1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. ismet

    ismet Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Un saluto a tutti, :stretta_di_mano:
    diversi mesi addietro ho locato un immobile optando per la cedolare secca (aliquota 21%).
    Adesso, invece, vorrei transitare nel canone concordato (aliquota 15%), anche perche il mio comune è tra quelli previsti dalla norma.
    Lascerei immutato il canone di locazione mensile.:basito:
    Per tale motivo, gradirei sapere se: :domanda:
    - cambiando il tipo di contratto, il conduttore potrebbe opporsi;
    - dovrò effettuare la contestuale risoluzione del precedente contratto (21%) e stipularne uno nuovo (15%);
    - le procedure di risoluzione e della nuova stipula potrò eseguirle direttamente sul sito dell'Agenzia delle Entrate mediante la nuova applicazione RLI-Web (sono già registrato).

    Saluti:risata:
     
  2. alberto bianchi

    alberto bianchi Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Non ti pare che ci sia "un abuso" di Legge ?-
    La prima cosa che devi fare è quello di verificare se l'attuale canone è "compatibile" con i parametri " fissati dagli accordi e dalle relative tabelle provinciali.
    Se vuoi risolvere/modificare il contratto, visto che, a parità di canone, ci guadagneresti solo tu (6% del canone annuo), secondo me, dovresti riconoscere qualcosina anche alla controparte. Fifty Fifty, che dici ?
    Otherwise, l'inquilino ti risponderà: " Caro Griso, questo divorzio, con conseguente secondo matrimonio, non s'ha da fare".
     
  3. Ennio Alessandro Rossi

    Ennio Alessandro Rossi Membro dello Staff

    Professionista
    h riformulato la domanda : le cose dovrebbero essere cosi' :

    Per tale motivo,
    D- cambiando il tipo di contratto, il conduttore potrebbe opporsi?
    R-teoricamente si ; praticamente avrebbe anche Lui discreti vantaggi per cui dovrebbe aderire senza problemi
    D dovrò effettuare la contestuale risoluzione del precedente contratto 4+4 (21%) e stipularne uno nuovo 3+2 (15%);?
    R.Dieri di si' : Con il consenso del conduttore sarebbe la cosa migliore
    D- le procedure di risoluzione e della nuova stipula potrò eseguirle direttamente sul sito dell'Agenzia delle Entrate mediante la nuova applicazione RLI-Web (sono già registrato).
    R.Ad altri la risposta ; ( non ho esperienza diretta
     
    A alberto bianchi piace questo elemento.
  4. alberto bianchi

    alberto bianchi Membro Senior

    Proprietario di Casa
    @Ennio Alessandro Rossi
    d'accordo sulla riformulazione della domanda e sulle precise risposte, ma la questione principale è: il canone attuale rientra nel range previsto dagli accordi in materia di affitto concordato ?
     
  5. ismet

    ismet Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Ho verificato presso un sindacato che i parametri sono abbondamente rispettati ( anzi il canone massimo consentito supera, anche se di poco, quello attuale) ed inoltre mi è stato riferito che ci sono maggiori detrazioni anche per il locatore se rientra nelle fascie reddituali previste.
    E poi, rispondendo ad Alberto Bianchi, credo che se debba concedere ulteriori sconti sul canone, visto che la differenza tra l'aliquota del 21% e quella del 15% mi consentirebbe di guadagnare circa 30 euro mensili, tanto vale rimanere nella situazione attuale e non crearsi inutili problemi con l'inquilino.
    saluti
     
  6. alberto bianchi

    alberto bianchi Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Allora sei a cavallo, significa che stai applicando un canone inferiore a quello di mercato. Insisti allora sui vantaggi anche per l'inquilino, non avrà nulla in contrario a firmare il nuovo contratto perchè si sentirà anche più protetto.
    :stretta_di_mano:
     
  7. jac0

    jac0 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    1. Si oppone se va a pagare un canone maggiore o se vuol stare 8 (4+4) anni anziché 5 (3+2).
    2. Sì, certo, è un altro contratto.
     
  8. Ennio Alessandro Rossi

    Ennio Alessandro Rossi Membro dello Staff

    Professionista
    Nella riformulazione della domanda era insita la tua obiezione . ciao
     
    A alberto bianchi piace questo elemento.
  9. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    Sei a cavallo, attento che può scalciare?
     
  10. jac0

    jac0 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Risposta affermativa: può scalciare.
     
  11. ismet

    ismet Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    ??? cosa significa??
     
  12. Ennio Alessandro Rossi

    Ennio Alessandro Rossi Membro dello Staff

    Professionista
    in reazione al mio post n.3 , occhio a cosa decide oggi 12.3.14 il CdM
    sul fronte locazioni : cedolare secca al 10% (dal 15%) per chi affitta a canone concordato, mentre per l’inquilino si attende una detrazione media IRPEF di 530 euro, che potrà arrivare a 900 euro per i redditi fino a 15.493 euro.
     
  13. jac0

    jac0 Membro Senior

    Proprietario di Casa
  14. wmar

    wmar Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Attenzione, a poter beneficiare delle detrazioni previste dal decreto legge recante "misure urgenti per l'emergenza abitativa" saranno (art. 7 nelle bozze dello schema di decreto) unicamente i conduttori di alloggi sociali (qualora li abbiano adibiti ad abitazione principale), e non i conduttori di unità abitative locate in regime di canone concordato.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina