• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Gigio16

Nuovo Iscritto
Secondo me, dopo la compravendita e la registrazione dell'atto da parte del notaio alla Conservatoria dei Registri Immobiliari, il Catasto rivaluta la rendita catastale. Da qui il maggiore importo I.C.I.!!!!
 

tommi

Nuovo Iscritto
Gigio16 ha scritto:
Secondo me, dopo la compravendita e la registrazione dell'atto da parte del notaio alla Conservatoria dei Registri Immobiliari, il Catasto rivaluta la rendita catastale. Da qui il maggiore importo I.C.I.!!!!
:disappunto: :disappunto: ...ma quando mai!!!!!!!
Al catasto la rendita rimane invariata. Sulla rendita si applicano i parametri di rivalutazione ai fini del computo imposte.
La rendita varia solo in caso di fusione, ampliamento e/o ristutturazione dell'immobile, a seguito della ripresentazione del nuovo accatastamento.
 

Marco Giovannelli

Membro dello Staff
Professionista
vero, il valore catastale si riferisce ad un biennio particolare, e non cambia mai senza fare lavori particolari citati da tommi! semmai per una rivalutazione che sarebbe nazionale!!

saluti
 

carlo.b

Membro Attivo
dona.s17@virgilio.it ha scritto:
Salve, volevo sapere se il valore catastale di un immobile è variabile o rimane quello anche dopo una compravendita.
Il valore catastale di un immobile non varia assolutamente dopo una compravendita.
Detto valore è strettamente legato alla Rendita Catastale, infatti è da questa, con opportuni moltiplicatori, che si calcola il valore catastale.
Ad esempio, ai fini ICI, il valore catastale di un'abitazione si ottiene moltiplicando per 100 la Rendita Catastale ed incrementando il risultato del 5% (R.C. x 100 x 1,05).
La Rendita Catastale può variare nei seguenti casi:
- per ampliamento o frazionamento dell'unità immobiliare (aumenta o diminuisce il n. di vani o di mq);
- per nuove dotazioni tecnologiche dell'unità immobiliare (varia la classe e/o la categoria);
- per intervenuta variazione delle tariffe d'estimo, ossia la variazioni dei valori unitari, divisi per categorie e classi, che servono a determinare la rendita catastale di un immobile (l'ultima variazione è avvenuta nel 1992 ed i valori erano riferiti al biennio 1988/1989).
Forse sono stato troppo tecnico,......comunque il valore catastale non si incrementa, ne diminuisce, dopo un atto di compravendita.
Saluti.
Carlo
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Ho affittato a un inquilino con figli in età scolare un alloggio al 2° p. di un piccolo condominio. Il fornaio del p.t., si è lamentato "pesantemente" con me perchè i suddetti figli (ora in DAD) lo disturbano durante il giorno. Ho invitato civilmente il padre a moderare l'esuberanza dei ragazzi ma inutilmente. La domanda è: Qual è la mia responsabilità circa il diurno disturbo arrecato al fornaio?
Buongiorno. Mio figlio è proprietario di un locale di 35 mq. adibito a magazzino, classe C2 ubicato nel cortile di un palazzo, piano terra. Desiderando cambiare la destinazione d'uso, per realizzare ad esempio un piccolo laboratorio, deve avere il consenso del condominio, con delibera assembleare?
Alto