• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

#1
Sto cercando di registrare un contratto di affitto tramite Fisconline (R.L.I.).

Per il contratto in questione ho scelto l'opzione Cedolare Secca.

Quando accedo alla pagina successiva Riepilogo Contratto, pero', appare che c'e' un'Imposta di Registro di 200 euro. Mi vengono poi chieste le coordinate bancarie.

Credevo che l'imposta di registro non fosse dovuta in regime di cedolare secca. Mi sbaglio?

Come devo procedere?
 

uva

Membro Senior
#2
In effetti quando il proprietario esercita l'opzione per la cedolare secca non sono dovute né l'imposta di registro né l'imposta di bollo.

Probabilmente nel tuo caso esiste una garanzia prestata da una persona fisica, quindi il sistema ha calcolato l'imposta di registro sulla garanzia.

Se ne parlava in questa discussione:

Contratto di locazione con garante
 
#4
Grazie Uva, in effetti se rimuovo i garanti dalla forma online l'imposta di registro scompare.

Se pero' reinserisco i garanti a indico una qualunque cifra nel campo "Importo garanzia prestata da terzi", l'imposta di registro di 200 euro riappare.

Mi sembra assurdo che ci sia questa incertezza sulla necessita' di pagare questa imposta.

Che succede se non inserisco i garanti nella forma online?

Non voglio fare nulla di illegale, ma neanche pagare una tassa che non e' dovuta...
 

uva

Membro Senior
#5
A me risulta che l'addebito dell'imposta di registro per la garanzia quando il contratto è in cedolare secca dipende dal codice che si inserisce sul mod. RLI per quanto riguarda il "tipo di garanzia".

codice 1 (fideiussione prestata da terzi): non si paga l'imposta

codice 2 (garanzie di terzi diverse dalla fideiussione): si paga l'imposta, anche in caso di opzione per la cedolare secca.

Può essere che registrando il contratto all'Agenzia delle Entrate gli impiegati non facciano caso a questa distinzione. E non si paghi l'imposta anche se il contratto in cedolare secca prevede un garante (come ha detto @eleonora buda ).
 

uva

Membro Senior
#6
Che succede se non inserisco i garanti nella forma online?
Potrebbe succedere che se questo tuo "errore" (o dimenticanza volontaria...) viene in qualche modo scoperto dovrai pagare l'imposta di registro relativa alla garanzia. Magari aumentata per qualche sanzione.

Hai provato ad informarti in merito presso l'Agenzia delle Entrate?
 

basty

Membro Storico
#7
A me risulta che l'addebito dell'imposta di registro per la garanzia quando il contratto è in cedolare secca dipende dal codice che si inserisce sul mod. RLI per quanto riguarda il "tipo di garanzia".

codice 1 (fideiussione prestata da terzi): non si paga l'imposta

codice 2 (garanzie di terzi diverse dalla fideiussione): si paga l'imposta, anche in caso di opzione per la cedolare secca.

Può essere che registrando il contratto all'Agenzia delle Entrate gli impiegati non facciano caso a questa distinzione. E non si paghi l'imposta anche se il contratto in cedolare secca prevede un garante (come ha detto @eleonora buda ).
Se non ricordo male, la regola è un po' diversa:

1) hanno definitivamente stabilito che per la garanzia tramite fidejussione non è dovuta la extra imposta: cioè avrebbero recepito che anche se prestata da un istituto bancario o assicurativo, è sempre a fronte di un sottostante di garanzia intestato al sottoscrittore del contratto. (e vale sia in CS che con IRPEF ordinaria, sempre se la memoria non mi inganna)
2) per garanzie di terzi, non parti del contratto (genitori o altro) è invece sempre dovuta l'extra imposta fissa di 200€

Una possibile alternativa è eliminare dal contratto registrato l'accenno alla garanzia, e sottoscrivere in sua vece una scrittura privata con le garanzie richieste: che si registrerà solo in caso d'uso.
 
#8
Infatti, Uva, nel mio caso si applica il codice 2 (garanzie di terzi diverse dalla fideiussione) e scatta l'imposta di registro.

Ho provato a telefonare all'Agenzia delle Entrate ma mi trovo all'estero e il loro numero verde non e' raggiungibile. Conoscete un altro modo per contattarli su questo punto?
 
#9
Una possibile alternativa è eliminare dal contratto registrato l'accenno alla garanzia, e sottoscrivere in sua vece una scrittura privata con le garanzie richieste: che si registrerà solo in caso d'uso.
Il problema e' che i garanti hanno firmato il contratto e vivono in altri comuni, quindi l'idea di fargli firmare una scrittura privata e' di difficile realizzazione.
 

basty

Membro Storico
#12
Una cosa è certa: usando RLIweb o RLIoffline, non hai scampo: risponde come programmato.

per sperare in una interpretazione (dubbia) a te favorevole dovresti recarti presso l'ufficio giusto. Non so quanto possa costarti il viaggio.

Secondo me il dubbio interpretativo di Agenzia delle Entrate riguardava solo le fideiussioni, non le garanzie di PF estranee al contratto. Ma non escludo che in qualche ufficio poco aggiornato si facesse di tutta un'erba un fascio.
 

basty

Membro Storico
#15
Per altro l'imposta sulla garanzia è conseguenza di una scarsa affidabilità dell'inquilino: e non è detto valga la regola del 50%, relativa in genere solo alla registrazione base.
Se il locatore chiedesse per intero all'inquilino o garante questo extra costo, non credo farebbe un illecito.
 
