1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. dirce

    dirce Membro Junior

    Proprietario di Casa
    buona giornata a tutti
    ho un quesito da porre ho un appartamento che affitto a studenti e gli inquilini ovviamente non hanno contratti che scadono da gennaio a gennaio quindi anche le bollette della luce sono di volta in volta intestate a soggetti diversi nel corso dell'anno. ora l'inquilina straniera che ho è rimasta solo 6 mei nonostante un contratto annuale,se ne va giugno e mi auguro disdica il contratto elettrico, chi pagherà le bollette!!
    grazie dei suggerimenti
    dirce
    p.s. ho una seconda casa in altro comune dove sono usufruttaria debbo pagare il canone anche li!!
     
  2. casanostra

    casanostra Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Se hai più utenze elettriche il canone rai ti verrà addebitato solo sull'utenza elettrica dell'abitazione principale ( residenza.)
    Il titolare del contratto.
     
  3. dirce

    dirce Membro Junior

    Proprietario di Casa
    grazie per la sollecitudine ma ad esempio nella casa principale dove sono residente lo paga mio marito perché intestatario.
    nella seconda casa dove non sono residente ma è intestata solo a me anche come contatori debbo pagarlo!!
    grazie
    dirce
     
  4. basty

    basty Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Corretto, salvo faccia parte di un nucleo familiare che paghi già in altra utenza; nel qual caso dovrà inviare la dichiarazione entro il 16 maggio per il 2016.

    C'è da domandarsi come ci si regoli per un contratto attivato ad esempio a luglio.
     
  5. casanostra

    casanostra Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Questo dovrebbe essere il tuo caso, l'ho preso dal sito dell'Ade con copia ed incolla.

    Esempio 4

    • Famiglia composta da due coniugi
    • Due abitazioni A e B
    • I coniugi hanno la residenza anagrafica nell’abitazione A
    • Utenze elettriche:
      - abitazione A: utenza di tipo residenziale - pdf intestata al marito
      - abitazione B: utenza di tipo residenziale intestata alla moglie
    Apparecchi televisivi presenti sia nella prima che nella seconda abitazione

    D: E’ possibile presentare la dichiarazione sostitutiva ?
    R: SI, la moglie può presentare la dichiarazione sostitutiva per evitare l’addebito del canone sull’utenza elettrica a lei intestata, compilando la sezione “Dichiarazione” contenuta nel Quadro B del modello e indicando il codice fiscale del marito quale intestatario dell’utenza su cui è dovuto il canone.
    Resta da valutare la situazione dell’abitazione B per la quale c’è un’utenza elettrica di tipo residenziale ma dove non è residente alcun componente della famiglia.

    Per i contratti attivati a luglio non ho idea.
     
    Ultima modifica: 3 Maggio 2016
  6. basty

    basty Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Utile in generale la citazione.

    però non credo sia il caso di @dirce : ha precisato che non ha residenza nella seconda casa. E' presumibile quindi che la fornitura sia "abitativa non residente".
    Nel qual caso non dovrebbe fare nulla.
     
  7. casanostra

    casanostra Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Il problema sta tutto nella dizione "tipo residenziale", non capisco se vuol dire che il titolare dell'utenza è residente nell'abitazione oppure no.
    Però dall'esempio che fanno risulta che i coniugi hanno la residenza anagrafica in un unica abitazione, e la moglie, presentando la dichiarazione sostitutiva, evita il pagamento di un secondo canone.
     
  8. casanostra

    casanostra Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Nell'esempio specificano che la moglie è residente insieme al marito nell'immobile "A", se per utenza di tipo residenziale intendono che l'intestatario della fornitura è residente nell'immobile, mi chiedo come fa l'immobile "B" ad avere un utenza residente? Dovrebbe essere non residente. C'è qualcosa che non va nell'esempio.
     
  9. basty

    basty Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Sulla bolletta compare di solito la dicitura Uso domestico residenziale o non residenziale: nel primo caso deve compilare il quadro B del modulo. Nel secondo non deve fare nulla.
     
  10. casanostra

    casanostra Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Nell'esempio, comunque, c'è qualcosa che non capisco, seguimi:
    Step 1 la famiglia è composta da due coniugi.
    Step 2 in famiglia ci sono due immobili, "A" e "B", (la proprietà non è specificata).
    Step 3 i coniugi risiedono anagraficamente nell'immobile "A".
    Step 4 immobile "A" con utenza residente intestata al marito
    immobile "B" con utenza residente intestata alla moglie.

    Domanda:
    come fa l'immobile "B" ad avere una utenza residente se ambedue i coniugi risiedono nell'immobile "A"? Mi aspettavo che, nell'esempio, fosse riportato:
    immobile "B" con utenza non residente intestata alla moglie.
     
  11. basty

    basty Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Ti seguo perfettamente, ed avevo rilevato la tua osservazione precedente: ho risposto sopra più a Dirce che a te.
    L'esempio è un caso limite, ma possibile: non per logica, ma per errore o distrazione. io ad esempio in occasione della comunicazione RAI ho verificato le tipologie di contratto in essere a me intestate, e mi sono accorto che avevo due utenze residenziali abitative: una dove abitavo fino a 19 anni fa, e quella dove mi sono successivamente trasferito. Non ci avevo mai fatto caso: soprattutto non ne ho nemmeno tratto vantaggio: ho conservato l'allaccio Enel nella precedente abitazione, più per comodità che per reale necessità. Ho sempre dovuto tenere a disposizione l'alloggio per motivi familiari, senza che ne abbia poi effettivamente usufruito. Se non ricordo male potrebbe essere sfuggito anche ad Enel perchè credo che in occasione del trasloco la richiesta di nuovo allacciamento sia stata presentata da mia moglie. Forse ho chiesto il cambio di intestazione quando è mancata: anche Enel non ha rilevato l'incongruenza.

    Ho quindi comunicato ad Enel la cosa: spero che la prossima bolletta riporti la rettifica.

    Comunque mi paiono casi limite: è anche vero che prima di questa novità del canone Rai, non mi era mai passato per la mente di controllare: pensa ad esempio ai casi di intestazione di utenze a persone familiari decedute (es. il coniuge). Finora c'è sempre stata molta flessibilità o tolleranza, non saprei definirla. Di fatto quest'ultimo è piuttosto frequente.
     
  12. casanostra

    casanostra Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Potrebbe esserci il rischio che il gestore elettrico ti ricalcoli le bollette da residente a non residente se non da quando hai trasferito la residenza ma almeno 5 anni indietro.
     
  13. basty

    basty Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Può essere: ma con consumi pressoché nulli, non credo emergano grandi differenze: comunque vedremo. Non ci avevo mai fatto caso
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina