• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

westy

Membro Ordinario
Proprietario Casa
Vado avanti con i chiarimenti:

nel campo valore io ho effettivamente indicato la quota che cade in successione, ma se poi nel quadro riassuntivo mi compare il valore degli immobili per intero e il 6% lo applicano su questa cifra è come se io non avessi indicato nulla ed infatti nella cartella mi viene calcolato il 6% dell'intero.

Il quadro EE si compila solo dopo aver riempito tutti gli altri e quindi dopo aver indicato l'iban.
 

westy

Membro Ordinario
Proprietario Casa
Quello che dicevo io è che se vari la quota del defunto da un intero a 1/2 non cambia nulla, ma mi avete spiegato che il programma e usabile come macchina da scrivere e non calcola nulla.
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
Quello che dicevo io è che se vari la quota del defunto da un intero a 1/2 non cambia nulla, ma mi avete spiegato che il programma e usabile come macchina da scrivere e non calcola nulla.
Si, quasi, ma non mi spiego il tuo risultato.
Quadro EC
Il dato della quota di possesso del defunto non agisce da moltiplicatore: per cui nel campo valore occorre imputare già la quota proporzionale: se il defunto possedeva il 50% di un immobile il cui valore catastale era 100.000, nel campo valore bisogna imputare 50.000

Così per tutti gli altri immobili.

Nel quadro EE comparirà alla fine la sommatoria dei valori inseriti nei vari campi "valore".

Mi sembra che tu sostenga una cosa diversa, ed evidentemente non hai adottato questa procedura.

p.s.: Che poi sarebbe stato più "furbo" far fare la moltiplicazione del valore catastale per la quota di possesso al SW, è altro discorso. Occorreva però differenziare la schermata di imputazione dati e relativa istruzione, rispetto al quadro finale del modello, dove i valori imponibili sono già quelli definitivi.
Questo approccio non lo adottano in nessuno dei loro programmi: vedi ad esempio il Modello Redditi.
 

Jan80

Membro Attivo
Professionista
No no, I loro programmi riproducono quanto si faceva coi modelli cartacei! Siamo fermi lì.

Giusto per chiarire: se il valore catastale ( la rendita per coefficiente) di un immobile caduto in successione veniva 100.000 per l'intero, tu hai inserito la quota di 1/2 posseduta da tua zia e a fianco cosa? 100mila o 50mila?
 

westy

Membro Ordinario
Proprietario Casa
In effetti sono stato fuorviato da diverse cose e sto cecando di riordinare le idee.
Sono andato a ricontrollare il programma e ho visto che avevo immesso la quota giusta quindi il 50%.

Quello che mi ha ingannato è stata la dicitura "TOTALE DA VERSARE" nel quadro EF che io avevo inteso come comprensiva di tutte le spese voltura catastale più spese di successione)

Altra cosa che ho capito ora e non sapevo ma chiedo conferma è se le spese per voltura catastale variano in funzione della quota di possesso e mi sembra di capire che è così.
Perchè non mi quadrava il fatto che il valore totale immobili dalla parte delle spese per voltura fosse uguale al valore totale immobili dell'ultimo quadro (EE)

Comunque ho scritto alla commercialista di fare una verifica e poi vi racconterò
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
Se leggi il quadro EF, troverai sempre solo gli importi delle imposte catastali (1%) ed ipotecarie (2%): non compare mai l'imposta di successione. Le altre voci , che sono relative a "piccoli" balzelli, sono sempre legate alle volture a catasto/Conservatoria.
se le spese per voltura catastale variano in funzione della quota di possesso e mi sembra di capire che è così.
Domanda contorta: se intendi le imposte ipotecarie e catastali, come scritto sopra sono calcolate in proporzione al valore imponibile della quota del defunto: in totale il 3% del valore della quota di immobili che cade in successione.

Se invece intendi le spese specificatamente previste per volturare quei beni, stai parlando di quote fisse, legate al numero di conservatorie interessate da quei beni: cioè le trovi ai righi EF15÷EF18, e dipendono dal numero di circoscrizioni interessate (in genere, una ogni provincia, salvo grandi città.
Perchè non mi quadrava il fatto che il valore totale immobili dalla parte delle spese per voltura fosse uguale al valore totale immobili dell'ultimo quadro (EE)
Certamente il totale EE1 corrisponde al totale riportato in prima colonna in EF1+EF4 (nota che la prima casa è l'unico immobile che sconta una imposta fissa di 200€+200€ e non proporzionale 1%+2% come gli altri immobili )
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
No no, I loro programmi riproducono quanto si faceva coi modelli cartacei! Siamo fermi lì.
Io mi sono dato una spiegazione: poichè dò sempre beneficio di intelligenza al mio prossimo, penso che anche la Agenzia delle Entrate mettendo a disposizione dei cittadini i vari programmi di dichiarazione, non voglia di proposito danneggiare troppo i vari "professionisti" che campano sulla burocrazia statale. Per cui il SW che viene rilasciato, non è mai paragonabile a SW commerciali di uso professionale: così tutti (... gli addetti ai lavori e software-house) vissero felici e contenti.....

Ed anche il cittadino medio (e volenteroso) finisce per accontentarsi: tanto affianca sempre un suo semplice prospettino excel.
Il SW in questione almeno assolve alla esposizione completa dei balzelli che 3-4 anni fa occorreva indicare sull'F23, con i relativi codici, noti solo a pochi addetti. E mai esplicitati in alcuna guida alle successioni ed articoli del fisco.
Mi riferisco alle tasse ipotecarie, imposte di bollo, ed ai diritti speciali, che cambiavano addirittura da conservatoria a conservatoria.
 

westy

Membro Ordinario
Proprietario Casa
Ciao a tutti.
la commercialista ha fatto un controllo e mi ha detto che la cifra è corretta.
Mi ha consigliato di chiamare la persona che ha trattato la mia pratica e di chiedere un piano di rateizzazione.
Poi vi raccomterò....
 

westy

Membro Ordinario
Proprietario Casa
Oggi ho chiamato l'Agenzia Entrate e mi hanno detto che posso fare così:

pagare il 20% dell'intera cifra entro 60 giorni e poi fare una domanda di dilazione su carta semplice, portarla li da loro e farla protocollare, così sono sicuro che l'abbiano recepita.
Ho visto che esiste un modulo 38 in una pagina del loro sito e pensavo di utilizzare quello.
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
Non conosco quel modulo: ma se ti hanno detto così, credo qualunque richiesta libera possa andare bene.
 

westy

Membro Ordinario
Proprietario Casa
Vi aggiorno:
sono andato all'agenzia entrate e ho avviato la procedura di rateizzazione.
Per ottenere questo però bisogna andare presso i loro uffici già con la copia del pagamento del 20% dell'intera cifra e con un foglio in carta libera scritto a mano con la richiesta di rateizzazione (il modulo di cui parlavo non va bene).

Però voglio lasciare qualche mia considerazione per chi sprovveduto come me utilizza il software per la dichiarazione di successione.
Io mi riferisco a quello originale che si scarica dal sito agenzia entrate.

Come prima cosa vi dico che tale Sw è ingannevole: come dicevo qualche post più sopra, mi chiedo come sia possibile che uno strumento nato allo scopo di eseguire una procedura che è la successione ereditaria non faccia riferimento alcuno alla cifra TOTALE che alla fine andrete a pagare in soldoni.
Un comune uomo della strada ha il diritto di sapere se ha tutti i soldi per pagare oppure se deve fare un prestito o altre scelte ed invece nulla e secondo me questo è gravissimo perchè non si sta parlando di poche centinaia di euro ma, come nel mio caso, di molte migliaia di euro che per loro saranno bruscolini, ma per me no.
E' corredato di decine e decine di pagine di istruzioni in alcuni punti incomprensibili che vi disorientano e vi annoiano, ma nessuno vi dice la verità.
Esiste su Youtube un tutorial dell'agenzia entrate con una bella signora che vi elargisce tante belle parole, ma nemmeno lei è chiara e diretta alla sostanza del discorso e quello che è peggio è che i commenti sotto sono disabilitati...
Potete al massimo dare un "non mi piace" ma non vedete quanti hanno dato questo giudizio.

Passiamo all'uso del SW.
Io mi aspettavo che fosse un programma abbastanza automatizzato e non mi capacitavo del fatto che indicando i valori catastali degli immobili e immettendo la percentuale di possesso 50% (quanto mi ha lasciato la zia) non cambiasse nulla ed infatti come dice qualcuno proprio qui, detto programma funziona come poco più che una macchina da scrivere.
Ci sono alcuni campi con delle tendine che contengono valori proposti, ma altri che sono vuoti da riempire con valori che poi non vengono accettati.
Ad esempio per il codice comune di Genova va impostato un quinto carattere che è poi una lettera, ma nessuno ve lo dice.
Bisogna fare una visura catastale per vederlo e se si omette, il sistema non accetta l'invio dei files e non dice il perchè.
Appaiono talvolta tendine con messaggi di errore che però sono vuote oppure non fanno riferimento ad alcun problema.
Quando si arriva alla fine della compilazione, vi viene richiesto il codice iban del conto dal quale prelevare (altrimenti la procedura non va avanti) ed il denaro vi viene prelevato subito, non passano nemmeno i quattro giorni usuali come nel caso di un bonifico.
Mi domando se non ci fossero soldi sul conto cosa succederebbe.....
Poi a distanza di mesi arriva un avviso di pagamento (con la batosta finale) nel quale vi è scritto che l'intera cifra richiesta va pagata entro 60 giorni, ma questo non è vero.

Di queste cose mi sono lamentato con il personale dell'agenzia entrate e mi hanno risposto che sanno queste cose, che ho ragione e non sono l'unico a lamentarmi e che anche loro che lavorano con questo software hanno dei problemi e anche chi produce tale software sa di aver fatto un pessimo lavoro.
Mi hanno detto che la cosa che potrei fare è di rivolgermi a "Striscia la notizia" perchè loro non possono farci nulla.

Quindi questo per darvi l'idea di quello che succede.
 

ermi69

Membro Junior
Proprietario Casa
Mia esperienza personale.
Successione compilata in estate 2018, una volta capito il meccanismo è risultato abbastanza semplice.
Alla fine, dopo il controllo di formalità del software, si presenta un riepilogo con l' imposte da versare, che nel mio caso riguardavano solo i trasferimenti di proprietà immobiliari e non le imposte di successione propriamente dette...quindi catastali, ipotecarie e di registro, in maniera dettagliate.
 

westy

Membro Ordinario
Proprietario Casa
Sì, nel tuo caso sì, ma pensa ad un caso come il mio:
immobili al 50% tra zia e nipote, il programma mi indicava totale spese 9400 Euro e poi mi è arrivato un avviso di pagamento di 23500 Euro e di questi il programma non ne ha proprio dato segno.
Io penso che ti dovrebbero quantomeno calcolare la cifra totale e poi dirti che sarà sottoposta a verifica e confermata o meno, ma così ti assicuro che non è piacevole
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
Fortunatamente non ho avuto occasione di utilizzare il nuovo programma "successioni" della Agenzia delle Entrate: e se natura fa il suo corso normale, toccherà ad altri pensare alla mia .....

Ho invece esperienza sulle modalità passate, avendo affrontato personalmente quella di mia moglie (dopo aver fatto fare quelle dei miei genitori e miei suoceri)

Condivido anch'io le perplessità su certe impostazioni del programma: e poichè a pensar male spesso si indovina, ritengo che sia voluto che il SW non sia visto dal lato dell'utenza, bensì dal lato del fisco (.... è poi così strano?). Detto ciò, non mi spiego tutte le altre critiche esposte da @westy nel post #32.

Dovrebbe almeno spiegare a cosa si riferiscano i 23500 € successivamente notificati..

Ora non vorrei passare per difensore d'ufficio del SW in questione, se affermo che chi si accinge a compilare col "fai da te" una D.S. , dovrebbe, prima di maneggiare lo strumento, documentarsi sui "fondamentali" civilistici e fiscali della successione.

Per rimanere agli aspetti fiscali, si trovano da tutte le parti scritte che sulla eredità gravano le seguenti imposte principali (salvo situazioni prima casa)

- Imposta ipotecaria: 2%
- mposta catastale : 1%
- Imposta di successione (aliquota variabile in funzione del grado di parentela) : 6%sulla parte eccedente la franchigia.
- Franchigia sulla Imp. Successione: 1.000.000 €

Trascuro le agevolazioni ed i balzelli supplementari (bolli, bollini ecc)

Le prime due voci sono presenti se la successione include degli immobili

Le istruzioni del SW specificano "abbastanza chiaramente" che il calcolo riguarderà solo le prime due voci, mentre l'imposta di successione, se l'asse ereditario supera la franchigia, verranno liquidate successivamente.

Non mi pare quindi così difficile calcolare con alto grado di attendibilità, l'onere complessivamente dovuto, sia per sapere dove si va a parare, sia come metodo di controllo sul risultato dei dati immessi nel SW della DS

Salvo smentite, in prima battuta devo pensare che oltre all'immobile in questione , la zia abbia lasciato anche un patrimonio mobiliare tale da far superare la franchigia di 1 Mil., complessivamente e approssimativamente valutato in 1.391.666 €

Aver pensato di cavarsela con 9400€ mi sembra dimostri una certa faciloneria nell'affrontare la dichiarazione. Un neopatentato non si iscrive al gran premio di Monza.
 
Ultima modifica:

westy

Membro Ordinario
Proprietario Casa
Facciamo un po' di chiarezza:

i 23500 Euro notificati sono così motivati:


Grado di parentela nipote (figlio/a di fratello/sorella)
Aliquota 6,00 %
Totale valore quote non esenti 357.175,00
Beni tipo DN (denaro, gioielli, mobilia) 0,00
Donazioni che hanno fruito di franchigia 0,00
Passività e altri oneri 1.039,00
Attivo netto 356.136,00
Franchigia spettante 0,00
Base imponibile 356.136,00
Presunzione 35.613,60
Totale imponibile 391.749,60
Imposta di successione 23.504,98
Riduzionee di imposta e imposta versata all'estero 0,00
Imposta dovuta 23.504,98

Questo quanto c'è scritto sull'avviso di liquidazione, che poi il valore dei beni corrisponde alla quota del 50% di 5 appartamenti e 3 cantine, tanto per darvi l'idea della consistenza.
Ora, a parte la cifra in se stessa che sarà anche adeguata secondo loro, ma per me è fuori da ogni grazia di Dio proprio perchè sono una montagna di soldi buttati, come vedete nel mio caso, non è applicabile alcuna franchigia.

Poi, a costo di essere ripetitivo e noioso, ribadisco ancora una volta che, nel momento che un'ente come l'agenzia delle entrate mette a disposizione uno strumento che va in mano a chiunque (all'uomo comune di strada anche un po' ignorante come me o alla casalinga di Voghera) deve fare le cose a prova di scemo e organizzare il tutto in modo che detto strumento guidi passo per passo verso la fine il suo utilizzatore.
detto questo, all'uomo comune di strada anche un po' ignorante come me o alla casalinga di Voghera, non frega niente di sapere se si chiamano tasse, imposte o ambarabaciccìcoccò, ma soltanto quanto deve pagare in soldoni.
Quindi detto strumento, se fosse fatto bene,dovrebbe dare assolutamente un preventivo di spesa finale (cavolo!!, ma siamo in un'epoca dove ci facciamo fare preventivi al centesimo per ogni cosa e poi non teniamo conto di migliaia di euro?).
E poi perchè non dovrebbe essere visto dal lato dell'utenza? Non siamo mica solo vacche da spremere.
Comunque aldilà di tutti i ragionamenti, quello che taglia la testa al toro, è il fatto che mi abbiano detto che le mie lamentele le hanno già sentite da molti altri utenti, ed allora non sono l'unico scemo che ci casca, c'è un problema e va risolto.
Tra l'altro so di una mia collega con una situazione tipo la mia (eredità zia/nipote) che ha avuto la stessa mia sorpresa con l'aggravante che la procedura glel'ha fatta un CAF dicendole che non c'era altro da pagare oltre a quanto dichiarava il programma ed in più ha dovuto anche pagare (salato) il servizio del CAF.
C'è mancato un pelo che gli rovesciasse la scrivania.

In poche parole, se fosse fatto tutto con la testa, si impedirebbe che un neopatentato si iscrivesse al gran premio di Monza con la differenza che al gran premio di Monza ci si iscrive di spontanea volontà per divertimento, mentre la procedura di successione si è obbligati a subirla passivamente anche se non se ne avrebbe nessuna voglia.

