1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. rabadan

    rabadan Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Ciao a tutti.
    sono proprietaria di una casetta (mq.60) facente parte di un gruppo di tre all'interno di un'area condominiale. In pratica tre casette a schiera con tre proprietari.
    Per ragioni famigliari avrei bisogno di più spazio, quindi sto valutando la possibilità di alzare il tetto al fine di creare un sottotetto abitabile. Al momento sono solo nella fase di ipotesi dovendo verificare fattibilità e spesa. Sono quasi certa che il Comune darebbe l'autorizzazione però vorrei sapere se è indispensabile l'autorizzazione formale dei due vicini di casa.
    Grazie a chi mi vorrà rispondere.
    Rabadan
     
  2. Adriano Giacomelli

    Adriano Giacomelli Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Temo che intervengano quei concetti di "alterazione del decoro" o "modifica di parti comuni". Ora non so se avete un regolamento condominiale, in tal caso fatti una lettura approfondita e cerca di comprendere se il tetto è parte comune o meno.
    Poi se hai un buon rapporto con i vicini e questi sono collaborativi, scrivete un'accordo e un'autorizzazione e procedi.
     
  3. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    L'aumento dell'altezza del tetto comporta l'aumento della volumetria del complesso realizzato nel lotto condominiale. Evidentemente, se ci dovesse essere volumetria da sfruttare, dovresti indennizzare gli altri condomini, posto che gli stessi dovrebbero autorizzare e sottoscrivere il progetto da presentare all'Ufficio Tecnico.
     
  4. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    le casette sono staccate oppure sono addossate una all'altra?
    Se le casette sono staccate penso che tu possa sopraelevare indipendentemente dal volere dei vicini, a meno che non ci siano vincoli di altezza di tipo urbanistico (abiti vicino ad un campo di aviazione?). Hai controllato il rapporto tra superficie e cubatura finale? Ogni zona ha il suo indice di edificabilità stabilito dal P.R.G. della tua città. Quindi ti devi informare. Poi subentrano questioni tecniche che riguardano la portanza delle fondazioni, la portanza delle strutture in c.a. in elevazione. Pensaci bene perché avere uno o due locali in più potrebbe costarti un sacco di soldi. Non è una cosa che puoi far far il sabato e la domenica in economia: ci vuole un progettista che si occupi di tutte le formalità burocratiche per redigere la SCIA/CILA, che segua l'aggiornamento catasale, che segua la pratica presso il Genio Civile del Comune, che faccia da D.L. ecc... ecc ... .
    Se hai un muro in comune devi sentire il tuo vicino perché vai ad alterare la linea di gronda e vai a creare un compluvio con il vicino.
    De di muri ce ne sono due devi sentire tutte e due perché le cose che ho detto valgono per entrambi i vicini.
     
  5. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Ma soprattutto se il lotto è condominiale i lavori devono essere richiesti da tutti i proprietari o autorizzati dagli stessi.
     
  6. rabadan

    rabadan Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Le casette sono a schiera ma non in linea retta, sono in posizione sfalsata. I tetti sono individuali .
     
  7. rabadan

    rabadan Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Come ho chiarito al Sig. Giacomelli, ogni casetta ha il suo tetto perchè sono in posizione sfalsata di circa 1 metro ciascuna. In zona ci sono diverse casette che hanno alzato il tetto in modo da poter sfruttare il sottotetto ma sono tutte casette singole. So di dover interpellare un progettista e fare le domande necessarie per avere le regolari autorizzazioni (nella mia zona non si muove una foglia senza autorizzazione).
    Per il momento, in fase interlocutoria, un impresario mi ha suggerito un tetto in legno in modo che sia più leggero.
    Non abbiamo regolamento condominiale e con i vicini ho un ottimo rapporto (è una casetta vacanze) ma.... Prima di parlarne con i vicini interpellerò l'Ufficio Tecnico del Comune tramite un progettista e ovviamente mi farò fare un preventivo di spesa (che sono una condizione determinante) .
    Se avrò il via libera è sufficiente informare i vicini o devo assolutamente avere la loro autorizzazione?[DOUBLEPOST=1403963228,1403962938][/DOUBLEPOST]
    Il terreno su cui sorgono le casette è unico e indivisibile. Non abbiamo regolamento condominiale in quando le unità immobiliari sono solo tre. Sono addossate una all'altra ma in posizione sfalsata in modo da avere tre tetti indipendenti. La mia è la prima.[DOUBLEPOST=1403963347][/DOUBLEPOST]Nella fretta di rispondere avevo dimenticato i dovuti ringraziamenti ad Adriano Giacomelli, Gianco e Luigi Criscuolo per le tempestive risposte...
     
  8. Daniele 78

    Daniele 78 Membro Storico

    Professionista
    Le casette a schiera di per sè sono sempre simili alla casa unifamiliare singola per il fatto che il tetto che ricopre esse appartiene a ciascuna per l'equivalente della luce coperta (ossia lo spazio da muro perimetrale a muro perimetrale). Quindi in questo 3 case e 3 tetti.
    L'unico problema è che il punto d'appoggio dei 3 colmi è un muro comune (infatti le case a schiera che siano sfalsate, specchiate o entrambe le cose, hanno sempre delle parti in aderenza...ossia proprio i muri laterali, quindi per il muro laterale (visto che è comune) è giusto che chiedi ai vicini.
    @rabadan Vivi sulla "testa di schiera", o sull'unità centrale???
     
  9. alberto bianchi

    alberto bianchi Membro Senior

    Proprietario di Casa
     
  10. Daniele 78

    Daniele 78 Membro Storico

    Professionista
    Mi è sfuggito, grazie dell'aiuto.
     
  11. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    @rabadam guarda l'avatar di @Daniele 78 forse tu vuoi fare una cosa del genere con le case messe in diagonale?
    Quando si studia come fare un tetto inannazitutto bisogna vedere come sono disposti i muri portanti e che tessitura si vuole dare alla copertura. Il tetto completamente in legno ( grossa e piccola orditura) è molto bello ma costa molto di più di un tetto misto ad elementi prefabbricate limitando il legno agli archerecci,ai listelli, e se si vuole strafare ai palombelli. Io,essendo con la camere proprio sotto il tetto opterei per un tetto che oltre ad essere isolato termicamente, sia traspirante, ventilato e che abbia la barriera al vaporore. Il tetto si fa una volta sola nella vita.
     
  12. Daniele 78

    Daniele 78 Membro Storico

    Professionista
    Il tetto della casa nel mio avatar pur essendo in legno ha le caratteristiche che dici tu @Luigi Criscuolo.
     
  13. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Se il lotto dove insistono le tre unità è comune non puoi prescindere dalla autorizzazione dei comproprietari.
     
  14. rabadan

    rabadan Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    @rabadam guarda l'avatar di @Daniele 78 forse tu vuoi fare una cosa del genere con le case messe in diagonale?
    Il tetto della casa nel mio avatar pur essendo in legno ha le caratteristiche che dici tu @Luigi Criscuolo.

    Si pensavo ad una cosa del genere anche se la mia casetta è la capofila e più piccola. Non ho ancora approfondito l'argomento "costruzione" però l'impresario che ho interpellato in via esplorativa mi ha accennato ad un tetto tutto in legno che viene progettato "su misura" al millimetro e fornito per poi essere montato dall'impresa. Andremo a vedere una casa che ha recentemente rifatto il tetto proprio con questo sistema. Io non ho idea di quanto possa costare un tetto tradizionale, questo dovrebbe aggirarsi sui 50 mila euro: un pò costoso a mio avviso.

    Per quanto riguarda i vicini è ovvio che ne dovrò parlare ma mi premeva sapere che possono condizionare la mia decisione. Un conto è informarli un'altro è andare a chiedere l'autorizzazione.
     
  15. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Forse non mi sono spiegato. Il volume, che eventualmente potrai utilizzare, fa parte del diritto comune dei tre proprietari dell'area che in base alla stessa sarà realizzabile.
     
    A Daniele 78 piace questo elemento.
  16. Daniele 78

    Daniele 78 Membro Storico

    Professionista
    Villette di nuova concezione come quella del mio avatar hanno tutte un tetto un legno che rispetto al falda in c.a. È sicuramente più inerte termicamente. Sta di fatto che ormai il tetto in legno viene isolato con isotek e similari. Per quanto riguarda il volume più che corretta l'osservazione di Gianco. Abbiamo un terreno condominiale (praticamente) con tre villete sopra. Comunque sia stato diviso catastale te quando sinrealizzanuna villetta a schiera c'è una volumetria unica, alzare ed abbassare il tetto aldilà delle autorizzazioni comunali e dei vicini richiede:
    A) rispettare i limiti di volumetria
    B) rispettare le altezze massime realizzabili
    C) pagare gli oneri per la volumetria nuova realizzata.
     
  17. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    La volumetria edificabile è da ripartire in proporzione alle proprietà dei condomini. Il singolo non può attribuirsi il diritto di edificare il volume residuo a discapito degli altri aventi diritto.
     
    A alberto bianchi piace questo elemento.
  18. Daniele 78

    Daniele 78 Membro Storico

    Professionista
    infatti mi sembra un intervento molto difficile da attuare per tanti motivi
    1) Solitamente (qui potrebbe essere diverso) si tende ad utilizzare tutta la volumetria disponibile prima
    2) Quando non si riesce ad utilizzarla, è perchè (pur avendone ancora di volumetria) i limiti di altezza degli edifici e le prescrizioni regionali per le altezze interne dei sottotetti abitabili limitano fortemente l'ampliamento
    3) La non approvazione degli altri vicini

    @rabadan @Luigi Criscuolo Spero di avere sbagliato clamorosamente nella mia previsione, ma ho avuto le stesse problematiche (vedi 1 e 2) che mi hanno impedito in fase di costruzione di poter utilizzare tutta la volumetria disponibile (proprio le villette che vedete nel mio avatar...in realtà c'è un PEC).
    Da una parte te la concedono come indici di edificabilità anche elevati, dall'altra quando li relazioni con altezze e distanze, scopri che non riesci a sfruttare tutta la volumetria ed a volte la riduci anche di un buon 30%.
    Morale della favola in teoria potresti avere anche 300mc come cubatura (fai un alloggio di 100mq comprensivi di tramezzi e muri perimetrali) in pratica togli questo e togli l'altro per effetto di altezze e/o distanze te ne rimangono 210 mc (alloggio di 70 mq comprensivo di muri portanti, tramezzi).
    Un bel modo per aiutare l'edilizia...

    Auguro di cuore al nostro OP di riuscire nel suo intento.
     
  19. rabadan

    rabadan Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Da quanto dice Gianco e in base all'esperienza di Criscuolo posso concludere :
    1° devo chiedere ad un professionista di verificare di quanto posso alzare senza ledere i diritti dei vicini di casa
    2° ho messo in conto che la volumetria sarà sensibilmente inferiore a quella del piano inferiore

    non ho capito però cosa intende Gianco quando sostiene che dovrei " pagare gli oneri per la volumetria nuova realizzata" intende ai vicini o al Comune?
     
  20. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Se per realizzare il tuo progetto hai necessità di utilizzare il volume residuo spettante agli altri condomini, loro ti potranno autorizzare a condizione che tu li indennizzi.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina