• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

eli47

Membro Attivo
#1
Buongiorno a tutti,
abito a Milano in una palazzina così composta: seminterrato, p. Rialzato, p. Primo, p.secondo, p. Terzo, p. Solai. So che prima del 1989 nelle costruzioni fino a 3 piani fuori terra non era obbligatorio l'ascensore, ma nel mio caso i piani fuori terra sono 4 (indicato anche nel regolamento condominiale). Io naturalmente abito al terzo piano.
Mi interesserebbe moltissimo sapere se la normativa di quegli anni lo consentiva e se è possibile pretenderlo ora.
Ringrazio chi mi può illuminare in merito.
 

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
#2
Se il solaio (ultimo piano) non è abitabile...allora i "fuori terra" sono solo 3.

Anche non fosse stato " a norma" ma avesse ottenuto agibilità ...quale "crociata" vorresti intraprendere?
 

eli47

Membro Attivo
#3
Dici solo 3? Anche se sul regolamento condominiale è indicato "casa di civile abitazione a quattro piani f.t. Oltre a un piano seminterrato e a un piano sottotetto" ?
Comunque io vorrei sapere se posso installare, anche solo a mie spese, un ascensore senza avere ostacoli da parte degli altri condomini.
 

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
#4
Oltre a un piano seminterrato e a un piano sottotetto" ?
Prima hai scritto che dopo il p.terzo vi sia un p. solai (che salvo fraintendimenti lessicali sono i sottotetti).
Quindi seppur il sottotetto sia un "4°" piano...esso non è "abitabile"...da qui presumo che l'edificio abbia ottenuto l'agibilità a prescindere dall'esistenza o meno di un ascensore.

Quanto al tuo "desiderio" posso dire che è nel tuo diritto la possibiltà di installare un ascensore a tue spese...ma...a certe condizioni:
1-posto che è un intervento per il quale devi ottenere tutta una serie di permessi...sarà inevitabile che il Comune ti chieda una delibera/nullaosta da parte dei tuoi comproprietari.
2-un "professionista" dovrà confermare che non si creeranno problemi di staticita o danni all'immobile
3-devi esistere la possibilità fisica (spazi) alla costruzione senza che si crei ostacolo all'uso delle parti comuni.
4-dovrà essere costruito in modo da permettere anche agli altri condòmini l'uso (dietro ovvia partecipazione alla spesa...anche in tempi successvi).

Personalmente ritengo che affrontare da solo una simile spesa (devi contare anche la manutenione e tutti gli oneri accessori), specie per un impianto che arrivi all'ultimo piano abitabile, sia talmente oneroso che forse fai prima a cambiare residenza.
 

Luigi Barbero

Membro Senior
Proprietario Casa
#5
I piani fuori terra sono 4. Più uno interrato ed i solai. L' ascensore era un "optional" e nessuno è precluso dal prendere iniziative per l' installazione ex novo. Fatte Salve le questioni economiche (ripartizioni spese e relativi aderenti all' impianto) oltre che alle questioni tecniche vere e proprie.
 

Luigi Barbero

Membro Senior
Proprietario Casa
#8
Infatti, l' ascensore non mi sembra che fosse un obbligo ma solo un optional che aggiungeva valore alle case. Mi ricordo, a Torino, molte case signorili di 6 o 7 piani senza ascensore ed io che, magari dovevo andare ad attaccare la luce (o staccare) mi facevo una bella arrampicata con scala in spalla e borsa degli attrezzi. ..che tempi!
 

eli47

Membro Attivo
#9
Grazie, quindi tutto considerato l'ideale sarebbe riuscire a coinvolgere altri condomini per ripartire le spese, dato che cambiare casa per avere l'ascensore comporterebbe ugualmente una notevole fuoriuscita economica, o un locale in meno, senza contare i disagi del trasloco e dei mobili che non vanno mai bene. Poi per una "edera" come me, anche lo stress di nuovi vicini e magari nuovo quartiere.
Speriamo in bene mi faccio tanti auguri.
 

Daniele 78

Membro Storico
Professionista
#11
La normativa che impone gli ascensori è quella sul l'abbattimento delle barriere architettoniche del 89. Prima (essendo degli anni 60) non vi erano obblighi!
Solo in caso di ristrutturazione del fabbricato sarebbe obbligatorio ma non pare proprio questo il caso!
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Cosa devo fare x farmi pagare i danni, x il momento ho mandato una raccomandata x avvisare di sistemare i danni prima di uscire, poi se non sistema cosa faccio i danni sono pari a 1000€ tra pulizie (preventivo impresa pulizie di 250€ x un monolocale) x farvi capire le condizioni. Imbiancata come da contratto., frigorifero rovinato ecc..
Ho un problema con l inquilino, mi ha dato la disdetta, nella quale abbiamo concordato che la caparra andava a coprire le spese arratrate con un avanzo da me trattenuto x coprire le ultime bollette dopo la sua uscita. Non avendo effettuato volture. Fino a qui tutto bene e concordato. Oggi ad 1 mese dalla sua uscita, ho effettuato un sopraluogo concordato e mi sono accorto che ho dei danni, ma non ho più la caparra
Alto