• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

carloalberto

Membro Junior
Proprietario Casa
In un condominio minimo ho intestato il contatore luce scale e l'altro condomino non vuole pagare la bolletta secondo la vigente bolletta enel. Si è autoridotto l'importo accumulando un debito di circa 100 euro.
Posso ricorrere al giudice di pace senza l'avvocato peer recuperare il dovuto? .
Non posso dare all'avvocato 1000 € per recuperane 100.
 

carloalberto

Membro Junior
Proprietario Casa
Correggo : non vuole pagare secondo la vigente tabella millesimale ( è un nuovo proprietario e non vuole riconoscere il sistema di ripartizione corrente.).
 

possessore

Membro Storico
Proprietario Casa
non vuole riconoscere il sistema di ripartizione corrente
Il sistema di ripartizione corrente è contrattuale, e quindi non modificabile senza l'intervento di un tecnico autorizzato dall'assemblea dei condomini o comunque dalla maggioranza dei condomini. Temo che dovrai farglielo capire con un legale, ma prima bonariamente fagli presente in forma scritta che se dovrai ricorrere a un legale, alla spesa che si rifiuta di pagare, si aggiungera' anche la spesa del legale di 1000 Euro.
 

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
Correggo : non vuole pagare secondo la vigente tabella millesimale ( è un nuovo proprietario e non vuole riconoscere il sistema di ripartizione corrente.).
Quando si è in 2 può capitare che ci siano più difficoltà a gestire il Condominio di quando si è una decina.

Posto che dovreste passare prima per il "mediatore" (dove le spese sono comunque divise fra le parti) non puoi presentarti da un Giudice senza avvocato.

Al posto tuo io farei presto: sospendo il contratto con Enel e aspetto al varco.
 

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
mi risulta sia possibile invece, per importi minimi e questo lo è sicuramente, mi pare però vi siano dei costi per impostare il ricorso
Le procedure sono complesse...ma di certo per questioni condominiali prima devono passare dal "Mediatore"...dove ripeto le spese sono compensate fra le parti (quindi per recuperare 100 Euro ne spendi forse la metà).
Se la "mediazione" non sortisce effetto tocca passare in Giudizio...è avvocato o meno se anche ottieni l'addebito alla controparte di spese ne sostieni comunque ...quantomeno di tempo.

Ps.
Se non si è ben preparati in materia sconsiglio il fai da te.
Se la controparte si presenta con un legale...questi saprà come imbrogliare le carte.
 

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
Ne spendi la metà per l' Istituto della Mediazione più almeno 500 € per il tuo avvocato perché anche in Mediazione non si può più andare senza l'assistenza legale. ed il costo di questo avvocato non è addebitabile al soccombente.
Ipse dixit.

Ps.
Magari per una banale incontro un avvocato a meno di 500 si trova.
Ma resta valido il concetto...per questioni di tale valore hanno reso la vita impossibile...e poi la chiamano "civiltà".
 

Sjlvia

Membro Junior
Proprietario Casa
In un condominio minimo ho intestato il contatore luce scale e l'altro condomino non vuole pagare la bolletta secondo la vigente bolletta enel. Si è autoridotto l'importo accumulando un debito di circa 100 euro.
Posso ricorrere al giudice di pace senza l'avvocato peer recuperare il dovuto? .
Non posso dare all'avvocato 1000 € per recuperane 100.
Per le ingiunzioni di pagamento relative alle spese condominiali non è previsto il passaggio per la mediazione.
In questo caso, però, c'è un punto debole. Secondo me se il contatore è intestato a una persona fisica e non al Condominio è molto difficile recuperare quanto dovuto e non pagato dagli altri condòmini; il debito non risulta condominiale, ma privato dell'intestatario della bolletta.
Anche agendo legalmente, come privato e non come Condominio, non è detto gli sia riconosciuto quanto gli spetta.
 

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
Per le ingiunzioni di pagamento relative alle spese condominiali non è previsto il passaggio per la mediazione.
Non saltare a conclusioni affrettate saltando le premesse del postante.

Condominio "minimo" significa 2 soli proprietari....secondo te adottano tutta la "burocrazia" di una gestione condominiale ???

Suvvia...non ci sono convocazioni, verbali di delibera., bilanci etc...figurati se ci sono ingiunzioni di pagamento.
 

Fift@

Membro Attivo
Professionista
Disdici il contratto e glielo fai intestare a nome suo se vuole la luce nelle scale. Piuttosto che farmi mettere i piedi in testa preferisco la scala al buio
Mal comune mezzo gaudio
 

Sjlvia

Membro Junior
Proprietario Casa
Non saltare a conclusioni affrettate saltando le premesse del postante.

Condominio "minimo" significa 2 soli proprietari....secondo te adottano tutta la "burocrazia" di una gestione condominiale ???

Suvvia...non ci sono convocazioni, verbali di delibera., bilanci etc...figurati se ci sono ingiunzioni di pagamento.
Sì, avevo letto che è un Condominio minimo; è comprensivo non ci sia tutta la "burocrazia" esistente in altri Condomini.
Purtroppo questo non cambia il fatto che chi si intesta la fornitura rischia di suo.
Tutto va bene finché si va d'accordo, poi iniziano i problemi.
In fin dei conti intestare la fornitura di energia elettrica al Condominio, in presenza di un contatore dedicato alle parti comuni, non comporta molti oneri in più; è un po' più costosa la bolletta, ma non servono amministratore, assemblea, verbali, modelli fiscali ecc.
Tutti parimenti responsabili, meno facile che uno dei due non paghi.
 

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
In fin dei conti intestare la fornitura di energia elettrica al Condominio, in presenza di un contatore dedicato alle parti comuni, non comporta molti oneri in più;
Perdona lo spaccare il capello ma in un Condominio minimo:
1-al 99% non fanno richiesta di Codice Fiscale ergo nessuna fornitura potrà essere intestata al "condominio"
2-il costo per la corrente è identico visto che il "beneficio" prima casa è solo per il contatore personale. Un secondo contatore paghi le tariffe piene
3-La controparte non ha omesso il pagamento ma liquida secondo una percentuale diversa dalla stabilita...quindi è una "consuetudine" accettata.
Non sappiamo se e come abbiano stabilito le quote...ma davanti ad un Giudice il fatto che il contratto (in tali situazioni "ridotte") sia intestato ad uno dei singoli nulla cambia se a solo servizio delle parti comuni così come l' Agenzia delle Entrate ha avvalorato il bonus ristrutturazioni anche per i Condomini privi di c/c condominiale.

in presenza di un contatore dedicato alle parti comuni, non comporta molti oneri in più; è un po' più costosa la bolletta, ma non servono amministratore, assemblea, verbali, modelli fiscali ecc.
Infatti io ti contestavo la tua diversa stesura:
Per le ingiunzioni di pagamento relative alle spese condominiali non è previsto il passaggio per la mediazione.
Un Decreto Ingiuntivo non necessità di passare per la mediazione...perchè esiste un Bilancio approvato o Delibera di spesa con riparto ed un Amministratore autorizzato a perseguire.
 

Sjlvia

Membro Junior
Proprietario Casa
Perdona lo spaccare il capello ma in un Condominio minimo:
1-al 99% non fanno richiesta di Codice Fiscale ergo nessuna fornitura potrà essere intestata al "condominio"
2-il costo per la corrente è identico visto che il "beneficio" prima casa è solo per il contatore personale. Un secondo contatore paghi le tariffe piene
3-La controparte non ha omesso il pagamento ma liquida secondo una percentuale diversa dalla stabilita...quindi è una "consuetudine" accettata.
Non sappiamo se e come abbiano stabilito le quote...ma davanti ad un Giudice il fatto che il contratto (in tali situazioni "ridotte") sia intestato ad uno dei singoli nulla cambia se a solo servizio delle parti comuni così come l' Agenzia delle Entrate ha avvalorato il bonus ristrutturazioni anche per i Condomini privi di c/c condominiale.
Non devi scusarti, mi fa piacere il tuo intervento.
Parto dall'ultimo punto, il 3; avevo purtroppo letto male, pensavo a un mancato pagamento mentre qui c'è un argomento diverso, un disaccordo nel modo di riparto della spesa.
Sicuramente auspicabile e probabile che un Giudice riconosca l'obbligo dei due condòmini a contribuire alla spesa nonostante il contratto sia intestato a uno dei due e non al Condominio, ma intendevo dire che non si ha assoluta certezza dell'esito, così come in qualsiasi altro contenzioso legale.
2. Hai ragione, essendo comunque usi diversi non c'è differenza di spesa tra intestazione al Condominio e intestazione a uno dei condòmini; è stata una mia svista.
3. Vero, il 99% dei Condomini minimi non ha codice fiscale; ma nulla vieta di chiederlo, e non c'è alcun costo né all'apertura né successivamente.
Personalmente non accetterei di intestarmi una spesa condominiale, sono sempre dell'idea che convenga fare il contratto a nome del Condominio.

Un Decreto Ingiuntivo non necessità di passare per la mediazione...perchè esiste un Bilancio approvato o Delibera di spesa con riparto ed un Amministratore autorizzato a perseguire.
Certo, era una considerazione generale non specifica per il caso in discussione. Non saprei se, mancando tutti questi documenti, con una bolletta di energia elettrica intestata al Condominio come unico costo condominiale sia possibile chiedere un'ingiunzione di pagamento.... cercherò di approfondire.
 

Franci63

Membro Senior
Proprietario Casa
Non ha senso andare davanti ad un giudice per tali piccolezze; io metterei un interruttore per la luce scale attivabile solo con una chiave,
fintanto che il vicino non contribuisce come deve.
Nel frattempo sta al buio. 😉
 

Luigi Criscuolo

Membro Storico
Proprietario Casa
un interruttore per la luce scale attivabile solo con una chiave
ma sai quante teste di quiz ci sono in Italia? Metti che trovi quello che per ripicca ti spezza una chiave dentro la serratura dopo averci messo l'attaccatutto. Così spendi i soldi per fare l'innovazione e per smontarla.
Però l'idea dell' interruttore personale non è malvagia; visto che si tratta di un condominio minimo: io proporrei di metterne due collegati a due circuiti alimentati dagli appartamenti che regolano separatamente l'illuminazione delle scale così ognuno paga la luce scale con la propria bolletta di casa.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Buongiorno, ho una questione da porvi per chi mi può aiutare : nel condominio, l'impianto citofonico è stato sostituito da un cellulare. Tutte le comunicazioni dei portieri arrivano o tramite WhatsApp o per chiamata vocale. A questo punto, bisogna comunque versare indennità per conduzione di citofono o no? Grazie anticipatamente
perchè non ricevo più propit.it la mattina da almeno 10 giorni? , cosa è successo al mio collegamento? non so a chi rivolgermi , ho provato a reiscrivermi ma , poichè già lo sono , mi hanno risposto che non è possibile, chiedo al gestore del gruppo di ripristinarmi nei collegamenti che avevo prima con propit.it.
Alto