• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Franci63

Membro Assiduo
Proprietario Casa
mi è venuto in mente il notaio, perchè se non erro ultimamente nel caso di condizioni sospensive, o clausole al rogito (o quel che l'è) mi sembra sia stato stabilito per legge che occorra versare il saldo al notaio, che provvederà a completare l'atto al verificarsi delle condizioni.
Ricordi bene, ma non troppo, credo.

Quello di cui scrivi non riguarda le condizioni sospensive o genericamente le somme in deposito, ma è la facoltà delle parti di richiedere il deposito del saldo prezzo al notaio rogante (al momento del rogito) fino ad avvenuta trascrizione del contratto di compravendita, per evitare il rischio che tra rogito e trascrizione venga pubblicato un gravame inaspettato (ipoteca, pignoramento, domanda giudiziale etc.).
Ma è una facoltà che mi risulta essere pochissimo usata, anche perché i notai chiedono dai 500 euro a qualche migliaia di euro per questo “servizio”.
Ha suscitato malumore perché è una facoltà che può essere esercitata “senza preavviso”: ovvero l’acquirente potrebbe chiedere questa procedura anche in sede di rogito, senza averne mai fatto cenno prima, scombinando le aspettative del venditore sull’incasso immediato.

P.S. Che bello il “quel che l’è “ , fa tanto Milano...
 

medicol

Membro Ordinario
Proprietario Casa
Ricordi bene, ma non troppo, credo.

Quello di cui scrivi non riguarda le condizioni sospensive o genericamente le somme in deposito, ma è la facoltà delle parti di richiedere il deposito del saldo prezzo al notaio rogante (al momento del rogito) fino ad avvenuta trascrizione del contratto di compravendita, per evitare il rischio che tra rogito e trascrizione venga pubblicato un gravame inaspettato (ipoteca, pignoramento, domanda giudiziale etc.).
Ma è una facoltà che mi risulta essere pochissimo usata, anche perché i notai chiedono dai 500 euro a qualche migliaia di euro per questo “servizio”.
Ha suscitato malumore perché è una facoltà che può essere esercitata “senza preavviso”: ovvero l’acquirente potrebbe chiedere questa procedura anche in sede di rogito, senza averne mai fatto cenno prima, scombinando le aspettative del venditore sull’incasso immediato.

P.S. Che bello il “quel che l’è “ , fa tanto Milano...
gliene parlo al notaio
grazie per info
 

griz

Membro Storico
Professionista
a me risulta che se non vi è uno scambio di denaro non è obbligatorio registrare la scrittura, sia proposta accettata sia compromesso, poi ritengo anch'io che nessuno accetterebbe una proposta senza un impegno economico da parte del promissario acquirente. Però potrebbe esserci una fiducia reciproca che consentirebbe
 

medicol

Membro Ordinario
Proprietario Casa
a me risulta che se non vi è uno scambio di denaro non è obbligatorio registrare la scrittura, sia proposta accettata sia compromesso, poi ritengo anch'io che nessuno accetterebbe una proposta senza un impegno economico da parte del promissario acquirente. Però potrebbe esserci una fiducia reciproca che consentirebbe
É chiaro che do un anticipo valido come caparra confirmatoria se la proposta viene accettata. Non voglio solo lasciare un assegno in mano così come previsto dai contratti Tecnocasa,
questo non lo capirò mai.
 

moralista

Membro Senior
Professionista
Se versi un assegno ad accettazione di proposta d'acquisto non vedo cosa ti preoccupi, l'assegno verrà incassato ad proposta accettata
 

medicol

Membro Ordinario
Proprietario Casa
Se versi un assegno ad accettazione di proposta d'acquisto non vedo cosa ti preoccupi, l'assegno verrà incassato ad proposta accettata
Il contratto Tecnocasa standard prevede assegno a semplice proposta che viene restituito se proposta non accettata, in pratica per 15 gg non è più in mio possesso
 

griz

Membro Storico
Professionista
questo non lo capirò mai.
come ti è stato scritto, lasci un assegno ad un professionista che opera un'intermediazione per conto tuo, il quele rilascia una ricevuta specificando lo scopo per il quale riceve un assegno, l'assegno è intestato al venditore quindi il mediatore non potrà incassarlo, è una procedura corretta e normale.
Come si dovrebbe procedere se non così?
 

Franci63

Membro Assiduo
Proprietario Casa
Il contratto Tecnocasa standard prevede assegno a semplice proposta che viene restituito se proposta non accettata, in pratica per 15 gg non è più in mio possesso
A parte i suggerimenti e le altre considerazioni espresse da me ma non solo, non sei obbligato a fare una proposta irrevocabile che sia valida 15 giorni.
Puoi tranquillamente mettere una validità di due ,tre giorni, e il venditore , se interessato, saprà che dovrà rispondere entro quel termine per non perdere l’affare.
Di solito si mette 15 giorni se i venditori sono più di uno, magari non in completo accordo, o sono lontani; ma pochi giorni , in situazioni normali, bastano e avanzano.
 

medicol

Membro Ordinario
Proprietario Casa
A parte i suggerimenti e le altre considerazioni espresse da me ma non solo, non sei obbligato a fare una proposta irrevocabile che sia valida 15 giorni.
Puoi tranquillamente mettere una validità di due ,tre giorni, e il venditore , se interessato, saprà che dovrà rispondere entro quel termine per non perdere l’affare.
Di solito si mette 15 giorni se i venditori sono più di uno, magari non in completo accordo, o sono lontani; ma pochi giorni , in situazioni normali, bastano e avanzano.
Grazie.
ed infatti ho fatto: proposta senza alcun assegno, con richiesta immediata di decisione da parte del proprietario
 

fasa78

Membro Attivo
Impresa
scusate l'intromissione a questa discussione....

parlate sempre di caparra, proposta di acquisto , registrazione preliminare....

ma se tra un privato ad altro privato come funziona ???

Nel senso .... mi accordo a voce per una cifra, poi lui sceglie un notaio e per finire si procede alla vendita con l'atto , serve altro ??
 

Franci63

Membro Assiduo
Proprietario Casa
Nel senso .... mi accordo a voce per una cifra, poi lui sceglie un notaio e per finire si procede alla vendita con l'atto , serve altro ??
Se l’acquirente non deve fare mutuo va bene così; altrimenti dovrete stipulare un contratto preliminare, senza il quale normalmente la banca non apre la pratica.
 

griz

Membro Storico
Professionista
diciamo anche che i passaggi preliminari servono a capire la serietà delle intenzioni dell'acquirente il quale con un impegno verbale o anche scritto ma senza impegno economico potrebbe prendere alla leggera il contratto e sganciarsi, quindi a prescindere da tutto la prassi consigliabile è la classica: proposta di acquisto corredata da caparra (qualche migliaio di € basta) in assegno che verrà accettata incassando l'assegno (potrebbe anche non venire registrato), contratto preliminare dove si stabiliscono tutte le clausole e date con versamento di un importo abbastanza vincolante, (questo va registrato )e poi a rogito il saldo
 

Franci63

Membro Assiduo
Proprietario Casa
La scelta di andare direttamente a rogito è, appunto, una scelta.
Bisogna essere consapevoli che senza un contratto preliminare ognuna delle due parti potrebbe cambiare idea; è necessario valutare questa possibilità, e le proprie esigenze.
Se tutto avviene in tempi rapidi, non vedo controindicazioni , partendo dal presupposto che le intenzioni siano serie. Ho appena venduto un box io e un appartamento mio marito, entrambi senza mediatore, e andando direttamente a rogito.
In ogni caso la proposta accettata (con comunicazione al proponente dell’avvenuta accettazione) , è un contratto preliminare, e quindi va registrata, a maggior ragione se c’è versamento di caparra.
Ultima considerazione, tra privati di solito non c’è in ogni caso la proposta ( che si usa quando c’è un intermediario), ma si mette nero su bianco direttamente un contratto preliminare , contenente gli accordi presi a voce tra le parti.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Tempo fa ho creato un arco senza togliere il muro sotto non portante. Quindi non ho variato la metratura della stanza. Ora dovrei vendere l appartamento. Devo ripristinare parte mancante o non avendo modificato planimetria non serve. Grazie
angelamura ha scritto sul profilo di elisabetta giachini.
sono proprietaria al 50% di una villetta con il mio ex marito Nell'accordo di separazione , e' stato concordato un assegno di mantenimento di euro 500 che pero' non mi viene erogato sino a quando io continuero ad abitare nella casa in attesa della vendita, come pagamento della mia quota di affitto.
Volevo sapere se, sia come comproprietaria, sia come affittuaria, posso subaffittare una stanza della casa?
Alto