In conclusione, io rimango della mia idea e cioè che questo SW è veramente una porcheria ingannevole e voi rimarrete della vostra se vi piace tanto, ma l'importante è che la gente sappia a cosa va incontro e qui chiudo perchè altrimenti si alimenta una polemica sterile che non porta da nessuna parte.
Buona serata a tutti
 
Ultima modifica:

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
Mi permetto di replicare: i punti significativi che sollevi sono due, e poi hai fatto una affermazione che mi permetto di correggerti.
1-Il Sw poteva e doveva essere più esplicito? E quanto meno come minimo non era opportuno indicare (salvi tutti i successivi accertamenti) l’ipotetica imposta di successione derivante dai dati dichiarati? La mia risposta è SÌ (la penso come te)

2) Tu affermi che a te non è applicata alcuna franchigia: questo non è corretto ed hai mal interpretato: a fronte dell’asse ereditario di 1300 e rotti euro sei stato tassato al 6% solo (si fa per dire...) sui 300 e rotti.

Se rileggi il mio precedente post, ero pervenuto al medesimo valore di imponibile pur non conoscendo ancora i dettagli che adesso hai esposto.

Come vedi non era così difficile fare un rapido controllo di quanto costava la tua successione.
Tralascio di commentare l’esperienza CAF citata.

Non entrò poi nel merito se sia troppo o poco quanto l’erario esige, che è sempre opinabile

Quello che invece mi è nuovo, ma a pensarci bene me lo ero dimenticato, è l’ammontare presunto che come vedo è il 10% dellimponibile dichiarato.
Ora sapevo che una cosa simile scattava come presunzione di valori monetari, certo che se la applicano piatta sul capitale immobiliare potrebbe essere una botta assolutamente non realistica.

Ps: il mio minor stupore è forse anche dovuto alla età mia.
Pensa che prima che Berlusconi togliesse la tassa di successione, le aliquote erano se non ricordo male, attorno al 30% è la franchigia se c’era era marginale. In vero salasso.
Einaudi giustificava tale situazione con una “predica civile”: riteneva che fosse giusto che a tre generazioni successive di nullafacenti fosse sottratto il patrimonio. E doveva essere un punto d’onore per i figli ricostruir il patrimonio familiare sottratto dallo stato. Solo così il Paese prosperava
.... anni fa si è sollevato un putiferio quando un erede di Einaudi, Padoa Schioppa, ha detto che pagar le tasse è bello, e se la prendeva coi giovani pigri....
(... evoluzione del pensiero economico...) Buona notte: valuta l’aspetto positivo: molti si sognano di ereditare 5 alloggi: e non sanno cosa li aspetta
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
Ho riletto la tua esposizione nel tuo ultimo post. Non vorrei fosse stato fatto un errore.

Cerca sulla DS se l’attivo Lordo finale è pari a 1356000 circa, visto che sei tassato sui 356000 netti.
 

Elisabetta48

Membro Senior
Tralascio di commentare l’esperienza CAF citata.
Scusate se invece io mi permetto di commentarla: penso che quella collega sia stata particolarmente sfortunata. Noi, in famiglia, abbiamo fatto tutte le successioni (genitori, zie, cugini...) presso dei Caf e siamo sempre stati molto soddisfatti per la competenza e la precisione trovati e per l'economicità. Mi dispiace per quella esperienza invece così negativa.
Chiedo a @westy, anche se al momento il suo problema è un altro: hai chiesto all'INPS il rateo della tredicesima della pensione? Direi che, come erede della zia, ti spetta (nell'ipotesi che la zia avesse la pensione, naturalmente)
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
Ovvio che mi riferivo solo a quello specifico addetto di quel CAF: come sempre dipende dalle persone in cui ti imbatti.
Resta comunque censurabile sapere che in certe sedi opera gente così impreparata e sprovveduta.
È che capita anche in Ag. Entrate, e con certi professionisti. Quaquaraquà se ne trovano purtroppo ovunque e temo sarà sempre peggio.
Basta leggere le risultanze di questi giorni sulla preparazione dei giovani italiani, che perdono punti rispetto al passato e dove solo una minoranza dimostra oggi la piena comprensione di un testo. ( no comment sui politici)
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

angelamura ha scritto sul profilo di elisabetta giachini.
sono proprietaria al 50% di un appartamento di una casa bifamiliare. L'altro 50% e di proprietà del mio ex marito,L'altro appartamento che si trova al piano di sotto e' di proprieta' al 50% sempre del mio ex marito e 50% di mia figlia. Ora ci sono delle spese da sostenere per il tetto della casa. Per quanto io devo partecipare ? grazie
Alto