Piaciuto: uva
#16
A me risulta che l'addebito dell'imposta di registro per la garanzia quando il contratto è in cedolare secca dipende dal codice che si inserisce sul mod. RLI per quanto riguarda il "tipo di garanzia".

codice 1 (fideiussione prestata da terzi): non si paga l'imposta

codice 2 (garanzie di terzi diverse dalla fideiussione): si paga l'imposta, anche in caso di opzione per la cedolare secca.
Ho parlato oggi co con un agente immobiliare, che ha suggerito un'interpretazione per me molto interessante.

Secondo lui, l'opzione 1 (fideiussione prestata da terzi) non si riferisce come io credevo ad una fideiussione bancaria, ma include la garanzia prestata da persona fisica come nel caso ad esempio di un genitore che funge da garante per il figlio nel contratto di locazione.

In effetti la definizione legale di fideiussione (o fidejussione come la chiama l'Agenzia delle Entrate) mi sembra perfettamente compatibile con questo ruolo.

dal sito Che cos'è una fidejussione (Art. 1936 C.C.)


Così recita l'Art. 1936 del Codice Civile in materia di Fidejussioni:
"E' Fideiussore colui che, obbligandosi personalmente verso il creditore, garantisce l'adempimento di un'obbligazione altrui. La Fideiussione è efficace anche se il debitore non ne ha conoscenza.".
La Fideiussione, quindi è, una garanzia prestata da un soggetto terzo, a favore del creditore, che crea un nuovo rapporto obbligatorio accessorio all'obbligazione principale, fra lo stesso creditore ed un altro debitore che, si aggiunge con il suo patrimonio a rafforzare la garanzia del creditore. Fonte dell'obbligo del fideiussore può essere tanto la legge quanto la volontà delle parti.
 
Piaciuto: uva

uva

Membro Senior
#17
Secondo lui, l'opzione 1 (fideiussione prestata da terzi) non si riferisce come io credevo ad una fideiussione bancaria, ma include la garanzia prestata da persona fisica
Interpretazione interessante.
Però io non capisco qual è la differenza fra il caso di cui al codice 1 (fideiussione prestata da terzi, nel caso in cui il terzo sia una persona fisica) e quello di cui al codice 2 (garanzia di terzi diversa dalla fideiussione).
Per quanto espresse con termini diversi, a me pare che i due tipi di "garanzia" siano sostanzialmente la stessa cosa.
Ma io non conosco a fondo la materia, quindi forse mi sbaglio.
 

uva

Membro Senior
#18
Se il locatore chiedesse per intero all'inquilino o garante questo extra costo, non credo farebbe un illecito.
Penso che tu abbia ragione, però a me è capitato che l'inquilino (a cui avevo chiesto di pagare l'imposta di registro dovuta per la garanzia) mi abbia risposto "il proprietario ha preteso la presenza di un garante, quindi la tassa se la paghi lui!"
Così si è deciso di pagarla metà il proprietario e metà l'inquilino (o il suo garante).
 
#19
Interpretazione interessante.
Però io non capisco qual è la differenza fra il caso di cui al codice 1 (fideiussione prestata da terzi, nel caso in cui il terzo sia una persona fisica) e quello di cui al codice 2 (garanzia di terzi diversa dalla fideiussione).
E' un dubbio che ho anche io, pero' da un punto di vista pratico l'importante e' che il codice 1 (che non comporta alcuna imposta di registro) sia compatibile con la presenza di un garante, il che adesso mi sembra difficile da contestare.

Se si accetta che la definizione di fideiussione include la garanzia fornita da una persona fisica, scegliere il codice 2 sarebbe comunque sbagliato.
 

uva

Membro Senior
#20
l'importante e' che il codice 1 (che non comporta alcuna imposta di registro) sia compatibile con la presenza di un garante, il che adesso mi sembra difficile da contestare.
Quindi per evitare contestazioni mi sembra opportuno che la clausola contrattuale non parli né di "garante" né di "garanzia"; bensì di "fideiussore" (la persona fisica che assicura al proprietario ciò che noi pensiamo sia una garanzia) e di "fideiussione" (la garanzia da lui prestata).
Forse basta cambiare i termini, anche se la sostanza a me pare sia sempre la stessa.

Controlla cosa c'è scritto sul contratto di locazione!
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Salve,dal 20 settembre 2017 sono venuto ad abitare con una famiglia a cui ho prestato la mia opera di badante per un loro cugino gravemente ammalato, che è deceduto dopo un mese,la famiglia di sua spontanea volontà mi fece la proposta di rimanere a vivere con loro fin quando non avrei trovato un'altra lavoro ma non mi avrebbero pagato per dare una mano in casa,mi dovevo accontentare di vitto e alloggio
moralista ha scritto sul profilo di luciano155.
ma non c'è neanche il profilo di luciano155
tanti auguri a tutti buone feste e tante belle cose lella
anche x marinarita grazie della comprensione ...comunque c'e' legge nuova x tutelare proprietari case ….noi alla fine da 1 giugno 2013 a 7 luglio 2017 mai pagato affitto 4 anni piu' spese tribunale avvocati tasse ...ecc. se pagava onestamente l'affitto tutti i mesi non sarebbe in questa situazione le lasciano meta' stipendio….tanti anni ...non so se ne valeva la pena non pagare l'affitto ….giustizia e' fatta
x uva ---finalmente finita con sentenza tribunale milano dato che la nostra inquilina aveva fatto 2 finanziarie …???? il 29 novmbre tribunale milano ci ha messo primi creditori sul quinto dello stipendio ...tutto specificato debiti avvocato 4 anni affitto mai pagato ….la tipa si e' presentata urlando ...la giudice ci ha inserito primi creditori prenderemo tutto da subito con quinto dello stipendo .finita bene kiss
Alto