1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. feder71

    feder71 Membro Attivo

    Esistono vincoli per la locazione di un box auto??
    In particolare si può affittare un box auto privato per un solo anno?
    Si può poi usufruire della cedolare secca o occorre registrare il contratto e pagare le imposte relative?
    Grazie.
     
  2. maidealista

    maidealista Fondatore Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Non esistono limiti temporali e non si può fruire dell' opzione cedolare secca se il box non è pertinente ad una unità abitativa.
    Vedi art. 1571 e seguenti del Codice Civile. :daccordo:
     
  3. w2fdr

    w2fdr Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    questo vuol dire ad esempio che anche se per risparmiare sulla registrazione si stipula un contratto della durata di 6 anni (anche tacitamente rinnovabile) esso puo essere interrotto in base al preavviso stabilito nello stesso
    (ad esempio 3/6 mesi) . Confermi maidealista ?
     
  4. maidealista

    maidealista Fondatore Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Confermo :daccordo:
     
    A Pitiuso piace questo elemento.
  5. mapeit

    mapeit Membro Senior

    Proprietario di Casa
    E perché dovresti fare un contratto di 6 anni per risparmiare ? La tassa di registro la devi comunque pagare ogni anno, cambia solo la causale.

    1) Fai un contratto di sei anni tacitamente prorogabile per un analogo periodo.
    Il primo anno paghi la tassa di registro pari al 2% del canone annuale con causale 115T più i bolli
    Per gli anni successivi paghi sempre il 2% del canone annuale con causale 112T (annualità successive) fino al 6° anno. Se poi il contratto si proroga tacitamente per altri 6 anni, il 7° anno devi pagare sempre il 2% ma con causale 114T (proroga) e poi, gli anni successivi, sempre con causale 112T fino al 12°. E così via.
    2) Fai un contratto di un anno tacitamente prorogabile per un analogo periodo.
    Il primo anno paghi la tassa di registro pari al 2% del canone annuale con causale 115T più i bolli.
    Se nessuno disdice il contratto, per gli anni successivi paghi sempre il 2% del canone annuale con causale 114T (proroga) senza complicarti la vita e senza ricordarti delle variazioni del 7°, 13° anno ecc.

    Il costo delle due opzioni è esattamente lo stesso.
    La differenza sta nel fatto che il contratto annuale lo puoi rinegoziare ogni anno (per quanto riguarda il canone), ma in tal caso dovrai rifare un contratto nuovo e pagare ancora il bollo, mentre in quello di sei anni dovrai inserire un meccanismo di aggiornamento del canone che però poi non potrai modificare fino a scadenza.
    Dipende da ciò che ti conviene di più. Rivedere il canone ogni anno e pagare le marche da bollo ogni anno, oppure prevedere ad. es. l'aumento ISTAT e pagare le marche da bollo solo il primo anno.
     
    A w2fdr piace questo elemento.
  6. w2fdr

    w2fdr Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Interessante,
    ma nella discussione qui :
    http://www.propit.it/f76/affitare-solo-garage-della-casa-dove-ho-residenza-14959/
    l'avevo capita diversamente,
    forse dipende dall'entità del canone e dal fatto che la tassa di registro minima sembra essere di 67 euro ?
    nel mio caso specifico avrei un canone mensile fra i 60 e gli 80 euro mensili.
    Facendo due conti secondo te quale sarebbe la soluzione migliore ??

    Grazie in anticipo ......
     
  7. maidealista

    maidealista Fondatore Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Per i contratti di locazione (e sublocazione) di immobili urbani di durata pluriennale, le parti hanno la facoltà, al momento della registrazione, di corrispondere l'imposta di registro:

    a) anno per anno;

    b) per tutta la durata del contratto.

    Nel caso a) i pagamenti per le annualità successive devono tener conto degli aumenti ISTAT e posssono anche essere di importo inferiore a 67 euro.
    Ad esempio: se il canone annuo è di 2.500 euro, poiché l'imposta dovuta annualmente è pari a 50 euro ( 2.500 x 2% ), si verserà, per il primo anno, l'importo minimo di 67 euro. Il versamento per ciascuna annualità successiva sarà, invece, di 50 euro.

    Nel caso b) al contribuente sono riconosciuti due vantaggi:

    1. l'imposta non colpisce gli eventuali aumenti del canone dovuti alle variazioni ISTAT o all'applicazione dell'art. 23 della legge 392/78;
    2. l'imposta dovuta viene ridotta di una percentuale pari alla metà del tasso di interesse legale attualmente del 2,5% (fino al 31 dicembre 2011 era dell' 1,5%) moltiplicato per il numero delle annualità.
    Ad esempio: se il canone annuo è di 6.000 euro e il contratto ha una durata di quattro anni, il contribuente può eseguire un versamento unico di 456 euro, pari a 480 ( 2% di 24.000 ) - 24 ( 5% di 480 ).
    Se avesse scelto il pagamento anno per anno, avrebbe invece dovuto corrispondere 120 euro per ciascuna annualità, per un totale di 480 euro.
    Contratto di locazione, determinazione dell'imposta
    +
    ADUC - Scheda Pratica - REGISTRAZIONE DEI CONTRATTI DI LOCAZIONE. COSA FARE E QUANDO
     
    A w2fdr piace questo elemento.
  8. feder71

    feder71 Membro Attivo

    Potreste indicarmi un sito dove trovare un modello di contratto affitto box a un privato?
     
  9. w2fdr

    w2fdr Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Allora i 6 anni di cui si diceva è la durata massima per la quale il risparmio è il massimo possibile ?
     
  10. maidealista

    maidealista Fondatore Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Teoricamente, dal C.C.:
    Art. 1573
    Durata della locazione.
    Salvo diverse norme di legge, la locazione non può stipularsi per un tempo eccedente i trenta anni. Se stipulata per un periodo più lungo o in perpetuo, è ridotta al termine suddetto.
     
  11. w2fdr

    w2fdr Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    allora mi sfugge qui
    http://www.propit.it/f76/affitare-solo-garage-della-casa-dove-ho-residenza-14959/
    perche era saltato fuori :triste:
     
  12. maidealista

    maidealista Fondatore Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Ipotizziamo un canone mensile di € 80,00.
    80 x 12 = 960 : 100 x2 = 19,2 ma diventano (minimo) € 67 annuo

    col caso b) 960 x 10 anni canone decennale 9.600 -1,25% = 9.480

    9.480 : 100 x 2 = € 190,00 complessivi per i 10 anni

    In considerazione dell' ora....SE&O :daccordo:
     
    A w2fdr piace questo elemento.
  13. w2fdr

    w2fdr Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    :)
    quindi riepilogando :
    i sei anni erano puramente indicativi.
    In realtà il tetto massimo è di 30 anni.
    Ma è vero che a prescindere dalla durata fissata il contratto puo essere rescisso i fissati nello stesso,
    oppure la durata del contratto in qualche modo ne vincola la durata minima ??
     
  14. w2fdr

    w2fdr Membro Attivo

    Proprietario di Casa
     
  15. mapeit

    mapeit Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Maidealista ha ragione. Se prevedi di fare un contratto che durerà a lungo, indipendentemente dalla durata che scrivi nel contratto stesso, ti conviene pagare tutta la tassa di registro in un'unica soluzione dividendola a metà con l'inquilino.
    Attenzione però, se poi uno di voi due risolve anticipatamente il contratto (infatti conviene inserire la clausola con tale possibilità nel contratto poiché anche tu potresti un giorno avere bisogno del garage), la tassa di registro pagata non è più recuperabile.
    Per questo motivo è consigliabile inserire una durata "media" (es. 6 o 10 o 12 anni) senza sbilanciarsi troppo.
    Dipende comunque dalle tue previsioni, date dalle necessità tue e dell'inquilino e dalla possibilità o meno che esse possano mutare nel tempo.
     
    A w2fdr piace questo elemento.
  16. feder71

    feder71 Membro Attivo

    Ho trovato su:

    La cedolare secca sugli affitti

    "L'imposta sostitutiva si applica anche alla pertinenza, o più
    pertinenze (non più di tre), dell'immobile locato, a condizione che sia affittata congiuntamente ad esso."

    Ma cosa si intende per congiuntamente??
    Si può affittare l'abitazione ad una persona e il box ad un'altra usufruendo della cedolare secca per entrambe??
    Grazie!
     
  17. w2fdr

    w2fdr Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    direi che congiuntamente intende in unico contratto alla stessa persona ....
     
  18. mapeit

    mapeit Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Direi anch'io la stessa cosa. :daccordo:
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina