1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. giumus

    giumus Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Salve, siamo tre fratelli eredi di un appartamento A3, con rendita catastale di Euro 455 (come da atto notarile).
    Vorrei cortesemente sapere, dovendo procedere a breve alla pratica di successione, a quali spese andremo incontro e se, nel caso uno dei tre eredi rilevasse con diritto di prelazione l'appartamento, in accordo con gli altri due eredi che verrebbero liquidati con i due terzi del valore dell'abitazione, valore stimato da un tecnico immobiliare, se in tal caso le spese di successione sarebbero inferiori.
     
  2. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Premesso che se un coerede vende a un altro coerede non esiste diritto di prelazione, prima dovrete presentare la dichiarazione di successione e poi potrete procedere alla compravendita delle quote.
     
  3. basty

    basty Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Lo stato non fa sconti e salti. Prima si paga per la eredità, senza saltare passaggi successori, poi si divide o compravende.
    Un passo alla volta. Niente sconto comitiva.
     
  4. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Se l'immobile è l'unico bene in successione, potreste trovare un'alternativa. Ovviamente, se non ci sono altri legittimari, sarà sufficiente raggiungere l'accordo con il fratello ed i due potrebbero rinunciare all'eredità e si eviterebbe anche il costo dell'atto.
     
  5. basty

    basty Membro Senior

    Proprietario di Casa
    La rinuncia è una soluzione non sempre efficace. Se hanno figli questi subentrano per rappresentazione e si è di nuovo a capo.
     
  6. quiproquo

    quiproquo Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Se hanno figli...costoro faranno rinuncia ammucchiandosi con i genitori...
    Ma il notaio non lo permetterebbe...e allora??? E allora il codice prevede o meno
    la rinuncia tacita??? E in caso affermativo: la rinuncia tacita collettiva la si può registrare??? Ecco cos'è un groviglio legislativo e questo è uno di centomila...
     
  7. basty

    basty Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Questa mi è nuova.

    A parte appunto la conseguenza a valanga, cosa impedisce la rinuncia collettiva?
     
  8. quiproquo

    quiproquo Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Hai ragione...Mi è scappato di omettere il punto interrogativo...Quindi nullaosta per il notaio...che però, però...ti sforna uno di quegli atti poderosi con un risvolto pecuniario (parcella) altrettanto poderoso... e poi e poi e poi vi sarà o no un'imposta di 200-400 euro cadauno (?)...? E allora il quesito ritorna sulla
    rinuncia tacita che proprio perchè tacita il notaio non potrebbe prenderne atto...
    infatti tu parli di rinuncia ...(esplicita...?) o no? Io parlavo di rinuncia tacita e
    quindi ripropongo la domanda: si può registrare una dichiarazione collettiva dove
    tutti si impegnano ad evitare qualsiasi azione diretta ed indiretta tale da non far scattare l'accettazione dell'eredità e il conseguente titolo di erede??? Il tutto
    con un Post scriptum finale dove fuori dai denti si sottoscrive che si tratta di
    una rinuncia di fatto??? Se tutti mantengono la COSA...cosa mai potrà accadere in futuro??? qpq
     
  9. basty

    basty Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Sicuramente interessante ....: non sono in grado di immaginare una risposta al punto interrogativo. Già faccio fatica a capire la accettazione tacita, figurati la rinuncia ...
    E che la Dich. di successione non costituisca accettazione... (va be che vale per tutti gli eredi, e non impegna nessuno, salvo il portafoglio di chi ha anticipatro i soldi....
    Barocchismi!
     
  10. quiproquo

    quiproquo Membro Senior

    Proprietario di Casa
    La notifica all'ADE per la successione ereditaria la firmerà il fratello "superstite"
    (quello che sgancerà gli sghei a pareggio...) che con qualsiasi tipo di azioni o di
    atti tipici del "sentirsi" erede lo diventerà a tutti gli effetti. Gli altri due se ne staranno buoni, astenendosi da qualsiasi pratica sospesa inerente al padre e
    quelle post mortem. Gli eventuali distinguo sono ininfluenti. qpq.
     
    A basty piace questo elemento.
  11. basty

    basty Membro Senior

    Proprietario di Casa
    :^^: Mi sembra una norma per far pagare i boccaloni, e fatta apposta per essere aggirata dagli addetti ai lavori....
    Curiosa conclusione dell'iter!
     
    A quiproquo piace questo elemento.
  12. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    La rinuncia, a differenza dell'accettazione, non può avvenire tacitamente.
     
  13. quiproquo

    quiproquo Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Grazie Nemesis sicuramente è come dici...Non la chiameremo rinuncia..lo sarà di fatto deduttivamente dalla mancata assunzione della qualifica di erede che non sono in grado a quale articolo si riferisca...so che è previsto...Se non vi è accettazione esplicita, nè quella tacita...cosa ne facciamo di questo "legittimaro" che non accetta esplicitamente con le azioni caratteristiche e non muove foglia fino a sparire del tutto dall'ambito successorio??? Lo citiamo in giudizio???
    Ebbene sì! Chiunque lo chiamerà in base all'art.481(?) lui, perdurando il rifiuto, perderà il diritto di accettare l'eredità...Realizzando di fatto la rinunzia...
    Ora analizziamo questo Chiunque: se non ci sono creditori del rinunziante o
    altri interessati...(nel caso dei due fratelli con relativi figli che di fatto o di nomina
    non accettano l'eredità...) chi mai si sognerà di adire le vie legali??? La logica mi
    porterebbe a dire nessuno...ma poi in qualche modo arriva il notaio con i suoi
    distinguo e verboten...E allora??' Allora è un altro guazzabuglio dove a turno
    nuota anche quiproquo.
     
    Ultima modifica: 21 Aprile 2016
  14. basty

    basty Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Mi sa che con la risposta di Nemesis, sorge un problema infinito. I figli del rinunziante inerte conservano il diritto di accettare. Fino a quando? In questo limbo l'erede che ha tenuto il possesso come si viene a trovare? Ne vsle la pena?
     
  15. quiproquo

    quiproquo Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Mi sembrava che anche i figli dei due fratelli rinunziatari dovessero sottoscrivere
    una dichiarazione privata di "non accettazione" dell'eredità...Lo possono fare???
    E chi lo sa...Io no...Gira e rigira diventa un problema che solo (?) il notaio
    può risolvere...Se fosse possibile autenticare le firme di tutti i rinunziatari davanti
    a un pubblico ufficiale che non sia il notaio la Cosa avrebbe un certo senso...
    Siccome tutti i funzionari pubblici adatti alla Cosa si rifiutano di farlo...di riffe o di raffa spunta sempre lui...sua maestà il "NOTARO"... E non vi azzardate ad auspicarne la scomparsa...Finchè non metteranno mano a depurare le storture e le iniquità insite nel diritto di famiglia resta insostituibile anche per Quiproquo!
     
  16. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Esiste l'accettazione espressa e la rinuncia (espressa) dell'eredità.
    La dichiarazione è ricevuta da un notaio o dal cancelliere del tribunale del circondario in cui si è aperta la successione. Non esistono altri soggetti autorizzati.
     
  17. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Un tempo la firma veniva autenticata dall'ufficiale dell'anagrafe comunale.
     
  18. quiproquo

    quiproquo Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Io andai dal cancelliere del tribunale di Torino per la rinunzia all'usufrutto...
    persi tutta la mattinata a girare per i vari uffici fino ad un'arcigna matrona
    che in malo modo mi disse che tale pratica era di esclusiva competenza del notaio
    che quindi resta ben fermo sul suo trono ancora più fermo nella palude delle
    leggi dove non vi è un minimo spiraglio di libertà o di piccola facoltà di scelta...
    E fin tanto che qualche propista ci notifichi il contrario...come un vissuto in
    cancelleria...non avremo prove in tal senso...Quindi: viva il Notaio...Io, però, avevo in testa una dichiarazione "privata" congiuntamente sottoscritta da tutti gli aventi diritto di non accettazione dell'eredità, dove la forma privata esclude evidentemente quella pubblica che Notaio o altri ci elargiscono...restando solo, per la certezza della data, la registrazione all'ufficio del registro. L'ipotesi è quindi sottratta alla conoscenza pubblica, restando un fatto meramente riservato alla
    sfera privata. E chiedo: è un reato? è un illecito? Non credo...Ma il notaio rientra in gioco quando si tratterrà di accatastare l'immobile e in quell'occasione il notaio
    convocherà gli altri due fratelli per il redde rationem...E credo che non potrà accettare la scrittura privata formulata in quel modo. In ultimo ci sarebbe ancora
    l'aspetto fiscale...che non oso toccare...Quindi: resta l'ncertezza che tanto e sempre
    contrassegnò Quiproquo.
     
  19. quiproquo

    quiproquo Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Si Gianco lo fanno ancora, escludendo però la rinunzia a diritti reali immobiliare
    ed altro. Se clicchi su "competenze anagrafe comunale" uscirà una lunga lista
    di ciò che possono autenticare...alla fine vi è il simbolo negativo sulla rinunzia
    usufrutto et similia. Ed è un'altra delle sporcizie dei vari poteri...secondo me vi è la longa mano del Notariato generale di Roma che è di fatto una delle tante corporazioni lobbistiche presenti in parlamento e nei ministeri più pescosi
    dove se qualcuno s'azzarda a proporre di smuovere la melma...sono i
    primi, in compagnia degli altri .."professionisti"...e talvolta anche i magistrati...
    a protestare vivacemente e a minacciare anche lo sciopero...Povera Italia.
    e povero quiproquo!
     
    A Gianco piace questo elemento.
  20. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Non diciamo stupidaggini.
    La dichiarazione di rinuncia all'eredità è un negozio giuridico formale. Deve essere ricevuta, a pena di nullità, esclusivamente da uno dei due soggetti previsti dall'art. 519 c.c.
     
    Ultima modifica: 21 Aprile 2016

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina