1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. antoniorubino

    antoniorubino Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Una palazzina con 3 appartamenti. Uno a p.t. uno a 1°piano uno a 2° piano. Scala e Androne in comune.
    Quello del 2° piano è più piccolo degli altri due perchè i 2/3 è costituito da terrazza a livello ed è catastato C2 mentre gli altri A3.
    Non volendo quest'ultimo pagare nulla richiede la tabella millesimale.
    Se la vuole perchè non se la paga Lui? Ma per legge siamo obbligati? Come si può risolvere il caso tra persone civili e con il supporto della legge?
    Attendo supporto
     
    A vadbai piace questo elemento.
  2. Manuela Fragale

    Manuela Fragale Nuovo Iscritto

    Le tabelle millesimali sono normalmente annesse al regolamento di condominio, che è obbligatorio, a norma del Codice civile, solo per i condomini con più di dieci partecipanti. Si può, quindi, ragionevolmente ritenere facoltativa l'adozione delle tabelle nel caso prospettato. Tuttavia, considerati i dissapori già esistenti, si consiglia di provvedere alla redazione delle tabelle millesimali, così da avere un riferimento inoppugnabile per quanto concerne il valore delle unità immobiliari e per la ripartizione delle spese.
     
    A totu paladini e vadbai piace questo messaggio.
  3. Marco Giovannelli

    Marco Giovannelli Membro dello Staff

    Professionista
    quoto la cara Manuela! :fiore: :daccordo:
     
  4. Ennio Alessandro Rossi

    Ennio Alessandro Rossi Membro dello Staff

    Professionista
    PREMESSA:
    Il condominio è un tipo particolare di comunione che si verifica quando in un edificio due o più persone sono ciascuna proprietarie di una unità immobiliare in via esclusiva e insieme sono proprietarie delle parti comuni. Tale comunione è forzosa, il che vuol dire che un condomino non può rinunciare al diritto su tali parti comuni per sottrarsi al pagamento delle spese
    Si può pertanto sostenere che il "condominio" nel suo caso esite anche se non è obbligatoria la costituzione formale, cosa che invece necessita se i condomini sono piu' di quattro.
    L'articolo 1101 , 2 comma cita: "Il concorso dei partecipanti ,tanto nei vantaggi quanto nei pesi della comunione è in proporzione delle rispettive quote" che si presumono uguali ai sensi dellarticolo 1101 , primo comma. Questo è il motivo per cui il proprietario dell'appartamenti piu' piccolo chiede la redazione della tabella millesimale; diversamente dovrebbe pagare 1/3
    L'art. 1104 impone a ciascun partecipante alla comunione di far fronte alle spese di conservazione e godimento.
    L'articolo 1105 ultimo comma stabilisce la possibilità di ricorrere alla autorità giudiziaria se non si provvede ad una amministrazione fattiva, se non si forma una maggioranza, o se le deliberazioni non vengono eseguite.
    CIO' PREMESSO ,( a mio parere) CONCLUSIONI:
    O si procede ad un accordo scritto con la determinazione delle quote proporzionali e preferibilmente anche alla redazione di un regolamento della comunione ex art.1106, o diversamente vi ritroverete in causa per impossibilità oggettiva di funzionamento della comunione.
     
    A vadbai piace questo elemento.

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina