1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. masagu

    masagu Membro Attivo

    A chi tocca la spesa per la riparazione della caldaia se si guasta?
    Grazie...:occhi_al_cielo:
     
  2. Betty Boop

    Betty Boop Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Dipende dal tipo di guasto, e da quanto tempo sono ad abitare la' gli inquilini
    Guasto Grande tipo centralina , radiatore..etc toccano al proprietario ,
    Guasti Piccoli , tipo mancata manutenzione biennale, guarnizioni, toccano all'inquilino
     
    A masagu piace questo elemento.
  3. tovrm

    tovrm Membro Senior

    Proprietario di Casa
    La manutenzione ordinaria spetta all'inquilino. Quella straordinaria tocca all'inquilino se il guasto deriva da un non corretto utilizzo oppure dal fatto di non aver effettuato la manutenzione ordinaria, altrimenti spetta al proprietario.
     
    A masagu piace questo elemento.
  4. masagu

    masagu Membro Attivo

    Tov caro thank you!
     
  5. Ennio Alessandro Rossi

    Ennio Alessandro Rossi Membro dello Staff

    Professionista
    vero quanto sopra , ma in sede di stipula del contratto ( salvo quelli convenzionati-concordati ) è possibile derogare a tale consuetudine
     
  6. masagu

    masagu Membro Attivo

    Che intendi dire Ennio? Non ho capito....
     
  7. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    In assenza di qualsiasi tipo di pattuizione, le spese di manutenzione vengono tutte indistintamente ripartite applicando esclusivamente i criteri fissati dagli art. 1576, comma 2, e 1609 c.c., i quali fanno obbligo al conduttore di rimborsare solo ed esclusivamente quelle per interventi di "piccola" manutenzione, purché non riconducibili a vetustà o a caso fortuito.
    Nella prassi contrattuale, soprattutto per gli immobili a uso abitativo, è frequente l’adozione di criteri di ripartizione differenziati, che tendono a distinguere tra spese di "straordinaria" o di "ordinaria" manutenzione.
    Le parti sono quindi libere di disciplinare la ripartizione del costo per gli interventi di manutenzione nel modo ritenuto più opportuno, fermo restando che la disciplina adottata deve trovare giustificazione nel sinallagma contrattuale.
     
    A masagu piace questo elemento.
  8. masagu

    masagu Membro Attivo

    Grazie a tutti...
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina