• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

griz

Membro Storico
Professionista
mi trovo davanti ad un problema interpretativo: sostiruzione del manto di copertura del tetto di una casa singola, è una manutenzione ordinaria, se inserisco un isolamento termico, secondo il glossario è sempre manutenzione ordinaria, sembra che non possa fruire della detrazione al 50%, mentre la sostituzione dei serramenti, sempre manutenzione ordinaria, può fruire della detrazione, risulta o qualcuno ha informazioni diverse?
 

Nemesis

Membro Storico
Proprietario Casa
Le spese per i lavori di manutenzione ordinaria su singola unità abitativa non sono detraibili.
La sostituzione di infissi esterni e serramenti o persiane con serrande e con modifica di
materiale o tipologia di infisso è considerata manutenzione straordinaria, e quindi è un intervento agevolabile.
 

griz

Membro Storico
Professionista
La sostituzione di infissi esterni e serramenti o persiane con serrande e con modifica di
materiale o tipologia di infisso è considerata manutenzione straordinaria, e quindi è un intervento agevolabile.
la sostituzione dei serramenti è nel glossario come manutenzione ordinaria, non necessita quindi di nessuna comunicazione al comune, così come la sostituzione della copertura con lo stesso materiale con inserimento di isolanti, se invece cambio il materiale è straordinaria e qui urbanisticamente ci sono le ragioni in quanto va definita la compatibilità del nuovo materiale con le norme, se fosse la copertura di un condominio sarebbe agevolabile, sull'interpretazione delle differenze secondo me ci si può divertire, comunque grazie, dovrò trovare delle soluzioni
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
Se ad esempio occorre intervenire anche sulla piccola orditura deteriorata da infiltrazioni prima della sostituzione del manto di copertura, Si parla sempre di manutenzione ordinaria?

Mi sembra comunque illogico: non confonderei la manutenzione ordinaria con la edilizia libera: non si sostituisce la copertura del tetto come se fosse un nottolino di serratura o un rubinetto bloccato.
 

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
sostiruzione del manto di copertura del tetto di una casa singola, è una manutenzione ordinaria,
Da quanto mi risulta la sostituzione integrale/totale delle tegole in un immobile singolo proprietario può usufruire del bonus.
La classificazione presa a riferimento è comunque "ambigua" tanto che alcuni "passi" sono ripetuti sia nella specificazione delle manutenzioni ordinarie alla lettera A che in quelle successive.
Quantomeno "anticostituzionale" la disparità fra Singolo e Condominiale.
 
Ultima modifica:

griz

Membro Storico
Professionista
Da quanto mi risulta la sostituzione integrale/totale delle tegole in un immobile singolo proprietario può usufruire del bonus.
La classificazione presa a riferimento è comunque "ambigua" tanto che alcuni "passi" sono ripetuti sia nella specificazione delle manutenzioni ordinarie alla lettera A che in quelle successive.
Quantomeno "anticostituzionale" la disparità fra Singolo e Condominiale.
lo pensavo anch'io e concordo con la perplessità ma dopo un consulto con un commercialista e un'indagine approfondita ho appurato che purtroppo è così: se spendi 2000 € per due serramenti puoi fruire delle deduzioni, se spendi 10000 € per il tetto di una casa singola senza modifica del materiale e anche isolando, non puoi fuire, non so se è un "baco" o una scelta precisa ma crea molte confusioni. Una soluzione trovata è dimostrare che l'isolamento sia tale da poter fruire del 65% con la pratica ENEA certificata
 

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
Grazie a tutti per gli auguri...purtroppo continuo ad accumulare e non trovo un sistema per andare a sconto :sbuffo:
 

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
ma dopo un consulto con un commercialista
I "commercialisti" sono come gli opinionisti...ne trovi di quanti "colori" vuoi:

Anche questo mi sembra sia chiaro ed è sito affidabile:

Alla fin fine se sostituisci il laterizio di un tetto...non lo fai dopo 10 o 20 anni...e giocoforza è quasi certo che materiale o forma siano differenti...e diventa molto discettibile su cosa s'intenda per: differente per materiale e forma
 
Ultima modifica:

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
Una soluzione trovata è dimostrare che l'isolamento sia tale da poter fruire del 65% con la pratica ENEA certificata
La manutenzione ordinaria è esclusa dalle detrazioni per un privato, ma rimangono detraibili gli interventi sulle parti comuni: il tetto lo è per definizione.

Sempre la guida a pag 10 della ed. luglio 2019 scrive: per parti comuni si intendono quelle riferibili a più unità immobiliari funzionalmente autonome, a prescindere dall'esistenza di più proprietari" In quella casa non esiste una cantina, o un box ?

Sulla guida Agenzia delle Entrate, la detrazione per il Tetto è prevista quando c'è "Sostituzione della intera copertura" "Modifica della pendenza delle falde"

Che la regola abbia delle falle non è notizia nuova: e mi pare che le recenti edizioni della guida tentino di far coincidere le definizioni della 380 con le scelte fiscali finora adottate: ma dopo 10 anni di prassi mi pare il gioco delle tre carte. (Abbiamo qui spesso discusso sul perchè la sostituzione caldaia, il rifacimento di impianti siano sempre rientrati....)

La guida del 2015 a pag 6 così recitava:

I lavori sulle unità immobiliari residenziali e sugli edifici residenziali per i quali spetta l'agevolazione fiscale sono i seguenti:
A. Gli interventi indicati alle lettere a), b), c), d) dell'art. 3 del Dpr 380/2001. Si tratta degli interventi di manutenzione ordinaria , manutenzione straordinaria, restauro e risanamento conservativo, ristrutturazione edilizia, effettuati su tutte le parti comuni degli edifici residenziali

B. Quelli elencati alle lettere b), c), d) ...... sulle singole unità immobiliari residenziali...


Con quella descrizione non mi pare potessero sorgere dubbi: è forse cambiata la legge istitutiva, al di la delle aliquote previste?
 

griz

Membro Storico
Professionista
La manutenzione ordinaria è esclusa dalle detrazioni per un privato, ma rimangono detraibili gli interventi sulle parti comuni: il tetto lo è per definizione.
infatti, purtroppo il caso in esame ora è una casa di corte, proprietà terra/cielo, che sostituisce solo il proprio tetto, assolutamente fuori dalla possibilità di detrazioni, un'altra opzione potrebbe essere di rifare il tetto con un materiale diverso così sarebbe una manutenzione straordinaria ma siamo in in centro storico e la tipologia del materiale va mantenuta, se vuoi continuare a fere ipotesi, ti leggo volentieri
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
ma siamo in in centro storico e la tipologia del materiale va mantenuta, se vuoi continuare a fere ipotesi, ti leggo volentieri
Che tipo di copertura è ammessa? In piemonte usavano i vecchi coppi ma oggi mi pare ci siano tegole chiamate portoghesi, che danno il medesimo impatto estetico ma sono molto più efficienti. Può essere che cambi l'orditura, ma va valutato. Ma tu lo avrai già fatto.
 

Biz Consulting

Membro Attivo
Professionista
Quello che ha scritto @griz è corretto.
Infatti il Glossario dell'Edilizia Libera inquadra esplicitamente nella manutenzione ordinaria:
  1. Riparazione, rinnovamento, sostituzione nel rispetto delle caratteristiche tipologiche e dei materiali (comprese le opere correlate quali l’inserimento di strati isolanti e coibenti) dei manti di copertura
  2. Riparazione, sostituzione, rinnovamento di serramenti e infissi interni e esterni
Inoltre, in merito all'inquadramento in straordinaria di interventi che prevedano l'uso di forme, colori e materiali diversi rispetto allo stato di partenza (es. serramenti esterni), è sempre d'obbligo controllare gli abachi edilizi dei vari Comuni, perché possono prevedere delle deroghe alla normativa nazionale.
Ad esempio il Comune di Torino ammette in ordinaria anche la sostituzione con altri di materiale diverso.

È importante fare questa verifica in quanto, come ho già scritto in altre discussioni, la stessa Agenzia nelle sue guide evidenzia che per avere certezza sull'inquadramento e, di conseguenza, sulla detraibilità di un'opera "deve essere verificata la conformità alle normative edilizie locali".
Per cui le tabelle contenute nelle sue guide sono puramente indicative e, per mia esperienza, troppo generaliste (e, a volte, addirittura non allineate né alle norme nazionali né alle sentenze in ambito edilizio).

Il fatto che la sostituzione dei serramenti sia comunque agevolabile anche con Bonus Ristrutturazioni (oltre che con l'Ecobonus), esula dalla questione dell'inquadramento, ma dipende dal risultato che è possibile ottenere a seguito della sua esecuzione, ossia il potenziale risparmio energetico ottenibile.

Questo lavoro, infatti, sulle singole unità immobiliari è detraibile grazie ad una deroga alla regola standard, cioè quella prevista dall'art. 16 bis, comma 1, lett. h) del TUIR, che lo considera incentivabile anche "in assenza di opere edili", ma "acquisendo idonea documentazione attestante il conseguimento di risparmi energetici in applicazione della normativa vigente in materia".

Purtroppo nei post pubblicati dai portali di settore, sia in ambito fiscale che tecnico, spesso non si sviscerano a fondo tutti i dettagli.
Il che è comprensibile, altrimenti dovrebbero scrivere delle pseudo bibbie tematiche per ogni tipologia d'intervento e, anche in questo caso, di certo resterebbe sempre qualcosa fuori.
Per cui prendete sempre con beneficio d'inventario e di approfondimento quello che trovate online, anche se contenuto in siti autorevoli.

Ad esempio Ediltecnico fa capo a Maggioli Editore, che è stata la mia casa editrice qualche anno fa e, dunque, conosco benissimo la loro redazione e le loro competenze.
Il loro blog è più che altro incentrato sull'informazione rapida e ad ampio raggio, mentre è nelle loro pubblicazioni editoriali che si possono trovare gli approfondimenti operativi.

Chiudo facendo anche io i migliori auguri di buon compleanno a @Dimaraz (p.s.: sto esaminando i casi che mi hai esposto, ma mi serve un po' di tempo per le dovute verifiche)
 

griz

Membro Storico
Professionista
Quindi intendi non un singolo immobile (unico proprietario) ma tipo una "casa a schiera/condominio orrizzontale"?
hai presente una corte in un centro storico come ce ne sono dovunque? proprietà contigue in un fabbricato che probabilmente era un tempo di proprietà unica, tecnicamente a schiera ma non in condominio, ognuna col proprio giardino dietro e una corte davanti, non c'è niente di condominiale se non la corte
 

griz

Membro Storico
Professionista
Che tipo di copertura è ammessa? In piemonte usavano i vecchi coppi ma oggi mi pare ci siano tegole chiamate portoghesi, che danno il medesimo impatto estetico ma sono molto più efficienti. Può essere che cambi l'orditura, ma va valutato. Ma tu lo avrai già fatto.
la copertura prevista dalle norme comunali è il coppo ma quella esistente è la tegola marsigliese, il coppo è un materiale classico ma problematico quindi si è scelto di mantenere la tegola marsigliese, sostituire la struttura del tetto in modo importante così da poter definire l'intervento come manutenzione straordinaria significa dover depositare il calcolo strutturale. L'unico "escamotage" praticabile nel caso è isolare il sottotetto in modo tale da poter usufruire dell'agevolazione al 65%.
In passato, prima dell'avvento del glossario e delle norme antisismiche attuali bastava aggiungere alla sostituzione del manto di copertura la sostituzione parziale della struttura (o anche totale, tanto non era necessario depositare il calcolo) e/o inserire dell'isolamento nelle opere per classificare l'intervento come manutenzione straordinaria, fatto regolarmente mille volte, cosa che oggi non è più possibile
 

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
Purtroppo nei post pubblicati dai portali di settore, sia in ambito fiscale che tecnico, spesso non si sviscerano a fondo tutti i dettagli.
Ringrazio per gli auguri.
Quanto al tema evidenziato personalmente, pur nel rispetto delle opinioni altrui, sono (e già lo sai di diverso avviso).

Qui:
l'autore fa una profonda considerazione, che condivido, ben conscio di quanto contrapponi.

Fosse la sola sostituzione di qualche tegola danneggiata pacifico sia "ordinaria"... ma una sostituzione integrale è cosa diversa.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Ho comprato una casa e nel giardino si trova un palo del Enel "morto", nel senso che nessun cavo elettrico è attaccato e secondo me nessun cavo era mai stato attaccato, il precedente proprietario non lo dava fastidio, ed io vorrei togliero ,
vorrei un consiglio a chi devo contattare per rimuoverlo,
al comune o al enel
grazie
Salve ho in comproprietà una strada privata i miei dirimpettai hanno l'accesso pedonale di servizio possono entrarci anche in macchina tengo a precisare che hanno il passo carrabile è l'ingresso principale con numero civico su altra strada
Alto