• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

effemme8

Membro Attivo
#1
Rigiro la questione agli esperti:

Figlia che dopo 3 anni di acquisto (appartamento pagato 115mila) ha trovato a vendere lo stesso per 100mila

Quindi tutto é stato preparato dal notaio per un valore di 100mila.

L'acquirente avrebbe trovato una banca a lui più favorevole .. Se l'immobile fosse acquistato a 125mila.

Per il notaio "nessun problema" ma .. Il venditore, quante tasse pagherebbe IN PIÚ ? (i costi del notaio sono a carico dell'acquirente)
 
#2
Solo il notaio prescelto può rispondere a questo quesito.

Ogni studio notarile è un caso a sé.

Non esiste una funzione matematica che, fornito in input il valore dell'immobile, restituisce in output le tasse che paga l'acquirente.
 
#4
Il link qua sopra parla di IMPOSTE.

Ma l'ONORARIO NOTARILE è randomico e varia da studio notarile a studio notarile.

Quello che io notaio ti faccio pagare 500 Euro, un altro notaio può fartelo pagare 750 Euro, a parità di valore dell'immobile.
 

effemme8

Membro Attivo
#5
... Ma a me interessa solo "la parte da venditore"

È RI-specifico : ci siamo accordati che la parte "VENDITORE" nulla dovrà al notaio.
 
#6
Non hai precisato alcune cose importanti.

Hai acquistato questo appartamento COI BENEFICI PRIMA CASA?

E ora lo stai vendendo dopo 3 anni dall'acquisto?

Se è così perdi i benefici e devi pagare il 10% di IVA anziché il 4% di IVA: questo nell'ipotesi che la casa era nuova e hai comprato dal costruttore: ma è così?

Cerca di mettere più dettagli possibile, se puoi, rimanendo sempre nell'anonimato (niente dati personali): più informazioni fornisci, più è facile che la risposta che ti viene data sia obiettiva e corretta.
 
#8
cito testualmente, copiando paro paro:

Cosa fare in caso di decadenza agevolazioni prima casa
È possibile evitare il pagamento di sanzioni comunicando all’Agenzia delle Entrate che non si possiedono più i requisiti per le agevolazioni prima casa entro i termini previsti per i diversi obblighi menzionati, ossia 18 mesi nel caso di trasferimento di residenza, 12 mesi nel caso di alienazione senza riacquisto o nuovo acquisto senza alienazione.

La comunicazione si effettua presentando apposita istanza all’ufficio in cui è stato registrato l’atto chiedendo di revocare gli impegni assunti. In questo modo sarà possibile pagare le imposte di trasferimento in misura ordinaria e i relativi interessi, al netto delle somme già versate, mentre non sarà dovuta la sovrattassa del 30% delle imposte.

Se i termini previsti dalla legge per il rispetto degli impegni assunti sono scaduti si verifica la decadenza delle agevolazioni prima casa. Attraverso il ravvedimento operoso è possibile pagare una sanzione ridotta, presentando istanza all’ufficio dell’Agenzia delle Entrate presso il quale è stato registrato l’atto e comunicando l’intervenuta decadenza dell’agevolazione. Il ravvedimento operoso è possibile quando la decadenza non è stata già constatata dall’Agenzia delle Entrate.
 

effemme8

Membro Attivo
#9
Posso dettagliare ad oltranza (non sono soldi o proprietà mia)

Si, ha goduto dei benefici PRIMA CASA,

. quindi é solo da ricalcare le tasse su tali benefici (link sopra riportati) ... E null'altro?
 
#10
Se ha goduto dei benefici prima casa, va pagata la differenza tra il 4% di IVA e il 10% di IVA, ammesso e non concesso che abbia acquistato da impresa costruttrice.

Ad esempio se ha pagato 115.000 Euro in fase di acquisto, e l'IVA era del 4% (cioè 115.000 * 4 / 100 = 4.600 Euro), rivendendo dovrà pagare (con le modalità nei link sopra riportati) la differenza tra 4.600 Euro e 11.500 Euro, ossia:

11.500 - 4.600 = 6.900 Euro di IVA.
 
#11
Non è chiaro se 115.000 Euro era il prezzo comprensivo dell'IVA al 4%.

Sopra ho fatto l'esempio che fosse il prezzo ESCLUSO IVA.

Se invece fosse comprensivo dell'IVA al 4% va prima scorporata l'IVA:

115.000 * 100 / 104 = 110.577 Euro (prezzo senza IVA al 4%).

IVA pagata al 4% = 115.000 - 110.577 = Euro 4.423

IVA al 10% = 110.577 * 10 / 100 = 11.058 Euro

Differenza: 11.058 - 4.423 = Euro 6.635 (IVA da versare nelle modalità sopra indicata per la perdita benefici prima casa)
 

Franci63

Membro Assiduo
#12
L'acquirente avrebbe trovato una banca a lui più favorevole .. Se l'immobile fosse acquistato a 125mila.

Per il notaio "nessun problema" ma .. Il venditore, quante tasse pagherebbe IN PIÚ ?
A parte le corrette considerazioni sulle imposte prima casa , mi pare che la domanda "nasconda" altro.
Vuoi sapere cosa comporta dichiarare che vende a 125, anche se effettivamente vende a 100, per permettere all'acquirente di avere un mutuo più alto ?
Ho capito bene ?
 

effemme8

Membro Attivo
#13
A parte le corrette considerazioni sulle imposte prima casa , mi pare che la domanda "nasconda" altro.
Vuoi sapere cosa comporta dichiarare che vende a 125, anche se effettivamente vende a 100, per permettere all'acquirente di avere un mutuo più alto ?
Ho capito bene ?
Giusto!

Io avevo capito, dalle risposte precedenti che : non dicendo pagare NOTAIO, l'unica TASSA da ricalcolare é quella BENEFICI PRIMA CASA ... Che non é proporzionale al valore di vendita (che si faccia o non si faccia SPECULAZIONE)
 

Franci63

Membro Assiduo
#14
Se dichiari di prendere 125, e invece incassi 100, hai dichiarato il falso in un atto pubblico, con l’intento di “frodare” la banca , che erogherà una somma maggiore rispetto a quella che avrebbe erogato sul valore reale della vendita.
Essendo tracciati i pagamenti, l’acquirente dovrà effettivamente versare la cifra dichiarata in atto, per poi farseli restituire.

Insomma, una serie di operazioni decisamente discutibili, anche se non si può negare che qualcuno ricorra a questo sistema per ottenere un mutuo più alto .
 

effemme8

Membro Attivo
#15
Se dichiari di prendere 125, e invece incassi 100, hai dichiarato il falso in un atto pubblico, con l’intento di “frodare” la banca , che erogherà una somma maggiore rispetto a quella che avrebbe erogato sul valore reale della vendita.
Essendo tracciati i pagamenti, l’acquirente dovrà effettivamente versare la cifra dichiarata in atto, per poi farseli restituire.

Insomma, una serie di operazioni decisamente discutibili, anche se non si può negare che qualcuno ricorra a questo sistema per ottenere un mutuo più alto .
Io, credo, che tutte le IMPLICAZIONI siano note - l'unica questione dubbia (per il quale é stato spero il TH) era la domanda : cambiano le TASSE per il venditore?
 

Franci63

Membro Assiduo
#16
cambiano le TASSE per il venditore?
sono escluse dalla tassazione IRPEF sulla plusvalenza le vendite di immobili anche se avvenute prima dei 5 anni dalla data del loro acquisto a condizione che per la maggior parte del periodo intercorso tra l’acquisto e la vendita siano stati adibiti ad abitazione principale del venditore oppure dei suoi familiari (cioè il venditore o i suoi familiari vi abbiano avuto la loro residenza).
 
Ultima modifica:

effemme8

Membro Attivo
#17
sono escluse dalla tassazione IRPEF sulla plusvalenza le vendite di immobili anche se avvenute prima dei 5 anni dalla data del loro acquisto a condizione che per la maggior parte del periodo intercorso tra l’acquisto e la vendita sono stati adibiti ad abitazione principale del venditore oppure dei suoi familiari (cioè il venditore o i suoi familiari vi abbiano avuto la loro residenza).
Thx
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Salve,dal 20 settembre 2017 sono venuto ad abitare con una famiglia a cui ho prestato la mia opera di badante per un loro cugino gravemente ammalato, che è deceduto dopo un mese,la famiglia di sua spontanea volontà mi fece la proposta di rimanere a vivere con loro fin quando non avrei trovato un'altra lavoro ma non mi avrebbero pagato per dare una mano in casa,mi dovevo accontentare di vitto e alloggio
moralista ha scritto sul profilo di luciano155.
ma non c'è neanche il profilo di luciano155
tanti auguri a tutti buone feste e tante belle cose lella
anche x marinarita grazie della comprensione ...comunque c'e' legge nuova x tutelare proprietari case ….noi alla fine da 1 giugno 2013 a 7 luglio 2017 mai pagato affitto 4 anni piu' spese tribunale avvocati tasse ...ecc. se pagava onestamente l'affitto tutti i mesi non sarebbe in questa situazione le lasciano meta' stipendio….tanti anni ...non so se ne valeva la pena non pagare l'affitto ….giustizia e' fatta
x uva ---finalmente finita con sentenza tribunale milano dato che la nostra inquilina aveva fatto 2 finanziarie …???? il 29 novmbre tribunale milano ci ha messo primi creditori sul quinto dello stipendio ...tutto specificato debiti avvocato 4 anni affitto mai pagato ….la tipa si e' presentata urlando ...la giudice ci ha inserito primi creditori prenderemo tutto da subito con quinto dello stipendo .finita bene kiss
Alto