• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

nicoSP65

Membro Junior
Proprietario Casa
Buongiorno,
in funzione dell'attuale legislazione in merito all'affitto di immobili quali sono i documenti obbligatori da esibire in fase di stipula di contratto di locazione? E' sufficiente allegare l'APE o, come asserisce qualcuno, anche altri certificati come quello di impianto elettrico a norma? Personalmente ho sempre allegato solo l'APE, non mi risulta vi siano altri obblighi per il locatario. Qualcuno è aggiornato meglio?
 

Excalibur

Membro Attivo
Proprietario Casa
Ci vuole anche una visura catastale e una pianta dell'immobile se ne affitti una parte. E' possibile che l'inquilino ti chieda lo stato degli impianti: per il riscaldamento autonomo ci vuole il libretto della caldaia. Se è condominiale, chiedi al tuo amministratore.
 

nicoSP65

Membro Junior
Proprietario Casa
Il problema sorge quando l'inquilino prima entra in appartamento e poi chiede tutta una serie di certificazioni utili più a giustificare la sua morosità che altro.
 

Excalibur

Membro Attivo
Proprietario Casa
Il problema sorge quando l'inquilino prima entra in appartamento e poi chiede tutta una serie di certificazioni utili più a giustificare la sua morosità che altro.
Puoi valutare se farti assistere da una delle associazioni di piccoli proprietari per la stipula del contratto.
 

uva

Membro Senior
Proprietario Casa
l'inquilino prima entra in appartamento e poi chiede tutta una serie di certificazioni utili più a giustificare la sua morosità che altro.
L'unico certificato che il proprietario deve obbligatoriamente consegnare all'inquilino è l'APE. Nel contratto di locazione si scrive un'apposita clausola per la quale il conduttore dichiara di averlo ricevuto.

Il locatore deve consegnare al conduttore l'unità immobiliare in buono stato di manutenzione e mantenerla tale durante la locazione (art. 1575 Cod.Civ.). Quindi i vari impianti devono essere funzionanti e non pericolosi.

Però il conduttore non può sospendere il pagamento del canone di propria iniziativa se riscontra dei vizi nell'immobile locato, ma deve rivolgersi al Giudice (art. 1578 Cod.Civ.).

Per cui mi pare evidente che l'inquilino non può "giustificare" la sua morosità dicendo che non paga perché il locatore non gli ha consegnato le certificazioni degli impianti.
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
Alla domanda ha risposto correttamente @uva. Per registrare il contratto è obbligatorio fornire solo la Ape.

Poi l'inquilino avrà bisogno di alcuni dati e spesso delle certificazioni impianti.
1) per la denuncia Tari avrà bisogno di conoscere gli estremi catastali, e la superficie coperta
2) per stipulare un nuovo contratto con gestori gas e luce dovrà fornire la certificazione impianto, salvo subentro ad un contratto in essere
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
...bravo basty...ed e' per questo che e' meglio rivolgersi ad un ente piu' competente
Ovvio che in genere sia meglio. Qui però forse il punto era capire se le richieste dell'inquilino sono pretesti o esigenze reali.
Richiedere le conformità impianti dopo anni che uno ci abita è piuttosto pretestuoso. Richiederle in corso di trasloco e simili può essere giustificato.
Secondo me il locatore non è formalmente tenuto a presentare là conformità degli impianti (potrebbe non disporne perché antecedenti il 1990); ma deve garantire la loro adeguatezza e sicurezza. Solo un abilitato può rilasciare talebassicurazione, quindi o hai la Di. Co. o devi far fare una Di. Rispondenza.
Il cerchio si richiude.
 
  • Mi Piace
Reazioni: uva

hanton21

Membro Assiduo
purtroppo non e' proprio così e ti parlo per esperienza : i contratti di locazione hanno una durata definita = quando sono andato per "rinnovare" ho DOVUTO fornire tutta una serie di documentazione (compresa la dichiarazione di abitabillita') che all'epoca della prima firma non era richiesta…..tralascio altro perché troppo farragginoso a spiegarsi
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
Non tralasciare... sono curioso. Chi ti ha chiesto la dichiarazione di abitabilità (che non esiste più)? Quale inquilino?
 

uva

Membro Senior
Proprietario Casa
quando sono andato per "rinnovare" ho DOVUTO fornire tutta una serie di documentazione (compresa la dichiarazione di abitabillita') che all'epoca della prima firma non era richiesta
Anche a me interessa questo particolare.

Non ho capito a chi hai dovuto fornire la documentazione: all'inquilino oppure all'Agenzia delle Entrate presso la quale hai comunicato la proroga del contratto di locazione?
La seconda ipotesi (l'Ag. Entrate che si interessa della conformità degli impianti e di altre questioni tecniche) mi sembra una cosa assurda, che né a me né ad altri locatori di mia conoscenza è mai capitata!
 

hanton21

Membro Assiduo
giusto...era "agibilita' " ...e non l'ha chiesta l'inquilino ! al mom in cui ho richistao alla mi associazione asppi di rinnovare il contratto …..ahi ahi ahi ...sono stai LORO a chiedere se avevo TUTTA la doc richiesta…" in base alle nuove normative"...e cioe' l'associazione si e' fatta carico di….etc etc....capitto mi hai ?
 

uva

Membro Senior
Proprietario Casa
Poi l'inquilino avrà bisogno di alcuni dati e spesso delle certificazioni impianti.
Concordo sul punto 1): sono dati che l'inquilino deve conoscere per fare la denuncia Tari.

Però mi stupisce il punto 2). Non mi è mai successo che un inquilino per fare la voltura o il subentro nei contratti gas ed energia elettrica abbia dovuto presentare ai gestori le certificazioni degli impianti.
Forse si devono presentare quando si chiede la posa di nuovi contatori. Ma se i contatori ci sono già, mi risulta che non vengano richieste (da Iren, Enel, Eni. Da altri non saprei).
 

hanton21

Membro Assiduo
boh ...alcune disposizioni sono legate alle REGIONI… e le societa' agiscono in conseguenza...IO , a scanso di equivoci che,caso strano, accadono sempre DOPO ad AL LIMITE dei 5 anni di un qualsiasi avvenimento (legge, disposizione etc)...mi sono fatto redigere anche quello che non e' richiesto...tanto sappiamo come va a finire...appena cambia il governo ed abbisogna di soldi….voila'... e io pago ...e io pago...
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Salve, mio marito ed io siamo in separazione dei beni e risediamo nella casa di proprietà di mio marito. Abbiamo deciso di trasferirci in un'altra abitazione(situata nello stesso comune) per la quale io sola ho richiesto il mutuo, facendo mio marito da garante, e che verrà intestata a me. Quesito: ai fini fiscali, spostando la residenza di entrambi nella nuova casa in acquisto, la casa di mio marito come risulterà?
Ciao amici, pongo questo quesito:.
Siccome n° 5 condomini su un totale di 8, sono favorevoli che rappresentano 625 millesimi della scala, alla sostituzione del portoncino d'ingresso scala, quindi basta questa maggioranza o il consenso deve essere unanime? Spero di avere risposte a questo quesito al più presto.
Ciao Sammarco M.
Alto