1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. prisco79

    prisco79 Membro Junior

    Buonasera,
    ho concordato un preventivo per la ristrutturazione totale di un bagno, la fattura, a differenza del preventivo, avrà un totale complessivo a corpo di 4.000 circa ivati al 10%. La ditta mi ha confermato che se ristrutturazione, va al 10% e mi ha mandato il modello in cui devo certificare che l'IVA appunto è agevolata, è corretto?

    La detrazione nel mio caso sarà al 50% entro il 30 giugno 2013, sempre confermato dalla ditta.

    Vado tranquillamente?
     
  2. dolly

    dolly Membro Senior

    Professionista
    Intanto, comincia col leggere qui
    http://propit.it/threads/rifacimento-bagno-deduzione-IRPEF-procedura.26543/
    e qui
    http://www.propit.it/threads/detrazione-50-su-rifacimento-del-bagno.27867/#post-146480

    Se ti restano altri dubbi, chiedi pure.
     
  3. prisco79

    prisco79 Membro Junior

    Ho già letto ovunque, ed entro oggi devo inviare l'ordine firmato.

    So che il rifacimento completo del bagno (impianti etc) è considerato manutenzione straordinaria e quindi detraibile al 50% (Ristrutturazioni, tutti gli interventi ammessi alla Detrazione 50%Sanitari: Sostituzione di impianti e apparecchiature. Realizzazione di servizio igienico interno.)
    fonte:http://www.geometri.cc/articolo/168...tti-gli-interventi-ammessi-alla-Detrazione-50


    L'IVA agevolata al 10% ho letto che in entrambi i tipi di manutenzione è applicabile.
    (Per questi interventi l’aliquota IVA è del 10%. La Finanziaria 2010 (Legge n. 191/2009) ha stabilito che l’aliquota agevolata del 10% possa essere applicata in maniera permanente per interventi di manutenzione ordinaria o straordinaria (quali quelli previsti alla voce n. 127 -terdecies della tabella A, parte III allegata al D.P.R. n.633/1972), ma non nel caso dell’acquisto diretto dei beni da parte del proprietario dell’immobile. Per applicare l’aliquota agevolata è necessario che la cessione di beni avvenga nell’ambito del contratto di appalto.)fonte:http://www.ediltecnico.it/11464/detrazione-50-ristrutturazioni-cosa-scrivere-sul-bonifico-bancario/

    Stando a ciò la fattura col totale a corpo ivato del 10% dovrebbe essere ok. ;)
     
  4. essezeta67

    essezeta67 Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Dolly, nonostante le tue indicazioni e tutte le istruzioni, sembra che il messaggio non venga mai recepito...
     
  5. dolly

    dolly Membro Senior

    Professionista
    Quale titolo abilitativo ti è stato richiesto?
    Per l'IVA, se l'intervento comprende anche i cd "beni significativi" quali sanitari e rubinetterie, avrai IVA 10% su tutto l'appalto se l'intervento in questione è annoverato quale ristr.edil/risan.cons. (l.457/78 lettere c) d) supportato da concessione edilizia; se invece rientra nella m.s. (l.457/78 lettera b) con Dia/Scia rilasciata dall'Ufficio Tecnico del Comune, avrai IVA 10% condizionata sui beni significativi, ovvero l'IVA sarà al 10% fino a concorrenza valore manodopera (IVA al 21% sulla parte restante).

    r[DOUBLEPOST=1369672279,1369672142][/DOUBLEPOST]
    chissà...sarò forse criptica....:occhi_al_cielo:
     
    A alberto bianchi piace questo elemento.
  6. essezeta67

    essezeta67 Membro Assiduo

    Proprietario di Casa



    Hai sostituito gli impianti idrici ed elettrici di tutta la casa o hai solo sostituito, per mantenere in efficienza quelli del bagno??? Hai realizzato un servizio nuovo di zecca (manutenzione straordinaria) o hai messo le mani in quello già esistente (manutenzione ordinaria)?? Di fatto hai realizzato una manutenzione ordinaria e come descritto a pagina 11 della guida alle ristrutturazioni edilizie emessa dall'agenzia delle entrate, aggiornata ad agosto 2012, il tipo di interventi che hai fatto, compresa la sostituzione di piastrelle, non è agevolabile.
    Per l'IVA stessa guida a pagina 17-18 (IVA su sanitari e rubinetterie in parte al 21 e in parte al 10%)
    Diverso sarebbe stato il discorso se il comune ti avesse rilasciato una Dia per ristrutturazione (il lavoro di ristrutturazione comporta il rifacimento di tutta la casa): agevolazioni totali anche per il bagno e IVA 10% su tutto.
    Più che le guide emesse da tecnici o venditori, studia bene quelle emesse dall'agenzia delle entrate. Saluti.
     
    A alberto bianchi piace questo elemento.
  7. dolly

    dolly Membro Senior

    Professionista
    Speriamo che il tuo messaggio sia più "fortunato " e :D venga recepito dall'O.P....
     
    A essezeta67 piace questo elemento.
  8. jac0

    jac0 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Hai cominciato il messaggio dicendo:
    il preventivo è x, invece la fattura è y. Che volevi dire?
     
  9. prisco79

    prisco79 Membro Junior

    Ciao Jac0, mi sono spiegata male :)
    ho fatto una precisazione non necessaria, cioè che nel preventivo ci sono tutti i prezzi unitari e nell'ordine c'è un totale lavori a corpo.
    ___________________________

    Comunque, per il discorso della detrazione, la cosa è un po' controversa.
    Ho letto attentamente ciò che scrive l'agenzia delle entrate e specificatamente il DPR 380 art. 3 punti a e b, ed è tutto li il succo. Anche se ognuno lo interpreta in un modo, ed è anche normale visto che non c'è una nettissima differenza tra manutenzione ordinaria e manutenzione straordinaria.

    Infatti recita:
    Art. 3 (L) - Definizioni degli interventi edilizi
    (Legge 5 agosto 1978, n. 457, art. 31)
    1. Ai fini del presente testo unico si intendono per:
    a) "interventi di manutenzione ordinaria", gli interventi edilizi che riguardano le opere di
    riparazione, rinnovamento e sostituzione delle finiture degli edifici e quelle necessarie ad
    integrare o mantenere in efficienza gli impianti tecnologici esistenti;
    b) "interventi di manutenzione straordinaria", le opere e le modifiche necessarie per
    rinnovare e sostituire parti anche strutturali degli edifici, nonché per realizzare ed integrare i
    servizi igienico-sanitari e tecnologici, sempre che non alterino i volumi e le superfici delle
    singole unità immobiliari e non comportino modifiche delle destinazioni di uso;
    __________
    Nella fattura della ditta ci sarà scritto:
    "Interventi di manutenzione straordinaria, per ristrutturazione servizio igienico-sanitario".

    che è la verità.

    La manutenzione straordinaria
    Sono considerati interventi di manutenzione straordinaria le opere e le modifiche necessarie
    per rinnovare e sostituire parti anche strutturali degli edifici e per realizzare ed integrare i servizi igienico/sanitari e tecnologici, sempre che non vadano a modificare i volumi e le superfici delle singole unità immobiliari e non comportino mutamenti delle destinazioni d’uso.

    Restauro e risanamento conservativo
    Sono compresi in questa tipologia gli interventi finalizzati a conservare l’immobile e assicurarne la funzionalità per mezzo di un insieme di opere che, rispettandone gli elementi
    tipologici, formali e strutturali, ne consentono destinazioni d’uso con esso compatibili.

    Esempi di manutenzione straordinaria:
    • installazione di ascensori e scale di sicurezza
    • realizzazione e miglioramento dei servizi igienici
     
  10. dolly

    dolly Membro Senior

    Professionista
    @prisco79

    non hai risposto alla mia domanda: quale titolo abilitativo hai dovuto produrre per la realizzazione di questi interventi?
     
  11. prisco79

    prisco79 Membro Junior

    Stando alla ditta di ristrutturazione io non devo fare nulla, anzi, solo coi bonifici parlanti e i reciproci dati committ/ditta alla prossima dichiarazione dei redditi ho diritto al 50%.
    Invece, un architetto amico, sostiene che a rigor di logica la detrazione c'è, ma devo produrre una pratica di manutenzione atta alla ristrutturazione, anche se non ho ben compreso di cosa si tratta.

    Poniamo sia la CIA, comunicazione inizio attività. Mi sembra che necessiti di una polposa documentazione (prospetto, progetto...) un po' fuoriluogo rispetto al bagno. Stiamo parlando di un bagno di servizio di 2,60 mq il cui costo complessivo non arriva ai 5mila e.

    Ora, stiamo chiedendo ad un commercialista nella speranza che ci illumini in modo esaustivo.

    Ah, ho sentito un geometra del mio comune uff edilizia, e dice che non sa una mazza sulle detrazioni -.- ma che secondo lui un bagno è manut. ordinaria, anche se può variare da comune a comune :confuso:
     
  12. jac0

    jac0 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Mah, normalmente, quando cliente è un privato l'ordine non è altro che il preventivo della ditta datato e firmato per accettazione dal cliente medesimo. Quindi se il preventivo è 'a misura' anche l'ordine lo sarà, se è 'a corpo', anche l'ordine lo sarà.
     
  13. prisco79

    prisco79 Membro Junior

    Nel mio caso no, ma non penso sia un problema dato che i prezzi li conosco e fanno il totale imponibile :)
    Più che altro, per l'acconto serve una fattura o pre-fattura in cui c'è specificato il 30% da bonificare.
     
  14. essezeta67

    essezeta67 Membro Assiduo

    Proprietario di Casa

    Ha ragione il geometra: manutenzione ordinaria senza alcun titolo abilitativo e quindi niente agevolazione. Saluti.
     
  15. prisco79

    prisco79 Membro Junior

    Vi saprò dire come va.
     
  16. dolly

    dolly Membro Senior

    Professionista

    :ok:
     
  17. prisco79

    prisco79 Membro Junior

    Si vabbè, era talmente povero di informazioni questo tizio pur essendo dipendente comunale in tema edilizio che sinceramente non gli do gran affidamento.
     
  18. essezeta67

    essezeta67 Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Il geometra di sicuro non avrà informazioni circa le agevolazioni fiscali, ma della classificazione del tipo di interventi edili deve essere informato, altrimenti è meglio che cambi lavoro....
     
  19. jac0

    jac0 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Il Comune di Roma, penso come ogni altro Comune, dispone di un servizio per l'accoglimento di suggerimenti, segnalazioni e reclami (tramite mail, fax, posta ordinaria, modulo online, oppure di persona tramite URP). Nella fattispecie tu dovresti reclamare per l'incompetenza di un dipendente. Se nessuno reclama la situazione di incompetenza perdura.
     
  20. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    senz'altro una scia:stretta_di_mano:
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina