• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

sbertolu

Nuovo Iscritto
Sto vendendo un immobile per cui è stata presentata regolare DIA ma che poi è stata realizzata solo in parte: una tramezza prevista per separare due ambienti a fini aeroilluminometrici (se non c'era il rapporto invece di essere di 1/10 era di 1/12) e che non separava i due ambienti in quanto era lunga solo 90 cm su un totale di oltre 5, non è stata realizzata per fini estetici.
Il professionista che ha fatto il riaccatastamento ha deciso, di sua sponte, di non mettere la tramezza che non incideva.
Pertanto mi trovo con una dia difforme dal catasto (come stato di fatto)
io ho avvertito il potenziale acquirente di questa difformità, che altri problemi potrei avere ?
grazie
s
 

sermon

Membro Attivo
Professionista
Prima di vendere devi sistemare la documentazione perchè risulta come un abuso edilizio. Questo comporta una DIA in sanatoria con la presentazione di una nuova planimetria catastale conforme allo stato di fatto. Purtroppo prima di chiudere la DIA si poteva evitare tutto questo con una integrazione, ora è troppo tardi.
Geom. SERMON
 

sbertolu

Nuovo Iscritto
Geom. Sermon,
anzitutto grazie mille per la risposta.
Il mio problema è però che la pianta catastale è uguale allo stato di fatto ed è la DIA ad essere diversa.
Non posso fare un'altra DIA per renderla uguale sia allo stato di fatto che al catasto in quanto quel muro è necessario per il rapporto aereoilluminometrico.
Potrei, se me lo chiede l'aqcuirente far costruire quel muro, avendosi così però una difformità con il catasto oppure accordarmi con lui cui lo ho già detto.
GRazie per la cortesia
 

Ennio Alessandro Rossi

Membro dello Staff
Professionista
A prescindere dalle questioni tecniche su cui non metto lingua credo utile vada chiarito a chi ha posto la domanda iniziale un equivoco assai frequente : il catasto non legittima la regolarità urbanistica: è un mero ufficio fiscale-inventariale. La legittimità urbanistica e la legittimità della sagoma discendono solo dalla licenza edilizia originaria rilasciata dal Comune (e dalla allegata planimetria) e dalle successive varianti autorizzate (compresa la Dia) dal Comune medesimo, o esplicitamente o con silenzio-assenso .
 

Marco Giovannelli

Membro dello Staff
Professionista
scusa, ma il tuo tecnico ha redatto un progetto sulla dia e ha accatastato uno stato difforme facendo anche il collaudo urbanistico??:shock::shock:

cmq adesso il problema è che bisognerebbe trovare una soluzione, devi rivolgerti ad un tecnico da solo non puoi fare nulla.

al massimo potresti far accatastare lo stato di fatto e basta. però te lo sconsiglio perchè ti autodenunceresti.

saluti
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Quesito:siamo 3 locatori,uno è deceduto che si fa' del contratto?
Ho comprato una casa e nel giardino si trova un palo del Enel "morto", nel senso che nessun cavo elettrico è attaccato e secondo me nessun cavo era mai stato attaccato, il precedente proprietario non lo dava fastidio, ed io vorrei togliero ,
vorrei un consiglio a chi devo contattare per rimuoverlo,
al comune o al enel
grazie
Alto