• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

fiorsue

Membro Junior
Proprietario Casa
Cami amici,
Ho in corso una brutta disavventura da ormai più di un anno a causa di infiltrazioni nel mio appartamento sotto ad un tetto fatiscente e neppure il ricorso ad un avvocato puo' aiutarmi, dato che i suoi consigli mirano a farmi accettare compromessi e a rinunciare perlopiù ad ogni rivalsa.

Ecco quanto mi è accaduto nel mio condominio:
metto in mora l'amministratore e cocondomino tramite avvocato e faccio fare mia perizia su tetto a mie spese, per provare il mio danno,
l'amministratore, che è anche condomino di maggioranza, resta inerte per alcuni mesi adducendo mancanza di fondi personali,
all’improvviso l'amministratore convoca l'assemblea condominiale e si decide rifacimento tetto,
poco dopo si rompe tubo di sfiato del riscaldamento centralizzato, che aggrava mia situazione infiltrazioni,
a questo punto l'amministratore sostiene che anche prima tutto era dovuto a quel tubo che già perdeva e non al tetto. Non fornisce perizie, ma lui è architetto.
Ora il tetto è stato fatto, io devo avere il ripristino dell'appartamento e il condominio si assume l'onere dei lavori in base al danno del tubo d'impianto riscaldamento, questo in quanto il mio avvocato sconsiglia di fare inchiesta per dimostrare danni anche dal tetto fatiscente.

Qualcuno puo’ dirmi come fare per ottenere un rimborso di perizia e avvocato, nonché di costi per un alloggio sostitutivo durante i lavori ?

Grazie infinite a chi vorrà rispondermi.........
 

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
Cambia avvocato.

Ps.
Beninteso non si può esprimere giudizi o diagnosi sulle cause effettive basandosi solo su quanto tu spieghi.
Magari il tuo "legale" ha una visione d'insieme più obbiettiva e ti sta correttamente consigliando riguardo la convenienza economica dall'intraprendere causa.

Possiedi comunque una perizia che se fatta da un "rinomato" professionista a conferma dei danni imputabili al tetto tu hai diritto al pieno ristoro - (meno) la tua quota millesimale di competenza.
Le spese del tuo legale possono essere richieste alla controparte (Condominio)..ma alla fine deciderà il Giudice.
 

Franci63

Membro Senior
Proprietario Casa
Ora il tetto è stato fatto, io devo avere il ripristino dell'appartamento e il condominio si assume l'onere dei lavori in base al danno del tubo d'impianto riscaldamento, questo in quanto il mio avvocato sconsiglia di fare inchiesta per dimostrare danni anche dal tetto fatiscente.
A pelle direi anch'io di cambiare avvocato, ma forse la situazione nei dettagli è diversa da come la descrivi , visto che scrivendo da Bruxelles immagino non sarai spesso lì.
Ma il suggerimento di evitare una causa potrebbe essere non scorretto; ovviamente dipende dalle cifre in ballo e dalle prove che hai.
Difficile dire di più non conoscendo lo stato dei luoghi.
In fondo inizialmente lamentavi danni dal tetto, ed hai ottenuto che venisse rifatto; già è un passo avanti.

a questo punto l'amministratore sostiene che anche prima tutto era dovuto a quel tubo che già perdeva e non al tetto.
il condominio si assume l'onere dei lavori in base al danno del tubo d'impianto riscaldamento
Se i danni sono dovuti al tubo di sfiato qual'è il problema se sono disponibili a risarcirli ?

Spese per avvocato e perito non credo le riavrai a meno di fare causa, ma non sempre è la scelta migliore.
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Spese per avvocato e perito non credo le riavrai a meno di fare causa, ma non sempre è la scelta migliore.
Generalmente, se sono riconosciute, vengono liquidate a semplice richiesta di un legale, ben sapendo che, se si resiste si andrà in giudizio, ci saranno ulteriori oneri.
 

fiorsue

Membro Junior
Proprietario Casa
La risposta di Gianco mi intriga e porro' la questione all'avvocato, vale la pena di tentare, grazie a tutti
 

moralista

Membro Senior
Professionista
Ma non potete far intervenire l'assicurazione del condominio?, con la ricerca guasti risolvete il problema della responsabilità
 

fiorsue

Membro Junior
Proprietario Casa
Purtroppo l'assicurazione al momento del guasto non l'avevamo, è stata fatto subito dopo. E' uno di quei piccoli condomini in cui si vuole fare autogestione evitando ogni spesa. Inoltre un condomino possiede i 2/3 della palazzina e si impone come facente funzioni dell'amministratore da decenni. Niente assemblee. Noi restanti 3 condomini non abbiamo nulla da dire. Non siamo nel profondo sud, tutto cio' succede in provincia di Varese ed i protagonisti della storia sono Lombardi doc!!!!
 

StLegaleDeValeriRoma

Membro Assiduo
Professionista
a parte i soliti giudizi sul cambiare l'avvocato di cui non si conosce se non per riferito la strategia processuale direi che in questa sede sarebbe opportuno astenersi dal pronunciare ... giudizi sull'operato di un professionista senza conoscere gli atti...
 

fiorsue

Membro Junior
Proprietario Casa
Per il momento devo recarmi sul posto per avere un sopralluogo con l'amministratore, il quale valuterà il costo dei lavori di ripristino e proporrà una ditta di sua conoscenza, che presumibilmente sarà disposta ad effettuare questi lavori ad un prezzo inferiore rispetto al computometrico del mio perito/architetto e della sua/mia ditta.
Pensavo di accettare il prezzo fissato dall'amministratore, se non troppo esiguo, e di far fare i lavori dalla mia ditta finanziando la differenza di tasca mia.
Questi lavori sono abbastanza invasivi per un appartamento già abitato, in quanto si tratta di ripristinare lo stato della metà dell'appartamento, con arredi coperti e me che quasi certamente saro' costretta ad andare in hotel. Che ne pensate?
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Ritengo che se si trova un accordo, mantenendo i soliti rapporti civili, sia meglio che pretendere la ragione, sacrificando la serenità del condominio, anche se a costi, contenuti.
 

fiorsue

Membro Junior
Proprietario Casa
Grazie Gianco, ma in queste condizioni il mantenimento della serenità condominiale mi costerà una cifretta dai 3.000€ ai 5.000€ e saro' l'unica a dover affrontare questa spesa, purtroppo.....Temo che al momento in Italia non ci sia più alcuna certezza del diritto....
 

moralista

Membro Senior
Professionista
L'autogestione di un condominio, si pensa di risparmiare qualche decine di Euro, ma quanti problemi da risolvere
 

fiorsue

Membro Junior
Proprietario Casa
Grazie a tutti, purtroppo quando si compra, anche con l'agenzia, certi aspetti della situazione del bene vengono taciuti. Questo appartamentino in condominio ne ha tanti, soprattutto a causa dell'amministratore che è contemporaneamente proprietario di maggioranza. E' la classica persona che possiede molti immobili in cattivo stato e si proclama povero, affitta i suoi appartamenti e non vuole fare manutenzione né per i suoi inquilini né per gli altri condomini. I pochi condomini che occupano il loro bene personalmente ovviamente ne soffrono e quando ci sono emergenze questo amministratore reagisce con l'inerzia. Questo è l'appartamento in cui mia mamma trascorre i mesi estivi e non è giusto che da quasi 18 mesi metà appartamento sia ammalorato dalle infiltrazioni. L'ATS l'avrebbe dichiarato inagibile, dice il mio architetto. Non so come mai questo amministratore abbia infine deciso, lui da solo ovviamente, di rifare il tetto, ma solo il manto di copertura e non anche l'orditura, che dopo 70 anni ne avrebbe avuto bisogno.
Purtroppo il mio avvocato sembra volermi scoraggiare dall'agire severamente contro questa persona. Vuol dire che lui sa a quali ulteriori problemi andrei incontro? Cio' che mi stupisce è che l'Italia, o la sua legislazione, permetta ancora questi fenomeni.
Vivo in Belgio da molti anni e qui i politici sono riusciti da almeno 15 anni a fare terra bruciata intorno a proprietari come il mio amministratore, con le varie certificazioni obbligatorie, con il codice dell'alloggio, con una buona legge sul condominio che protegge davvero le minoranze, con i controlli su denuncia di inquilini e vicinato, con il divieto di locazione del bene fatiscente, ma ovviamente anche con la giustizia civile che funziona in tempi ragionevoli. Ho ancora qualche bene in Italia ma spero di potermene disfare quanto prima.
 

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
E' uno di quei piccoli condomini in cui si vuole fare autogestione evitando ogni spesa. Inoltre un condomino possiede i 2/3 della palazzina e si impone come facente funzioni dell'amministratore da decenni. Niente assemblee. Noi restanti 3 condomini non abbiamo nulla da dire.
In Condominio (non importa le dimensioni) le decisioni si prendono in assemblea e serve sempre una doppia maggioranza (50%+1 dei votanti con almeno 500 millesimi nella stragrande maggioranza delle delibere inclusa quella di nomina di un amministratore o di un "facente funzioni").

Certo che se i 3 piccoli accettano "supinamente" senza coalizzarsi non vi sono "rimedi".

Sfatiamo questo "mito" che all'estero sia sempre un "paradiso".
 

Antonio Abiuso

Membro Attivo
Proprietario Casa
Ecco brava, disfatene: le case sono come le cibarie, troppe sono indigeste. Lo pensano anche quelli che diversamente dalla tua sfortuna hanno il privilegio d'abitare dentro una roulotte!
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Sfatiamo questo "mito" che all'estero sia sempre un "paradiso".
A leggere i giornali ed a vedere la televisione, noi non abbiamo certamente la possibilità di essere presi ad esempio positivo, sia nell'efficienza della burocrazia che della giustizia e tanto meno potremmo essere orgogliosi dei nostri politici.
 

Antonio Abiuso

Membro Attivo
Proprietario Casa
A leggere i giornali non mi pare proprio che i cittadini esteri (inglesi, francesi, americani ecc.) si dichiarino molto entusiasti a non dire orgogliosi dei rispettivi politici. Il fatto è che tutti li vanno a votare tappandosi il naso per poi pentirsi. Ma questo purtroppo discende dalla 'democrazia' la quale, a detta di Churchill è la peggior forma di governo, scartate tutte le altre!
 

moralista

Membro Senior
Professionista
Scartate tutte le altre! detta da un Genovese, mi preoccupa, esperienza e saggezza data la tua età
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Aldilà dei politici che non danno certo il buon esempio è tutto il resto che non va. Hai mai visto gli uffici pubblici operare nel migliore dei modi? Purtroppo oltre a certi dipendenti, sono molti dirigente che, sebbene prendano il premio di produttività, sono inerti e non si accorgono che i subalterni o sono assenti o non operano. le pratiche si accumulano senza essere esaminate mai!
Bisognerebbe licenziare chi si ruba lo stipendio. Solo allora si potrà avere una produttività di quella parte, non minima, dei dipendenti pubblici, parassiti.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Buona sera... Una domanda.. Il confine per delineare una proprietà si prende dal muro di confine o dal paletto della rete?
TomBolzo ha scritto sul profilo di maidealista.
Buonasera,
dovrei eliminare l'allegato che ho erroneamente allegato sul post Anticipo rogito rispetto compromesso
riuscite a risolvere? sulla pagina dell'assistenza quando seleziono i vari link mi dice che non ha trovato la pagina.
Scusa se non è la sezione giusta.
Buona serata!
Alto