• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

ermi47

Membro Attivo
#1
Buona sera,
anzitutto voglio anticipatamente ringraziare coloro che daranno risposta al mio quesito.
Sono proprietario di un appartamento posto al secondo piano di un edificio. Al terzo e ultimo piano trovasi un appartamento posto su metà terrazzo e il cui tetto ha bisogno di riparazione. Il mio appartamento trovasi in verticale sotto il terrazzo. Chiedo se devo anch'io contribuire e in che modo alla riparazione del tetto o solo i proprietari di appartamenti posti in verticale a quello suddetto.
 

proid

Membro Attivo
#3
Partecipano quanti sono sotto la verticale.
Le unità che ne sono coperte parzialmente pagano per la corrispondente percentuale dei millesimi proporzionale alla percentuale di unità coperta o pagano per tutti i millesimi dell'unità anche se coperta in minima parte dal terrazzo.
Io ricordo che pagavano per il totale dei millesimi dell'unità anche se solo parzialmente coperte dal terrazzo.
 

Dimaraz

Membro Storico
#4
Se memoria non mi inganna rammento una sentenza che non faceva distinzione fra totale o parziale.

Poi ovviamente non ė detto che una massima sia replicabile.
 
#5
Di recente è stato fatto un intervento simile, nel riparto spese ho incluso tutti quelli sotto lo sporto del fabbricato (condominio) anche se partecipavano solo con le cantine
 

proid

Membro Attivo
#10
Vai tu a fare i mm. di pp. su porzioni di pp:) aspettavo solo che me lo chiedessero, così mi aumentava la parcella
No non intendo porzioni di unità.
Intendo che se un condomino ha appartamento e cantina e solo la cantina è coperta, quel condomino deve pagare i lavori per i soli millesimi della cantina dato che l'appartamento non ne è coperto.
Se poi in tabelle i millesimi appartamento e cantina sono fusi assieme allora di certo non si può estrapolare la quota cantina.
 

basty

Membro Storico
#11
Intanto prima di citare/interpretare il CC, sarebbe interessante conoscere le consuetudini di quel condominio.

Partecipano quanti sono sotto la verticale.
Le unità che ne sono coperte parzialmente pagano per la corrispondente percentuale dei millesimi proporzionale alla percentuale di unità coperta o pagano per tutti i millesimi dell'unità anche se coperta in minima parte dal terrazzo.
Che c'entrano le altre unità dello stesso proprietario che non vengono coperte?
Vai tu a fare i mm. di pp. su porzioni di pp:)
Come sempre ho sostenuto, ecco una bellissima raccolta di esempi che dimostrano come l'insipienza italica riesca a complicare le cose e dare lavoro agli avvocati.

Non sarebbe più semplice equiparare il terrazzo ad una porzione piana del tetto?
L'attico avrà come tetto solo la parte sovrastante il suo alloggio.
Tutti gli alloggi dei piani sottostanti dividerebbero invece tra loro le riparazioni relative al terrazzo o la restante falda sopra l'attico, indipendentemente dal lato in cui si trovano. Il tempo fa giustizia a tutti.
 

proid

Membro Attivo
#12
Intanto prima di citare/interpretare il CC, sarebbe interessante conoscere le consuetudini di quel condominio.









Come sempre ho sostenuto, ecco una bellissima raccolta di esempi che dimostrano come l'insipienza italica riesca a complicare le cose e dare lavoro agli avvocati.

Non sarebbe più semplice equiparare il terrazzo ad una porzione piana del tetto?
L'attico avrà come tetto solo la parte sovrastante il suo alloggio.
Tutti gli alloggi dei piani sottostanti dividerebbero invece tra loro le riparazioni relative al terrazzo o la restante falda sopra l'attico, indipendentemente dal lato in cui si trovano. Il tempo fa giustizia a tutti.
non mi sembra che hai aggiunto niente da quello che ho già scritto. è solo con parole e metafore diverse.
 

basty

Membro Storico
#13
@proid: Non mi sono riferito a te in particolare.

Questa regola (o estrapolazione dell'art. 1126?) di ragionare esclusivamente sulla verticale sottostante, la trovo assurda e foriera di liti.

Il codice scrive (1126) : gli altri due terzi sono a carico di tutti i condomini dell'edificio o della parte di questo a cui il lastrico solare serve.

Ora un conto è un fabbricato con due corpi fabbrica di altezza diversa, dove possono individuarsi due condominii minimi, altro un lastrico che copre parzialmente l'edificio, (magari il resto costituito dal torrino dell'ascensore ecc)

All'art. 1119 tratta anche della indivisibilità delle parti comuni. Sarebbe più semplice considerare il tetto come indivisibile, non stando a considerare quale falda o piano perde.
... mia personale umile opinione ...
 

Dimaraz

Membro Storico
#14
Non sarebbe più semplice equiparare il terrazzo ad una porzione piana del tetto?
Peccato che un terrazzo a livello ed uso esclusivo sia cosa ben diversa da un tetto "comune" (piano o a falde) per quanto riguarda la ripartizione di spesa.
Nello specifico poi la norma (sibillina) non distingue fra "falde"...ma fra tetti diversi.

Questo capita perchè si pensa di ipotizzare secondo l'inventiva piuttosto che leggersi per bene Leggi e Giurisprudenza.

Già è un impegno seguire le Leggi...figurarsi i "desiderata" del luminare di turno.
 

basty

Membro Storico
#15
Già è un impegno seguire le Leggi...figurarsi i "desiderata" del luminare di turno.
Non vedo la necessità di fare dell'ironia.

Un conto sono le leggi: un conto le interpretazioni della dottrina e giurisprudenza.
Le seconde sono pur sempre una interpretazione, sia pur autorevolissima.

Sta di fatto che se il tema diventa ricorrente ed oggetto frequente di contrasti e giudizi, io lo considererei anche un sintomo di poca chiarezza. Mai preteso che qualcuno soddisfi i desiderata di turno. Ma rimango libero di farmi una opinione.
 

basty

Membro Storico
#17
Neanch'io ho fatto statistiche, ma questo tema della divisione delle spese quando esiste un lastrico solare che copre solo una parte dei condomini sottostanti (proiezione verticale), è uno dei più citati in questo ed altri forum, e la risposta della giurisprudenza mi da l'impressione che scontenti soprattutto la parte minoritaria: è facile prendersela coi deboli e essere deboli coi forti.

Sarebbe auspicabile che la legge e la giurisprudenza considerassero di più le ragioni di una parte minoritaria: per chi non avesse inteso cosa dico cerco di esemplificare.

Se il lastrico rappresenta solo un terzo della copertura totale, è presumibile che ad essere "verticalmente coperti" potrebbero essere solo un terzo dei condomini: se la questione è portata in assemblea è chiaro che i restanti 2/3 hanno un interesse diretto a negare il proprio coinvolgimento alla spesa: il restante terzo è destinato fisiologicamente ad essere messo in minoranza.
Altri articoli di codice sono più previdenti, ed in certi casi prevedono una garanzia anche nei confronti del singolo.
Come dicevo, se il tetto+lastrico fosse considerato unitariamente tetto di tutti (salvo il terzo di competenza di chi ha l'uso esclusivo del lastrico), non si starebbe a distinguere col filo a piombo chi soggiace sotto la parte deteriorata. Altrimenti si dovrebbe andare a sindacare anche la posizione della singola tegola...
 

Dimaraz

Membro Storico
#18
Se il lastrico rappresenta solo un terzo della copertura totale, è presumibile che ad essere "verticalmente coperti" potrebbero essere solo un terzo dei condomini: se la questione è portata in assemblea è chiaro che i restanti 2/3 hanno un interesse diretto a negare il proprio coinvolgimento alla spesa: il restante terzo è destinato fisiologicamente ad essere messo in minoranza.
Tecnicamente tutto è possibile...anche che ad essere coperto sia solo 1 singolo condòmino su 30 come anche 28 ...ma continuo a non vedere il problema.

Se il lastrico "perde" e i 2/3 dei condòmini non sono neppure minimamente sotto la sua verticale per quale motivo dovrebbero partecipare alla spesa?

Se a perdere è il tetto a falde ed 1 condòmino non è sotto la verticale (perchè coperto unicamente dal terrazzo) perchè dovrebbe pagare?

Se un Condominio avesse una base comune ma oltre X piani si sviluppasse a mo di 2 "torrioni"...perchè quelli che hanno un tetto integro dovrebbero pagare per quello "problematico"?

Se i 2/3 abusano della propria maggioranza numerica la minoranza ha sempre l'arma dell'impugnazione della delibera (anche "mancata") difronte ad un Giudice.
 

Dimaraz

Membro Storico
#18
Se il lastrico rappresenta solo un terzo della copertura totale, è presumibile che ad essere "verticalmente coperti" potrebbero essere solo un terzo dei condomini: se la questione è portata in assemblea è chiaro che i restanti 2/3 hanno un interesse diretto a negare il proprio coinvolgimento alla spesa: il restante terzo è destinato fisiologicamente ad essere messo in minoranza.
Tecnicamente tutto è possibile...anche che ad essere coperto sia solo 1 singolo condòmino su 30 come anche 28 ...ma continuo a non vedere il problema.

Se il lastrico "perde" e i 2/3 dei condòmini non sono neppure minimamente sotto la sua verticale per quale motivo dovrebbero partecipare alla spesa?

Se a perdere è il tetto a falde ed 1 condòmino non è sotto la verticale (perchè coperto unicamente dal terrazzo) perchè dovrebbe pagare?

Se un Condominio avesse una base comune ma oltre X piani si sviluppasse a mo di 2 "torrioni"...perchè quelli che hanno un tetto integro dovrebbero pagare per quello "problematico"?

Se i 2/3 abusano della propria maggioranza numerica la minoranza ha sempre l'arma dell'impugnazione della delibera (anche "mancata") difronte ad un Giudice.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Salve,dal 20 settembre 2017 sono venuto ad abitare con una famiglia a cui ho prestato la mia opera di badante per un loro cugino gravemente ammalato, che è deceduto dopo un mese,la famiglia di sua spontanea volontà mi fece la proposta di rimanere a vivere con loro fin quando non avrei trovato un'altra lavoro ma non mi avrebbero pagato per dare una mano in casa,mi dovevo accontentare di vitto e alloggio
moralista ha scritto sul profilo di luciano155.
ma non c'è neanche il profilo di luciano155
tanti auguri a tutti buone feste e tante belle cose lella
anche x marinarita grazie della comprensione ...comunque c'e' legge nuova x tutelare proprietari case ….noi alla fine da 1 giugno 2013 a 7 luglio 2017 mai pagato affitto 4 anni piu' spese tribunale avvocati tasse ...ecc. se pagava onestamente l'affitto tutti i mesi non sarebbe in questa situazione le lasciano meta' stipendio….tanti anni ...non so se ne valeva la pena non pagare l'affitto ….giustizia e' fatta
x uva ---finalmente finita con sentenza tribunale milano dato che la nostra inquilina aveva fatto 2 finanziarie …???? il 29 novmbre tribunale milano ci ha messo primi creditori sul quinto dello stipendio ...tutto specificato debiti avvocato 4 anni affitto mai pagato ….la tipa si e' presentata urlando ...la giudice ci ha inserito primi creditori prenderemo tutto da subito con quinto dello stipendo .finita bene kiss
Alto