• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Secondo te la Certificazione Energetica serve a qualcosa oppure no?


  • Votanti
    220

ada1

Nuovo Iscritto
Ma il problema e' sempre lo stesso, sul nuovo nulla da dire e' giusto che vengano utilizzati materiali e tecniche costruttive idonee, ma sul vecchio? E se ho una casa nella classe piu' sfigata? cosa accade? Nulla, la vendo normalmente senza alcun problema, perche' nessuno guarda a queste cose, inoltre se sono in un condominio come faccio a migliorare la mia classe energetica? E' evidente che questa imposizione e' stata fatta per dare lavoro a determinate categorie e crea un balzello per i proprietari, la certificazione degli impianti invece (quella si' che e' utile, almeno so che l'impianto e' a norma) non e' obbligatoria (o almeno e' lasciata alle parti la decisione di avere o meno tale certificazione....). In italia sembra proprio che chi legifera si alzi al mattino e decida di applicare le direttive comunitarie senza neanche prendersi la briga di consultare un addetto del settore, che sarebbe cosi' semplice da fare....
Non è vero che le case nella classe più "sfigata" si vendono come altre : qui è il prezzo che fa la differenza poiché colui che acquista dovrà pur domandarsi come, quando e quanto gli costerebbe una messa a norma e nel caso il costo fosse troppo dispendioso, potrà sia rinunciare all'acquisto sia domandare un prezzo al ribasso ; il venditore rischia di avere più difficoltà a vendere i allora ad un prezzo inferiore -sempre naturalmente se l'acquirente è ben informato.
Anche vivendo in un condominio non a norma e qualora gli altri condomini non fosser d'accordo per affrontarne i costi, ogni proprietario puo' decidere di farla per il proprio appartamenton aumentandone il valore e il confortn senza contare il bene per l'ambiente.
E infine, le norme comunitarie contengono già molte istruzioni per l'uso che i nostri "legislatori" dimenticano di leggere dimenticando anche che essi hanno sottoscritte tali norme che poi divengono direttive europee.
E credo, del resto, che l'Italia ha già pagato delle sanzioni per non averle fatte applicare prima di luglio (ancora degli sprechi)
 

toscogroup

Nuovo Iscritto
Gia', se vai a comprare casa e ti dicono "ma io ho coibentato i muri, per cui ti chiedo 5.000 euro in piu', ho messo i serramenti anti spreco, per cui ti chiedo 10.000 euro in piu' ecc..." tu che fai dici grazie?
Ma hai mai venduto delle case? Hai mai sentito la risposta classica "Vabbe', questi sono problemi tuoi, io la casa la pago tot per la posizione, se ci hai voluto fare i muri ricoperti di sughero o l'impianto elettrico comandato da plc sono fatti tuoi".
Questa e' la realta', a nessuno frega nulla delle norme, non abbiamo la cultura per affrontare questi argomenti (o almeno in pochi lo fanno), e se vai ad acquistare un immobile da ristrutturare cio' che guardi e' la posizione, la comodita' o il prezzo. Dover fare il certificato energetico e' solo un modo per far lavorare i tecnici, sugli edifici nuovi c'e' gia' tutto, i penalizzati sono i vecchi, e voglio vedere chi mi fa un carrotaggio in un palazzo per determinare la qualita' dei materiali usati e determinare la categoria energetica, nessuno, arriva il tecnico e ti dice semplicemente che la categoria e' la peggiore e che gli devi 300 euro. Ne ho avute a bizzeffe di queste prove, a volte neanche vengono a visionare l'immobile, certificato energetico a distanza !!! Un'altro balzello per i proprietari.
 

ada1

Nuovo Iscritto
Nessuno è obbligato a mettere a norma : avere il certificato energetico non significa che il proprietario deve fare lavori ma che certi lavori sono suggeriti, a lui poi verificare cosa gli conviene fare.
E il certificato energetico a distanza chi lo accetta ? Io sicuramente no perché non vorro' mai farmi complice di un tale malcostume : è troppo facile far ricadere la colpa sugli altri, noi stessi dobbiamo avere la volontà di comportarci in un certo modo.
E' come per i politici : li critichiamo sempre ma continuiamo a votare per loro. Allora, perché criticare ?
 

bolognaprogramme

Membro Assiduo
Professionista
Da agente immobiliare, condivido quanto dice Toscogroup.
Per ora, chi vuol comprare non è ancora per niente sensibilizzato sull'importanza della classe energetica e i proprietari cercano (ovviamente senza riuscirci) di aggirare...l'ostacolo.
Ho un intervento edilizio in Classe A, con dei prezzi ottimali, con il benefit a fondo perduto e sembra che a nessuno gliene freghi niente.... Dovrebbero precipitarsi, quantomeno a vederli, no ?

E adesso, arriverà l'obbligo della certificazione acustica.... altro problema farlo capire ai proprietari, sia venditori che locatori...

Silvana
 

enric

Membro Attivo
Proprietario Casa
e' propio cosi': creare reddito a una nuova professione a danno dei propietari

Aggiunto dopo 10 minuti :

Nessuno è obbligato a mettere a norma : avere il certificato energetico non significa che il proprietario deve fare lavori ma che certi lavori sono suggeriti, a lui poi verificare cosa gli conviene fare.
E il certificato energetico a distanza chi lo accetta ? Io sicuramente no perché non vorro' mai farmi complice di un tale malcostume : è troppo facile far ricadere la colpa sugli altri, noi stessi dobbiamo avere la volontà di comportarci in un certo modo.
E' come per i politici : li critichiamo sempre ma continuiamo a votare per loro. Allora, perché criticare ?
io non li voto ,come mai son sempre li' e non se ne vanno a casa?
 

Angelosky

Membro Attivo
Proprietario Casa
Un pò di contradditorio altrimenti non è bello :).
Abbiamo ciò che ci meritiamo ... siamo furbi vero? ... Allora teniamoci le case che abbiamo, cioè energivore al massimo, per poi naturalmente piangere sulle spese di condomino. La certificazione dovrebbe essere seria e certificare veramente quello che è, perchè questo puo vuol dire anche 1000.00 € all'anno di riscaldamento risparmiato. Case vecchie, per quelli sono previsti gl'incentivi fiscali fino al 55% e 10% di IVA, ora in proposta c'è un' agevolazione del 50% +10% IVA, bè ... non mi sembrano sciocchezze. Io gl'interventi possibili li ho fatti e SONO CONTENTO, il risparmio c'è, eccome, cosi' come detraggo ogni anno lo sconto fiscale. Insomma funziona, che poi i politici facciano i politici :confuso: sono d'accordo, ma per quella volta che c'hanno azzeccato, prendiamola al volo prima che rovinino tutto. :D
 

giolucianipinsi

Membro Ordinario
la felicità degli estremisti ambientalisti non trova alcun riscontro nel portafoglio. Anch'io ho pagato rate di cambio caldaia coi risparmi del 55%, ma per pareggiare l'investimento serviranno almeno 7 anni, e se gli inverni fossero caldi, ce ne vorranno 10. Intanto il valore della casa precipita, col mercato che crolla. Chi compra un appartamento guarda molti fattori. Quello della certificazione energetica non conta quasi nulla. Purtroppo lo stalinismo ambientalista impone perfino di pagare righe aggiuntive sugli annunci per cercare di vendere l'appartamento, dato che è obbligatorio indicare la classe energetica certificata, anche per immobili che magari sono fuori legge al catasto... Si deve pagare il professionista che certifica, in attesa che le Regioni, rapinati i contribuenti, rendano disponibili, nei prossimi secoli, i registri necessari, e nei secoli successivi controllino se le classi registrate sono vere, o fasulle come le rendite catastali. Gli ambientalisti non hanno ancora capito che la partitocrazia italiana è fatta esclusivamente e interamente da tassatori di mestiere, che sanno solo inventare tasse, balzelli e accise: basta leggere una bolletta della luce o del gas per vedere che il costo della burocrazia soffoca e uccide quello dei servizi indispensabili ai cittadini.
 

biagio70

Nuovo Iscritto
l'ennesimo inutile adempimento, che favorisce alcune lobby, e nel disperato tentativo di fare reddito attraverso la produzione di carte inutili........
 

Amleto2012

Nuovo Iscritto
Seguendo passo passo la vendita di un immobile mi sono accorto come tutto l'iter al quale è obbligato il venditore da un lato e l'acquirente dall'altro altro non è che una serie di adempimenti i quali dietro il paravento dei "nobili intenti" costituiscono all'atto pratico ossia quello vero, tutta una serie di balzelli imposti dalle lobby delle professioni. Su ciascuna compravendita è garantita la gabella per: i geometri, gli ingegneri, gli elettricisti, gli idraulici, gli agenti immobiliari, i notai, gli avvocati, e naturalmente sue maestà Lo Stato: ossia tutto il sistema più o meno legittimo che (sempre all'atto pratico) attraverso la politica (quella bassa, ossia quella sul territorio) produce attraverso le clientele gli appalti, le forniture etc.etc. Semplice, nulla di più nulla di meno.
 

giolucianipinsi

Membro Ordinario
Un pò di contradditorio altrimenti non è bello :).
Abbiamo ciò che ci meritiamo ... siamo furbi vero? ... Allora teniamoci le case che abbiamo, cioè energivore al massimo, per poi naturalmente piangere sulle spese di condomino. . :D
Non so tu, ma io soffro già del fisco energivoro, del prezzo della benzina energivoro, della partitocrazia energivora, di tutte le mangiatoie riportate in bolletta, e francamente una casa energivora mi dà meno fastidio, perchè le energie che rimangono tra le mie mura sono da tempo esauste, al pari delle mie e di quelel del mio portafoglio, che presumo sia nella condizione della maggioranza dei concittadini. La certificazione energetica mi lascia la casa energivora, divorando ulteriori soldi dal mio portafoglio, senza alcun ritorno per me, né per l'ambiente, né per la società, checché ne dicano i parlamentari che l'hanno votata.
 

leoleo

Nuovo Iscritto
La maggior parte dei cittadini pensa ed è certa che questo sia un inutile balzello per le costruzioni esistenti. Abito in un edificio che esisteva già nel 1600, come si può vedere in alcune stampe d'epoca. Ho migliorato da 20 anni le condizioni termiche con gli infissi con vetri doppi e coibentando le pareti di mattoni e pietre con poliuretano ad alta densità (senza alcun incentivo) facendo il MIO interesse: ora lo devo anche certificare spendendo: non sono per niente soddisfatto di questa nuova norma.
 

Angelosky

Membro Attivo
Proprietario Casa
Credo che, se il certificato energetico viene fatto seriamente, si avranno delle ricadute serie sul valore dell'immobile, e questo l'ho potuto constatare personalmente, oltre al risparmio annuale sulle spese di riscaldamento. Se viene fatto "furbescamente" come una mera formalità, infischiandosene della situazione reale, allora lasciamo perdere tutto, diciamo che siamo furbi, troppo furbi e lasciamo le cose come sono, però poi, per favore, non lamentiamoci dei risultati delle nostre furberie.I risultati li abbiamo sotto gli occhi proprio in questi giorni ... :basito:
 

giolucianipinsi

Membro Ordinario
Credo che, se il certificato energetico viene fatto seriamente, si avranno delle ricadute serie sul valore dell'immobile, e questo l'ho potuto constatare personalmente, oltre al risparmio annuale sulle spese di riscaldamento. :basito:
Scusa, potresti essere più preciso? Di quanti centesimi è aumentato il valore commerciale della tua casa, dopo che l'hai modificata svuotando il portafoglio, per andare incontro a quello che Vendola chiama "estremismo ambientalista"?E hai trovato un acquirente che ti abbia pagato quel prezzo? E quanti anni ci vorranno per andare a pari delle spese, col risparmio del riscaldamento? A me ne avevano calcolati 7, ma con gli inverni caldi forse pareggerò le spese tra 10 anni, salvo aumenti dei combustibili (e tenuto conto del 55% di risparmio fiscale)
 

Angelosky

Membro Attivo
Proprietario Casa
Nella valutazione di un appartamento gioca il suo ruolo anche la valutazione di Casa Clima, cioè la valutazione energetica (seria). E non potrebbe essere che così, vista la grande differenza dei consumi sul riscaldamento, nel mio caso certamente superiore al 30%. Per ora questo risparmio me lo stò godendo io, e spero di vivere ancora per molti anni, mentre il rimborso quinquennale è ormai all'ultimo anno ... ovviamente speriamo bene :).
Comunque non sono centesimi, ma centinaia di €, poi ognuno fa quello che crede, io ho soltanto riferito una mia esperienza che sicuramente rifarei . Ah, dimenticavo: non vendo finestre, materiali isolanti ne tantomeno faccio perizie.
Ripeto ognuno faccia quello che crede, però un pò di coerenza, tutto qua ...
bye bye
 

franz371

Membro Attivo
Riguardo i contratti di locazione diverrà obbligatorio (da quando?) per i futuri contratti di locazione, ma per i contratti di locazione già in essere cosa accadrà?
 

gianluigidangelo

Membro Junior
Professionista
In ogni caso anche sugli edifici esistenti è bene sapere il consumo. Ma se la certificazione energetica rimane isolata e non si fanno delle leggi per favorire il miglioramento degli standard energetici, con ad esempio la riduzione fiscale sulle bollette o altri vantaggi non servirà a molto, finchè il mercato non comprenderà che la classe energetica incide anche sul valore dell'immobile ....
 

Elisabetta48

Membro Senior
Per ora la certificazione energetica per le case vecchie è una bidonata. Appartamento anni '70, chiaramente della classe peggiore. La mia Regione non ammette autocertificazione, chiamo il certificatore (peraltro persona squisita) che mi fa "Solo il non avere i vetri doppi lo fa già qualificare di classe G...". Grazie lo sapevo già ma non me lo sono potuta autocertificare.
Ai fini del risparmio energetico, è sicuramente più efficace l'incentivo fiscale.
 

possessore

Membro Senior
Proprietario Casa
Buongiorno, vorrei sapere se oggi (4 Ottobre 2013) è obbligatorio l'Attestato di Certificazione Energetica per un appartamento locato, in caso di cedolare secca.
 
J

JERRY48

Ospite
Ad oggi 04/10/2013
La regola introdotta dal Dl 63 del 6 giugno 2013, secondo la quale è divenuto obbligatorio, per il proprietario di un immobile locato, produrre l'attestato di prestazione energetica, vale solo per i nuovi contratti o anche per quelli vecchi? In particolare, per un contratto di affitto stipulato a febbraio 2013 con decorrenza 1° maggio 2013, è obbligatorio produrre l'Ape?
Poiché il contratto di locazione è stato stipulato nel febbraio 2013 e ha avuto inizio nel maggio 2013 (cioè prima dell’entrata in vigore del Dl 63/2013), a esso non si applicano le nuove disposizioni in materia di Ape (attestato di prestazione energetica). Per esso vale la precedente formulazione dell’articolo 6, comma 2-ter, del Dlgs 192/2005, per il quale «nei contratti di compravendita o di locazione di edifici o di singole unità immobiliari è inserita apposita clausola con la quale l'acquirente o il conduttore danno atto di aver ricevuto le informazioni e la documentazione in ordine alla certificazione energetica degli edifici. Nel caso di locazione, la disposizione si applica solo agli edifici e alle unità immobiliari già dotate di attestato di certificazione energetica ai sensi dei commi 1, 1-bis, 1-ter e 1-quater». In tale caso, salvo quanto disposto dalla normativa regionale, non era necessario consegnare l’Ace (attestato di certificazione energetica), in copia dichiarata conforme all’originale, ma era sufficiente - per gli immobili già dotati di Ace - inserire nel contratto un'apposita clausola.L’articolo 6 del Dl 4 giugno 2013, n. 63, ha riscritto l’articolo 6, comma 2, del Dlgs 19 agosto 2005, n. 192, come segue: «Nel caso di vendita o di nuova locazione di edifici o unità immobiliari, ove l'edificio o l'unità non ne sia già dotato, il proprietario è tenuto a produrre l'attestato di prestazione energetica di cui al comma 1. In tutti i casi, il proprietario deve rendere disponibile l'attestato di prestazione energetica al potenziale acquirente o al nuovo locatario all'avvio delle rispettive trattative e consegnarlo alla fine delle medesime; in caso di vendita o locazione di un edificio prima della sua costruzione, il venditore o locatario fornisce evidenza della futura prestazione energetica dell'edificio e produce l'attestato di prestazione energetica congiuntamente alla dichiarazione di fine lavori. Nei contratti di vendita o nei nuovi contratti di locazione di edifici o di singole unità immobiliari è inserita apposita clausola con la quale l'acquirente o il conduttore danno atto di aver ricevuto le informazioni e la documentazione, comprensiva dell'attestato, in ordine alla attestazione della prestazione energetica degli edifici». Salvo chiarimenti o modifiche, la terminologia utilizzata («nuova locazione», «nuovo locatario», «nuovi contratti di locazione»), sembrerebbe non lasciare spazio a dubbi: è necessario l’Ape in caso di nuova locazione (e non di proroghe o di rinnovi o altro). La stessa dicitura «nuovo contratto di locazione» risulta poi confermata anche dall’articolo 12 del Dl 63/2013, che prevede la sanzione amministrativa, non inferiore a 300 euro e non superiore a 1.800 euro, per il proprietario che, in caso di nuova locazione, non doti l’immobile di Ape.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Claudia85 ha scritto sul profilo di Gianco.
Scusi Gianco, cosi siamo in privato? Non vorrei allegare pubblicamente per privacy
possessore ha scritto sul profilo di Luigi Criscuolo.
Auguri di buon compleanno anche da parte mia!
Alto