1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag:
  1. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Credo che la soluzione più logica sia quella di chiudere i conti al momento attuale. Nel prosieguo saranno problemi tuoi.
     
    A Damario piace questo elemento.
  2. Damario

    Damario Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Caro Luigi, io vorrei tanto che fosse come tu sostieni ma
    la domanda che mi faccio è:
    la clausola che abbiamo indicato al rogito e cioè che le spese dei lavori deliberati RESTANO A CARICO DEL VENDITORE,
    non pone automaticamente un diritto da parte del venditore di riavere i soldi da lui versati per poter poi usarli al momento in cui quegli specifici lavori si faranno con una nuova delibera?
    Inoltre se la giurisprudenza dice che i soldi vanno restituiti ai condomini che hanno pagato, a quale norma, secondo te, dovrei fare riferimento per sostenere che invece vanno restituiti a me che sono subentrato come condomino?
     
  3. magia2002

    magia2002 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    In questa vicenda secondo me e" determinante la decisione dell' amministratore condominiale . Se i
    20.000 eur li restituisce al vecchio proprietario a te ti mette in una posizione di grosso svantaggio . Legalmente tu dal giorno del rogito hai acquisito pregi e difetti dell' immobile e subito dopo devi aver comunicato all' amministratore i dati dell' immobile -rogito -e dati tuoi personali e fargli presente che sei tu il nuovo proprietario .
     
    Ultima modifica: 13 Agosto 2017 alle 11:54
    A rita dedè e Damario piace questo messaggio.
  4. Damario

    Damario Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    I miei dati li ho comunicati all'amministratore, subito dopo l'acquisto dell'appartamento condominiale. Ora quello che mi preme sapere è se il fondo speciale, di cui è stata deliberata la restituzione, per legge, a chi va restituito, soprattutto alla luce di quanto abbiamo indicato in rogito?
    E' praticamente questa la domanda fatidica che ho rivolto anche a Luigi nel mio post precedente.
     
  5. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Il rapporto, allo stato, è solo fra l'attuale proprietario e l'amministratore. Pertanto, essendo subentrato al vecchio proprietario dalla data dell'atto tu subentri in toto.
     
  6. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    continui a porre in modo sbagliato la tua domanda. Il venditore aveva l'obbligo di pagare il costo dei lavori deliberati e non ancora eseguiti non solo perché espressamente ricordato in rogito ma perché lo dice la legge. Questo obbligo è venuto a mancare nel momento in cui l'assemblea ha deliberato di non fare più tali lavori annullando la precedente delibera. Ciò perché le delibere condominiali hanno valore legale nell'ambito della gestione del condominio.
    Leggi bene quanto scritto nel rogito: l'onere a carico della parte venditrice si riferisce ai lavori deliberati e non ancora eseguiti, ma solo a quelli e non a lavori deliberati dopo la data di alienazione della proprietà. Questo anche se il condominio deliberasse di nuovo gli stessi lavori perché la data della delibera di riproposizione dei medesimi lavori è successiva alla data del rogito.
    La restituzione del fondo di accantonamento va fatta ai condomini che risultano tali al momento della restituzione; quindi vanno dati a te.
    Rimane il venditore che ha pagato prima di rogitare tutti i lavori deliberati quando era ancora condomino, lavori che l'assemblea ha deciso di annullare cioè di non fare più.
    Ora il rapporto è condòmino venditore-condominio; secondo me è al condominio che il condòmino venditore deve fare causa per i danni subiti dalla decisione presa di non effettuare più i lavori quando lui non era più condòmino e che lui aveva completamente saldato.
     
  7. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Considerato che il vantaggio per l'acquirente era determinato dall'esecuzione dei lavori e che il venditore avrebbe avuto il risarcimento parziale in virtù del recupero dovuto alle minori imposte, oggi, con accordo fra le parti, si potrebbe stornare questo vantaggio, capitalizzandolo per indennizzare il venditore in unica soluzione. Non vedo altra soluzione perseguibile.
     
  8. Damario

    Damario Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    E' appunto questa la soluzione che ho proposto e su cui non ho avuto ancora alcuna risposta dal venditore. Attenderò ...
     
  9. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Mi sembra la soluzione più sensata.
     
    A Damario piace questo elemento.

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina