONE ?
    l'AMM.RE PUO' TRASCRIVERE IL VERBALE MODIFICANDONE IL CONTENUTO RISPETTO ALL'ORIGINALE ? SI - NO

    BUONE FESTE.




    con la teoria si sa tutto-con la pratica tutto funziona.
     
  13. Antonio Azzaretto

    Antonio Azzaretto Membro dello Staff

    L' art. 1136 del codice civile, disciplina che "delle deliberazioni dell' assemblea si redige processo verbale, da trascriversi in un registro tenuto dall' amministratore".
    Questo documento è un atto privato che ha valore di mezzo di prova.

    Da ciò discende che ciò che è importante è che il verbale riporti le delibere prese dall' assemblea con le maggioranze previste dalla legge, e gli interventi che i condòmini chiedono che siano trascritti nel verbale.

    Pertanto:

    I condòmini devono ricevere copia del verbale, non necessariamente conforme a quella trascritta dal segretario, che deve contenere le delibere prese e gli interventi dei condòmini che hanno chiesto di verbalizzare.

    La modalità di trasmissione di questo documento ai condòmini non è obbligatoria, ma crea delle conseguenze legali, in quanto i 30 giorni di tempo per impugnare, dal punto di vista dei condòmini assenti, partono da quando questi hanno avuto notizia del verbale; pertanto, se il verbale è stato trasmesso tramite consegna nelle caselle, i condòmini assenti non hanno un termine definito dei 30 giorni, e possono impugnare da quando dichiarano di averne avuto notizia, fino a prova contraria.

    L' elenco dei condòmini presenti fa parte integrante del verbale di assemblea, e deve ovviamente essere trasmesso ai condòmini.
     
    A agostino070740 piace questo elemento.
  14. raflomb

    raflomb Membro Assiduo

    In merito alla risposta del perchè necessita l'invio della raccomandata, ritengo che già sia stato esaudientemente risposto e ne consegue che si tratti di un obbligo inderogabile.
    Per quanto concerne la risposta al 1° quesito, rispondo che nel caso in specie è un obbligo trasmettere la copia conforme del verbale in quanto, nel caso descritto è stato epressamente richiesto, dal che ne consegue che il dies a quo per un'eventuale impugnativa del verbale avrà inizio da quando sarà trasmessa per raccomandata la copia conforme. In merito alla seconda risposta, affermo che anche nell'invio per estratto del verbale ricorre sempre il dovere di indicare quali erano i condomini presenti, sia o meno per delega, indicare, inoltre, chi ha fatto le veci del segretario e del presidente. Questi sono requisiti essenziali di un verbale, ripeto, sia per estratto che per copia conforme.
    Inoltre, in un post ho letto una giusta osservazione relativa al fatto che dovrebbe essere il nuovo amministratore ad effettuare la spedizione del verbale e non quello precedente, dal momento che vi è stato il passaggio di consegne.
     
  15. Antonio Azzaretto

    Antonio Azzaretto Membro dello Staff

    "In merito alla risposta del perchè necessita l'invio della raccomandata, ritengo che già sia stato esaudientemente risposto e ne consegue che si tratti di un obbligo inderogabile"

    ...Scusa se dissento, le azioni amministrative sono convenienti. ma non necessarie. Immagina un condominio di 200 o 300 condomini, quanto sarebbe rilevante il costo di invio dei verbali per raccomandata? e comunque, da ciò che tu ritieni che sia necessario non discende "l' obbligo inderogabile" in quanto soltanto la legge può "obbligare".

    "rispondo che nel caso in specie è un obbligo trasmettere la copia conforme del verbale"

    ...scusa se dissento, In diritto, la copia conforme all'originale è un atto o un documento che ne riproduce un altro, in particolare emesso da una pubblica amministrazione o da un pubblico ufficiale (ma non solo), e la cui fedele corrispondenza all'originale è attestata dalla dichiarazione formale di un pubblico ufficiale per legge autorizzato a tali funzioni.Si ha, nella prassi, presenza di atti che sono dichiarati conformi all'originale anche da soggetti privati (ad esempio da professionisti nell'ambito delle loro competenze, spesso in relazione ad atti originali da essi stessi formati), ma questo tipo di dichiarazioni restano a tutta e sola responsabilità personale di chi le rilascia e seguono un semplice regime declaratorio.

    "In merito alla seconda risposta, affermo che anche nell'invio per estratto del verbale ricorre sempre il dovere di indicare quali erano i condomini presenti, sia o meno per delega, indicare, inoltre, chi ha fatto le veci del segretario e del presidente. Questi sono requisiti essenziali di un verbale, ripeto, sia per estratto che per copia conforme."

    ...scusa se dissento, ma un estratto del verbale diffuso dichiaratamente per avere nota di ciò che si è deciso (magari nell' ambito di un supercondominio), può anche omettere per brevità l' elenco dei partecipanti e tutte le altre parti obbligatorie da scrivere nel verbale originale.

    "Inoltre, in un post ho letto una giusta osservazione relativa al fatto che dovrebbe essere il nuovo amministratore ad effettuare la spedizione del verbale e non quello precedente, dal momento che vi è stato il passaggio di consegne."

    Precisamente, se sulla nota di consegna nulla è specificato, si intende che il verbale è già stato distribuito dal vecchio amministratore. Altrimenti sulla nota l' amministratore decaduto specificherà che il verbale non è stato ancora distribuito.

    Buon Natale!
     
  16. raflomb

    raflomb Membro Assiduo

    In primis, come ho già avuto modo di spiegare, e mi correggo parzialmente: Il verbale di assemblea deve essere spedito agli assenti con modalità "certa" (raccomandata o personalmente a mano), ciò è indispensabile per accertare il termine dei 30 gg entro i quali il dissenziente può far valere l'impugnazione di una deliberazione. La correzione parziale consiste nel fatto che l'obbligo inderogabile di provare la data certa è limitata ai condomini "assenti" in quanto i per i presenti "dissenzienti" il dies a quo dei 30 giorni scatta dalla chiusura del verbale, ma anch'essi devono comunque avere una copia per poterla impugnare nel caso ritengano che ci siano delle delibere in contrasto con la legge, ovvero illegitime, oppure assunte senza il quorum legale necessario.
    Per quanto concerne il tuo secondo dissenso, anch'esso lo ritengo privo di pregio e fondamento, in quanto coordinandolo alla quanto detto sopra, se non viene evidenziato chi ha partecipato e di conseguenza i millesimi raggiunti grazie a queste presenze, come farebbe il condomino "assente" a impugnare la delibera per carenza di quorum?
    In conclusione cosa vogliamo fare, vanificare un diritto di chi per un motivo o un altro non ha potuto partecipare ad un'assemblea?
     
  17. raflomb

    raflomb Membro Assiduo

    Sig. Azzaretto, invece di limitare il sio intervento a dissentire a quanto da me proposto, si interroghi e dia una risposta in merito alla "data certa" nei confronti dei condomini "assenti." In questa ipotesi come intende stabilire il dies a quo per l'impugnativa che deve essere fatta nei 30 giorni, pena la decadenza?
    Priva di rilievo è inoltre l'osservazione da lei avanzata circa l'esempio di un condominio di 150/200 persone: mi dica in termini di esborso a persona cosa cambia tra un condomio di 10 condomini o di 200, sempre 3,50 € a ciascuno verrà addebitato per la raccomandata inviata.
    L'istante pone, inoltre, un altro quesito relativo al diritto di ottenere su richiesta copia conforme del verbale. La risposta è si, è un suo diritto richiedere la copia conforme del verbale, come è suo diritto richiedere la copia di ogni fattura o di qualsiasi altro documento che concerni il condominio.
     
  18. Antonio Azzaretto

    Antonio Azzaretto Membro dello Staff

    Buon S. Natale 2010:
    Buone parole: Buon S. Natale 2010

    Scusami ancora se mi sono preso il diritto di dissentire.

    E scusami anche se non ti rispondo in modo puntuale, ma hai impostato le tue argomentazioni in modo "chiuso" (ossia mi hai lasciato soltanto la possibilità di oppormi in modo diretto alle tue tesi).

    Purtroppo in Italia il diritto civile è complicato e non si può argomentare in termini di "giusto" o "sbagliato".

    Spero che, con serenità, arriveremo insieme a capire la differenza tra "avere il diritto" di avere informazioni, e "avere l' obbligo giuridico" di fornire informazioni.

    Come italiano, ad esempio, mi sento defraudato di questo diritto, perchè le istituzioni pubbliche (anche se avrebbero l' obbligo di fornire informazioni), si guardano bene da metterle a disposizione in modo democratico.

    E se questo è vero a livello pubblico, figurati se non succede a livello condominiale (tenendo conto del potere amministrativo quasi illimitato concesso dalla legge e dalle consuetudini all' amministratore).

    Buon S. Natale 2010 a te e alla tua famiglia.

    Antonio
     
    A maidealista piace questo elemento.
  19. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    Rientro nella risposta aii vari interventi di 070740 in quanto al verbale va trasmesso per a.r. e/o nota di consegna firmata per ricevimento e distribuita dal portiere se è disponibile. Per fare opposizioni a detto verbale necessitano 30 gg. dal ricevimento per i presenti in assemblea e 60 gg. per gli assent, il verbale che viene redatto in assemblea è un stralcio alla discussione e scritto a mano, il resondto che viene inviato ai condomini (tutti) rappresenta tutto il discusso in assemblea e fornito di ogni elemento chiarificatorio che è nato nelle discussioni elencate nell'o.d.g. di quella assemblea, e viene redatto con nome e cognome dei presidente e del segretario dal nuovo amministratore, spero di essermi spiegato con stima geom. bettinelli adimecasa
     
  20. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    QUESITO DA 070740: In risposta x Antonio Azzaretto, non sarei così drastico nei confronti delle Istituzioni pubbliche, sono quelle che ci meritiamo, le abbiamo e vogliamo a maggioranza, in un paese democratico le discutiamo, per quelle private e condominiali son quelle pure che ci meritiamo e vengono elette democraticamente in assemblea, gli amministratori sono tanti di bravi e meno bravi, si possono confermare o no confermare, per questo nascono i FORUM come il ns. per poter discutere serenamente e democraticamente anche se non si condivide alcune risposte dei colleghi, bisogna accettare e scegliere il meglio e farne tesoro. geom. bettinelli adimecasa ( p.s. sono anni che scrivo sul forum agni tanto mi ritrovo nuovo iscritto)
     
    A agostino070740 piace questo elemento.

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina