1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. gerico394446

    gerico394446 Membro Junior

    Proprietario di Casa
    Buongiorno avrei un problema con una dichiarazione di conformità dell'impianto termico di casa mia.
    Su tale dichiarazione c'è un errore di compilazione, infatti chi me l'ha compilata (il costruttore che mi ha venduto casa, ce l'aveva in bianco ma firmata e timbrata dalla ditta che gli ha fatto l'impianto) anzichè mettere il mio nome ha messo quello di un altro. Circa un anno fa ho subito un controllo dell'ente addetto, gli ho mostrato tale di.co. e lui mi ha fatto storie sulla proprietà.
    Adesso vorrei sapere come comportarmi in futuro con tale di.co. se dovessi ricevere altre ispezioni, nel senso che non ho intenzione di rimostrarla onde evitare discussioni sulla proprietà.
    Mi sono rivolto a chi mi ha venduto casa e non ha voluto correggerla, poi mi sono rivolto ad un tecnico per far fare una diri sostitutiva ma non si vuole prendere la responsabilità su un impianto non realizzato da lui.
    Infine tale di.co. si rifà alla legge 46/90 per nuovo impianto, e non penso che vi siano altre copie in giro visto da chi è stata compilata e come.
     
  2. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Scusa, tu dove eri quando hanno compilato oppure ti hanno consegnato la Di.Co.?
    Era una contestazione da fare immediatamente e pretendere un docomento intestato a te, o alla proprietà.
    Insisti con il costruttore se resiste fargli scrivere dall'avvocato.
     
  3. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Certo che la prima persona da richiamare all'ordine è l'impresario. Ma, hai pensato di interpellare direttamente alla ditta che è realizzato l'impianto? Probabilmente non esiste più, con la moria attuale! In alternativa, se non vuoi imbarcarti in una contestazione legale dai costi sicuramente elevati e dagli esiti incerti, interpella un'altra ditta che fatte le opportune verifiche, ti rilasci il sospirato documento, sapendo che non sarà indolore.
     
  4. griz

    griz Membro Senior

    Professionista
    scusate, ma secondo me la dichiarazione di conformità è legata all'immobile, dovrà quindi essere specificato correttamente ogni dato relativo a questo, la proprietà non dovrebbe essere rilevante, in caso di vendita dell'immobile la dichierazione di conformità non decade, Mi ssbaglio?
     
  5. gerico394446

    gerico394446 Membro Junior

    Proprietario di Casa
    Casa è mia (ho l'atto e poi ovviamente per stare sicuro ho fatto tutti i controlli, compresa la visura ipocatastale) e la di.co. è stata compilata dal costruttore che me l'ha venduta, il quale ce l'aveva in bianco col timbro e firma di chi gli ha fatto l'impianto.
    Io non sapevo manco cos'era una di.co., e prima me l'ha compilata e poi me l'ha data.
    Ovviamente gli ho detto dell'errore e lui ha detto si ho sbagliato, ma adesso non cancellare il nome se no la società del gas non ti fa l'allaccio.
    La cosa che mi preoccupa è che mostrerò in futuro all'ente dei controlli in caso di nuova ispezione? Perchè io oltretutto dopo la prima ispezione ho cancellato a penna il nome sbagliato e ho messo il mio (proprietario) e come committente il costruttore.
    Ho intenzione di dire semplicemente ho perso la di.co.
    Oltretutto mi hanno trovato pure senza manutenzioni e prove fumi non fatte dal 2007 al 2013 (ne avevo fatta una solo e ce l'avevo annotata sul libretto) ma comunque a distanza di quasi un anno non ho ricevuto multe e spero di non riceverle. A proposito, se rivengono a controllare ovviamente le manutenzioni non fatte negli anni passati non le posso fare, ma sono sempre passibile di multe oppure per quello già sono stato ispezionato?
     
  6. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Griz, concordo con te, Ma se a gerico viene contestata l'intestazione della di.co. ritengo che fosse stata ritenuta irregolare dall'ispettore. Da qui i miei consigli. Certo che se ha corretto l'intestazione e non ha eseguiti i controlli periodici programmati, è un altro discorso.
     
  7. griz

    griz Membro Senior

    Professionista
    se ti adegui alla norma e incarichi un soggetto abilitato a mentenerti la caldaia secondo le prescrizioni, la dichiarazione di conformità non ti servirà più nel senso che non sarà più necesario mostrarla a nessuno a meno che non dovrai vendere l'immobile ma in questo caso se ci saranno problemi troverai qualcuno che ti farà una dichiarazione sull'impianto esistente
     
  8. gerico394446

    gerico394446 Membro Junior

    Proprietario di Casa
    Sulla di.co. non c'è scritto sub foglio ecc., ma piano scala e interno. L'ispettore non voleva farla passare e mi ha chiesto chi è questo? Io gli ho detto è un mio vicino che ha comprato un altro appartamento qua ed è un errore di compilazione di chi l'ha scritta. Però poi nel compilare il rapporto di prova nell'indicazione del proprietario, che doveva semplicemente sbarrare (si compila solo se diversa dall'occupante, come dice l'enea) ha messo un idem alla via (l'altro sulla di.co. è un mio vicino di casa) e basta senza barrare niente.
    Comunque sapere che non dovrò più mostrarla dopo l'adeguamento è un sollievo per me. Ciò vuol dire che se ricevo altra ispezione dicendo l'ho persa non mi fanno niente?
    Nel rapporto di prova inoltre, l'ispettore ha scritto "non è presente documentazione relativa a canna fumaria colletiva".
    Ora mi chiedo devo far certificare la canna fumaria, a cui ho semplicemente fatto misurare il tiraggio (ed è in regola) oppure vale il discorso della di.co e tale documentazione se sono a norma non sono obbligato a tenerla?
     
  9. fiorello64

    fiorello64 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Salve,
    la prima cosa da fare, come correttamente segnalato da Gianco, è verificare se la ditta che ha realizzato l'impianto esiste ancora. Anche qualora la ditta avesse cambiato nome, la persona fisica che ha realizzato l'impianto non farà problemi, dietro pagamento di un piccolo compenso, a rilasciare una dichiarazione di conformità correttamente compilata. Così è stato nel mio caso.
    Invece la dichiarazione corretta a penna potrebbe generare problemi sia in caso di controlli che sicuramente in caso di vendita dell'immobile.
    Saluti.
     
  10. gerico394446

    gerico394446 Membro Junior

    Proprietario di Casa
    Grazie Fiorello della tua risposta, ma io con tale ditta non ho mai avuto nessun legame, nel senso che il committente è il costruttore che mi ha venduto casa.
    L'unico problema per ora è che in caso di futura ispezione non so che fare e non voglio fare un altro guaio come la prima volta quando ho mostrato come un imbecille le fotocopie di una di.co. col nome del mio vicino di casa sopra, cosa che ha fatto fare all'ispettore delle questioni sulla proprietà di casa per le quali mi sono sentito offesoe male. Si fanno tanti sacrifici per comprare casa, e poi arriva uno sconosciuto in casa tua che in base ad una di.co. mal compilata e firmata da un pinco pallino responsabile di una ditta installatrice, che ti dice che non ti può mettere come proprietario nel rapporto di prova. Non ha voluto vedere neanche la visura del catasto perchè ha detto il catasto non è tavolare da noi. Cosa dovevo mostrargli quella ipocatastale, l'atto d'acquisto, l'assegno di pagamento? Vi rendete conto?
    Oltretutto con quell'idem messo così mi ha pure ingannato facendomi credere che la compilazone era corretta, e per fortuna che non ha messo nome e cognome del mio vicino.
    Per quanto riguarda la multa invece, potrebbe ancora arrivarmi o dopo 90 giorni posso stare tranquillo? E in futuro sono sempre passibile di multa per quei controlli e prove fumi non effettuate, o sono stato già giudicato per quello e quindi legalmente è scaduto il tempo per sanzionarmi?
    Grazie
     
  11. fiorello64

    fiorello64 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Scusa se mi ripeto, ma, multe e sentimenti di offesa a parte, la cosa più importante secondo me rimane mettere le cose a posto per il futuro...
    Neanche io conoscevo la ditta istallatrice. Mi sono fatto dare il suo nome, li ho cercati e abbiamo convenuto che io gli commissionavo un lavoro che comunque dovevo fare e loro mi rilasciavano in più anche la dichiarazione di conformità.
    In linea di pricipio rilasciare dichiarazioni di conformità è lavoro normale per ditte autorizzate, solo che qualcuno che non ha fatto l'impianto ha dificoltà à rilasciare dichiarazioni che implicano una responsabilità piuttosto grossa su cose non fatte da lui. Per questo ti consiglio di seguire questa strada. Saluti.
     
  12. gerico394446

    gerico394446 Membro Junior

    Proprietario di Casa
    Grazie fiorello ma per me contattare la ditta risulta difficile (forse non esiste neanche più, ed è di un'altra città), e comunque per il futuro mi preoccupo solo di eventuali ispezioni e non mostrerò più tale di.co. (visto che l'ho pure manomessa, sebbene siano solo fotocopie).
    Facciano pure quello che vogliono, basta che sto in regola con controlli e prove combustione e che l'impianto funziona in maniera sicura.
    E credimi è tosto da digerire che vengano a metterti in discussione il tuo diritto di proprietà basandosi sulla dico fatta da pinco pallino, e compilata da un altro senza nemmeno fare il collaudo, che non è certo un notaio.
    E' come se io venissi in casa tua e ti dicessi" dal documento che ha firmato il barista sotto casa (che tu manco conosci) questa casa non è tua".
    Comunque grazie del consiglio, e se in futuro dovessi vendere casa qualche alternativa la si trova sempre.
     
  13. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Se tu stavi in quella casa e dichiaravi di esserne il proprietario, il funzionario o l'addetto non poteva e non avrebbe dovuto dubitare della tua dichiarazione, posto che ciò non avrebbe alterato il risultato della verifica.
     
  14. gerico394446

    gerico394446 Membro Junior

    Proprietario di Casa
    Scusami lo so che è incredibile, ma io c'ero e appena è venuto con un suo collega il collega s'è seduto e ha cominciato a compilare mentre lui è andato a vedere la caldaia.
    Il collega ha subito chiesto:" Lei è proprietario qui?" E io "si sono proprietario" cosa per altro scritta anche sul libretto che aveva davanti.
    Poi è tornato il collega e ha chiesto la di.co., e allora è cominciato il casino.
    M'ha chiesto "chi è quest'altro sulla di.co? " e io"è un errore di compilazione è un vicino di casa" e non mi ha detto niente Però a questo punto ha strappato il rapporto di prova che stava compilando il collega e ha detto:" dobbiamo rifarlo perchè ci sono troppe cancellature", al che ho capito l'antifona e sono andato a prendere la visura ma non l'ha voluta vedere.
    Poi non m'ha detto niente, ha chiesto "responsabile impianto?" e gli ho detto il nome, poi ha chiesto "occupante?" e non gli ho detto nientete e infine ha chiesto"proprietario?" e ho detto "proprietario, proprietario"(testuali parole). A questo punto ha chiesto al suo collega : " e adesso a proprietario cosa metto?" e l'altro "mettici idem ma alla via" (perchè l'altro sulla di.co. abita allo stesso indirizzo), ma è evidente che sapeva che doveva barrare il campo proprietario senza mettere niente (come da regole di compilazione dell'enea), e quindi non doveva proprio prendermi in giro così. E io come uno stupido ho lasciato fare perchè mi fidavo.
    Comunque non farò entrare più nessuno in casa, istituzioni o no sono la stessa cosa, la gente non si sa che intenzioni ha in testa. Io da quello che ho capito, è che questo ispettore oltre ad essere uno meticoloso e precisino non voleva assumersi nessuna responsabilità nello scrivere qualcosa di inesatto, anche al punto da non seguire le regole di compilazione del rapporto e facendo simili cialtronate e prese in giro.
    Ed evidentemente non si fidava di me, visto la di.co. , il libretto mal compilato (ma li era comunque chiaro il proprietario), le manutenzioni non fatte e il tiraggio della canna fumaria di tipo b mai misurato.
     
  15. casanostra

    casanostra Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Costa circa 150€ dalle mie parti.
     
  16. gerico394446

    gerico394446 Membro Junior

    Proprietario di Casa
    Spendere 150€ per una diri non sarebbe un problema, ma a trovare uno che si prende la responsabilità di certificare un impianto non fatto da lui comprensivo di canna fumaria, che oltretutto è collettiva. Mi chiedo devo averci la diri di una canna collettiva, o spetta all'amministratrice procurarsela? E certificare una canna fumaria costa molto di più di 150 €.
     
  17. griz

    griz Membro Senior

    Professionista
    se vuoi proprio risolvere, prova a cercare la ditta che ha fatto l'impianto,può essere che ti rilascino la nuova conformità a tuo nome magari anche gratis o comunque sarebbe la scelta più economica e senza problemi
     
  18. gerico394446

    gerico394446 Membro Junior

    Proprietario di Casa
    Caro Griz grazie per i consigli, ma dovrei andarli a cercare in un'altra città e non ho mai avuto nessun legame con loro.
    Ma penso che dire di avere perso tutto non sia così grave, tanto comunque non ho la documentazione della canna fumaria che non so se è stata fatta dalla stessa ditta.
    E certificare la canna fumaria è molto più doloroso di 150€, anche se essendo collettiva penso che sia una documentazione che deve avere il condominio e non io.
    La cosa comunque che da fastidio è che non ci si può fidare di nessuno, e non si deve mai far entrare nessuno in casa ne firmare niente. La storia della proprietà e del modo in cui mi ha preso in giro l'ispettore non l'ho digerita, un funzionario pubblico non può comportarsi così e doveva chiarire bene che aveva dei dubbi che io fossi il proprietario, e non farmi credere che stava compilando correttamente il modulo e che mi metteva come proprietario.
     
  19. griz

    griz Membro Senior

    Professionista
    In comune, allegati alla pratica di richiesta dell'agibilità, puoi trovare tutti i certificati emessi e ottenerne copia, vedi tu :)
     
  20. gerico394446

    gerico394446 Membro Junior

    Proprietario di Casa
    Il certificato di agibilità non mi è stato mai rilasciato, l'unica di.co che mi è stata data è quella dell'impianto termico e mal compilata.
    Dubito che ci possa essere qualche copia della di.co. in comune, visto che con la legge 46/90 non c'era l'obbligo da parte della ditta (che comunque ha rilasciato copie timbrate ma in bianco al costruttore) di depositarla.
    Però in comune una capatina all'ufficio tecnico ho intenzione di farla perchè comunque qualche progetto ci deve essere insieme alla scia.
    Comunque se non trovo niente, la di.co attuale che ho la butto proprio, e in caso di nuova ispezione dico che l'ho persa onde evitare casini.
    Male che vada mi multano
    Grazie di nuovo dei consigli.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina