• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Fiorefiore

Nuovo Iscritto
Conduttore
Buongiorno, sono un inquilino, ho inviato tramite racc. la richiesta di disdetta anticipata. Parliamo di un contratto 4+4. La raccomandata é arrivata all' ufficio postale dopo 5 giorni dall'ingresso del nuovo mensile ed é stata ritirata complessivamente, dalla data di invio, dopo 13 giorni. Cosa mi si prospetta alla consegna delle chiavi?. Il pagamento totale di una mensilità o la metà del corrispettivo da pagate?. Grazie. Buona giornata
 

Nemesis

Membro Storico
Proprietario Casa
sono un inquilino, ho inviato tramite racc. la richiesta di disdetta anticipata.
Il recesso è stato richiesto con effetto da quale data?
È stato rispettato il periodo minimo di preavviso previsto dal contratto per recedere anticipatamente (o quello di sei mesi previsto dalla legge, se vi sono gravi motivi)?
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
Presumo che la data di recesso fosse "fine mese", e spedita entro fine mese: e che la lettera sia pervenuta all'ufficio postale ricevente il 5 del mese successivo, e ritirata il 13 o il 18.

Credo quindi che la domanda sia:

vale la data di spedizione (eventualmente corretta dalla posta se consegnata oltre il termine del ritiro), o la data di ricezione?
Per certi adempimenti vale la data di spedizione, a nulla rilevando la tempestività del ritiro.
 

Fiorefiore

Nuovo Iscritto
Conduttore
Presumo che la data di recesso fosse "fine mese", e spedita entro fine mese: e che la lettera sia pervenuta all'ufficio postale ricevente il 5 del mese successivo, e ritirata il 13 o il 18.

Credo quindi che la domanda sia:

vale la data di spedizione (eventualmente corretta dalla posta se consegnata oltre il termine del ritiro), o la data di ricezione?
Per certi adempimenti vale la data di spedizione, a nulla rilevando la tempestività del ritiro.
 

Fiorefiore

Nuovo Iscritto
Conduttore
Si é proprio cosi. So che vale la data di ricezione della raccomandata, quindi mi domando quanto dovrò pagare. Grazie
 

Fiorefiore

Nuovo Iscritto
Conduttore
Si é proprio così, quindi mi domando quanto dovrò pagare, visto che vale la data di lettura della lettera
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
Ho fieri dubbi valga la data di lettura: che poi sarebbe la data di ritiro della raccomandata.
Se valesse questo potresti anche aver dato la disdetta oltre i termini previsti e quindi non solo potrebbero chiedere una mensilità in più, ma l'intero completamento della annualità.
Poi chiedere è lecito: riscuotere più difficile.
 

Nemesis

Membro Storico
Proprietario Casa
Quello che c'è scritto nel contratto che hai firmato.
IL termine ordinario è di 6 mesi, ma il locatore potrebbe accettare anche un termine più breve., esempio di 3 mesi.
Se il contratto non prevede la facoltà del conduttore di recedere in ogni tempo e il relativo preavviso, la legge consente al conduttore di recedere anticipatamente solamente se esistono gravi motivi. Altrimenti, dovrà attendere la scadenza contrattuale.
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
C'è però l'eccezione ( e te pareva...)

Attenzione: solo per gli atti giudiziari vale la regola opposta; pertanto chi spedisce una citazione, un precetto, un ricorso per mezzo del servizio postale potrà far affidamento sulla data di consegna del plico all’ufficiale giudiziario e non quello di ricevimento dello stesso.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

angelamura ha scritto sul profilo di elisabetta giachini.
sono proprietaria al 50% di un appartamento di una casa bifamiliare. L'altro 50% e di proprietà del mio ex marito,L'altro appartamento che si trova al piano di sotto e' di proprieta' al 50% sempre del mio ex marito e 50% di mia figlia. Ora ci sono delle spese da sostenere per il tetto della casa. Per quanto io devo partecipare ? grazie
Alto