1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. valepiry

    valepiry Membro Attivo

    Buongiorno, desidererei sapere com funziona un contratto di locazione per abitazione. Esiste solo il contratto classico 4+4 o posso anche fare un contratto di 2 anni eventualmente rinnovabile se le 2 parti sono d'accordo?
    qualcuno mi sa dare lumi? :occhi_al_cielo:

    Grazie valentina
     
  2. acquirente

    acquirente Nuovo Iscritto

    i contratti di lacazione sono 4+4 o 3+2 e nessun altro.
    poi ci sono i contratti di affitto temporanei che vengono rilasciati per chi si sposta per affari o lavoro o a studenti.
    tu vuoi sapere se puoi fare un contratto classico di 2 anni e la risposta e' no.
    pero' fatta la legge fatto .............................
    ecco come fare e lo fanno in tanti.
    quando stipuli un contratto di locazione se prevedi di non poterci stare i primi 4 anni (4+4) o i primi 3 anni (3+2) metti nel contratto la clausola che ti consente di dare la disdetta anticipata quando vuoi, naturalmente rispettando i 6 mesi di preavviso.
    il proprietario di solito accetta, magari aggiunge che la revoca parte almeno dopo i 18 mesi o 2 anni e voila' il gioco e' fatto.
    in poche parole l'importante e' che siate d'accordo tutti e due.
     
    A valepiry piace questo elemento.
  3. maidealista

    maidealista Fondatore Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
  4. valepiry

    valepiry Membro Attivo

    grazie mille per la risposta....il problema è esattamenta al contrario...cioè...io vorrei fare contratto a lunga scadenza...ma lui non se la sente di vincolarsi per 4+4 anni e quindi vorrebbe fare un contratto più breve .
    Il contratto di 3+ 2 che accennaviha canone libero? o bisogna sottostare a canoni ridotti?
     
  5. maidealista

    maidealista Fondatore Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Se nel contratto viene prevista la possibilità, per il locatario, di disdire il contratto con 6 mesi di preavviso la locazione durerà quanto vuole il conduttore....:daccordo:
     
    A valepiry e piace questo messaggio.
  6. acquirente

    acquirente Nuovo Iscritto

    ah meglio, ti ho dato la risposta al contrario. il contratto 3+2 e' un contratto di tipo agevolato.
    durata del contratto: 3 anni + 2;
    - entità del canone: fissata dall’accordo territoriale tra Sindacati degli inquilini e Associazioni dei proprietari (dipende da comune a comune).
    comunque maidealista e' un esperto e mi ha aiutato a capire, qualche mese fa, quali sono i contratti di locazione.
     
    A valepiry piace questo elemento.
  7. valepiry

    valepiry Membro Attivo

    grazie mille...io sapevo che il proprietario poteva disdire l'affitto solo alla fine dei 4 anni solo per gravi motivi non quando voleva con 6 mesi di preavviso...sbaglio quindi?
    Grazie mille...mi state dando una gran mano :p
     
  8. maidealista

    maidealista Fondatore Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Hai ragione, il locatore può non rinnovare al termine del quadriennio con 6 mesi di preavviso.
    Il locatario sempre, per "gravi motivi" con 6 mesi di preavviso e, se previsto nel contratto, sempre, con 6 mesi di preavviso (o periodo inferiore se contrattualmente previsto). :daccordo:
     
    A valepiry e piace questo messaggio.
  9. acquirente

    acquirente Nuovo Iscritto

    ti ha risposto bene maidealista.
    per gravi motivi e' l'affittuario che puo' richiedere di recedere dal contratto non il proprietario. non fare confusione.
    bisogna naturalmente capire bene quali sono questi gravi motivi.
    il proprietario puo' recedere dal contratto dopo i primi 4 anni perche' la casa serve a lui o a suo figlio che deve sposarsi.
     
    A valepiry piace questo elemento.
  10. valepiry

    valepiry Membro Attivo

    ok...quindi praticamente o il proprietario dell'immobile si rassegna e mi affitta la casa 4+4 oppure non si può fare nulla per gestire le sue esigenze di fare contratto a canone libero per la durata che vuole lui ( 2 anni ).
     
  11. maidealista

    maidealista Fondatore Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Per raggiungere l' obiettivo posto basterà che il locatario/conduttore/inquilino fornisca al locatore/proprietario, alla sottoscrizione del contratto, la comunicazione di disdetta dello stesso alla data dei due anni successivi. :daccordo:
     
  12. valepiry

    valepiry Membro Attivo

    ottima idea...grazie mille per tutto l'aiuto...siete stati davvero gentilissimi
    buona serata :daccordo:;)
     
  13. acquirente

    acquirente Nuovo Iscritto

    quindi se tutti e due sono d'accordo e nel contratto di locazione firmano che l'affittuario se ne puo' andare quando vuole, il problema e' risolto. PIU 'FACILE A FARSI CHE A DIRSI
    Grazie
     
  14. maidealista

    maidealista Fondatore Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Non "quando vuole" ma "con 6 mesi di preavviso" che, se non rispettati (il conduttore non esce), potrebbero determinare pure una richiesta danni. :daccordo:
     
    A e acquirente piace questo messaggio.
  15. acquirente

    acquirente Nuovo Iscritto

    certo, e' implicito ma fai bene a chiarirlo.
    grazie
     
  16. ada1

    ada1 Nuovo Iscritto

    Ma in caso di litigio, il fatto di farsi dare detta comunicazione, non potrebbe essere considerato come "vessatorio" verso il conduttore con la conseguenza che essa potrebbe essere annullata dal giudice e il contratto ricondotto alla durata di un 4+4 ?
     
  17. acquirente

    acquirente Nuovo Iscritto


    il contratto porterebbe la firma di entrambi con la clausola che il conduttore o affittuario puo' dare la disdetta quando vuole rispettando i 6 mesi di preavviso.
    certamente il contratto sarebbe un 4+4 classico ma con questa clausola, l'affittuario dopo 2, o 3 anni se se ne vuole andare se ne va senza essere costretto a presentare i gravi motivi.
    tu dici che potrebbe essere vessatorio nel caso di cambio idea del conduttore e della sua volonta' di rimanere per tutta la durata del contratto.
    puo' essere, e' una comunicazione anticipata ritirata dal proprietario e quindi si presta anche ad essere vessatoria.
    comunque puo' essere una buona soluzione invece per gli affittuari che cercano casa per 2 o 3 anni e poi comprano casa di proprieta' o si trasferiscono all'improvviso per motivi di lavoro.
    da quel che so io, il codice tutela di piu' gli inquilini.
     
  18. danidf

    danidf Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    3+2 con recesso anticipato

    Gent.mo Acquirente,
    leggo con interesse la tua risposta a Vale, e ti chiedo:
    questo escamotage è legalmente utilizzabile anche in una zona in cui i contratti temporanei sono soggetti a canone concordato?
    Nel caso di specie il proprietario sono io, e la controparte è d'accordo sul canone libero che richiedo. Però lui dovrà andar via dopo circa 12 mesi e non vuole vincolarsi per un periodo maggiore.
    A me i suoi tempi stanno bene...
    Attendo un tuo commento prezioso, e invito altri membri del forum a suggerire idee.
    Grazie
    Dani
    ,
     
  19. acquirente

    acquirente Nuovo Iscritto

    quello che fa fede nel contratto di locazione e' che cio' che vi e' scritto sia accettato da entrambi.
    se tutti e due firmate che l'affittuario con preavviso di 3 o 6 mesi -( e la durata del preavviso la decidete voi) puo'
    lasciare l'appartamento anche senza rispettare la durata classica, e' tutto regolare.

    Affitti temporanei
    Nel caso di studenti fuori sede, o di chi cerca casa per uso temporaneo, si può affittare l’appartamento solo alle condizioni concordate tra le organizzazioni di categoria. La legge distingue tra due tipologie: quella per soddisfare esigenze temporanee di varia natura e quella per motivi di studio.
    Questi contratti, secondo il decreto del ministero dei Lavori Pubblici che ne determina le caratteristiche, non possono avere una durata inferiore al mese e superiore a diciotto.
     
    A ada1 e danidf piace questo messaggio.
  20. marcella

    marcella Membro Attivo

    Come al solito, grande Marco! Anche se non è regolare, quoto per la disdetta al momento della sottoscrizione.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina