• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

cinzia81

Nuovo Iscritto
Ciao, sto comprando una casa indipendente che prima era accatastata uso ufficio e ora è abitativo. A cosa vado incontro? cosa devo controllare? fognature? impianto di riscaldamento? cenrtificazione energetica? cosa???????
 

Adriano Giacomelli

Membro dello Staff
Proprietario Casa
Buongiorno,
scusa ma se era accatastata ufficio e ora è "accatastata" abitativa, io capisco che è stata regolarizzata e quindi tutto in ordine.
Poi per quanto riguarda fognature ecc a prescindere dall'accatastamento saranno efficienti o meno, se invece ti riferisci alla regolarità degli allacciamenti, non vi sono differenze autorizzative. Posso solo sospettare che una variazione di destinazione da ufficio ad abitazione, sia stata concessa solo con l'identificazione di un posto auto asservito. Controlla.
Adriano Giacomelli
 

carlo.b

Membro Attivo
Buongiorno cinzia81,
se per l'immobile è stata presentata la Denuncia di Variazione catastale da ufficio ad abitazione, presumo che sia regolare dal punto di vista edilizio ed urbanistico, anche perchè il venditore in sede di atto di compravendita dovrà dichiarare la regolarità dell'immobile, così come dovrà produrre la certificazione energetica.
Per quanto riguarda gli impianti (idrico, elettrico e antenna TV, riscaldamento e gas) ti posso dire che se l'immobile è successivo al '90 deve avere tutte le dichiarazioni di conformità.
Relativamente allo stato d'uso degli impianti, ciò che potrai trovare non in perfette condizioni saranno le rubinetterie del bagno (bidet, doccia, vasca), che essendo da tempo inutilizzate saranno difettose (guarnizioni indurite), ma anche questo dipende da quanto tempo l'immobile è stato utilizzato come ufficio.
Questo è comunque di secondaria importanza se è nelle tue intenzioni rifare il bagno, come molte volte avviene con l'acquisto di casa usata.
Saluti.
Carlo
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Ho affittato a un inquilino con figli in età scolare un alloggio al 2° p. di un piccolo condominio. Il fornaio del p.t., si è lamentato "pesantemente" con me perchè i suddetti figli (ora in DAD) lo disturbano durante il giorno. Ho invitato civilmente il padre a moderare l'esuberanza dei ragazzi ma inutilmente. La domanda è: Qual è la mia responsabilità circa il diurno disturbo arrecato al fornaio?
Buongiorno. Mio figlio è proprietario di un locale di 35 mq. adibito a magazzino, classe C2 ubicato nel cortile di un palazzo, piano terra. Desiderando cambiare la destinazione d'uso, per realizzare ad esempio un piccolo laboratorio, deve avere il consenso del condominio, con delibera assembleare?
Alto