• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Marali

Membro Attivo
Proprietario Casa
Buon giorno, sono socia di una Srl proprietaria di un immobile suddiviso in sei appartamenti, con giardino condominiale e piscina.
Se affittassimo gli appartamenti ed un componente della famiglia di un conduttore (o un suo ospite) subisse un infortunio in piscina potremmo essere ritenuti responsabili noi? Per esempio: se un bambino fosse lasciato solo a giocare in giardino senza il controllo di un adulto e cadesse in piscina?
Grazie
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
No, non dovresti avere problemi se è stato redatto un certificato di agibilità con il quale si certifica che l'immobile è totalmente regolare e rispetta tutte le norme.
 

Franci63

Membro Senior
Proprietario Casa
Per esempio: se un bambino fosse lasciato solo a giocare in giardino senza il controllo di un adulto e cadesse in piscina?
Grazie
Dipende dalla profondità della piscina (mi pare che sopra 1,40 m sia necessaria la presenza del bagnino), e dalla presenza di recinzioni che separino la zona piscina dal resto.
 

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
potremmo essere ritenuti responsabili noi?
Le responsabilità vi sarebbero se la piscina non fosse a norma (specie per gli impianti di depurazione come fatti in cronaca di questa estate).

I minori sono in responsabilità ai genitori e i bagnini non mi risultano previsti nelle strutture private.

Giusto per togliersi il pensiero residuo...opportuna clausola in contratto.
 

Franci63

Membro Senior
Proprietario Casa
minori sono in responsabilità ai genitori e i bagnini non mi risultano previsti nelle strutture private.
Abbiamo appena diminuito la profondità della nostra piscina condominiale, per evitare l’obbligo del bagnino.
Non so se altrove (siamo in Lombardia) è diverso.
 

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
La piscina "condominiale" potrebbe comportare corresponsabilità... ma non è che non si possa annegare anche con ben meno di 140 cm. quando si tratta di un bambino .
 

Franci63

Membro Senior
Proprietario Casa
La piscina "condominiale" potrebbe comportare corresponsabilità... ma non è che non si possa annegare anche con ben meno di 140 cm. quando si tratta di un bambino .
Concordo, ma non sono io (purtroppo e per fortuna ;)) a stabilire le norme.
In ogni caso, come hai detto, i bambini non dovrebbero poter accedere alla piscina senza un adulto.
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Dipende dalla profondità della piscina (mi pare che sopra 1,40 m sia necessaria la presenza del bagnino), e dalla presenza di recinzioni che separino la zona piscina dal resto.
Comunque l'adozione di certe misure di sicurezza sono a carico del conduttore o del gestore.
 

Franci63

Membro Senior
Proprietario Casa
Comunque l'adozione di certe misure di sicurezza sono a carico del conduttore o del gestore.
Dipende da quali misure.
Controllare i propri figli è a carico dei genitori.
Recintare la piscina, regolamentarne l’uso e avere un bagnino se obbligatorio,a carico del proprietario dell’immobile.
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
O del conduttore nel caso postato. Il proprietario una volta che ha dato in affitto, non può certamente accollarsi l'onere ed il rischio di come e con quale attenzione venga utilizzata la piscina anche in presenza di minori.
 

Franci63

Membro Senior
Proprietario Casa
Ma deve mettere in atto tutte le prescrizioni di legge sulle obbligatorie misure di sicurezza e igiene, per rendere la piscina fruibile dai conduttori senza rischi .
Come deve dotare un balcone di un parapetto, allo stesso modo deve recintare la piscina; se poi uno scavalca e si butta ... balcone o piscina sono fatti suoi.
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Ma deve mettere in atto tutte le prescrizioni di legge sulle obbligatorie misure di sicurezza e igiene, per rendere la piscina fruibile dai conduttori senza rischi .
Il presupposto era:
No, non dovresti avere problemi se è stato redatto un certificato di agibilità con il quale si certifica che l'immobile è totalmente regolare e rispetta tutte le norme.
 

Luigi Criscuolo

Membro Storico
Proprietario Casa
Il proprietario una volta che ha dato in affitto, non può certamente accollarsi l'onere ed il rischio di come e con quale attenzione venga utilizzata la piscina anche in presenza di minori.
non ne sono così certo. Alcune clausole anche se riportate cautelativamente nei contratti d'affitto non esimono il proprietario dalla responsabilità oggettiva. Nel caso specifico se c'è un giardino con al centro una piscina, non recintata, e/o non sorvegliata, non dico il proprietario ma tutto il condominio di villette che possono accedere al giardino è ritenuto responsabile salvo poi essere scagionato se dimostra l'omessa sorveglianza dei genitori e parenti o baby sitter.
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Alcune clausole anche se riportate cautelativamente nei contratti d'affitto non esimono il proprietario dalla responsabilità oggettiva. Nel caso specifico se c'è un giardino con al centro una piscina, non recintata, e/o non sorvegliata, non dico il proprietario ma tutto il condominio di villette
Quando hai deciso se il proprietario è responsabile, me lo fai sapere?
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Forse stai dimenticando che non si tratta di una abitazione singola, ma di un contesto di 6 appartamenti con giardino e piscina comune (diciamo uno pseudo-condominio)
Il conduttore o il gruppo che ha preso il complesso in affitto. Va meglio così? Comunque, non il proprietario che avendo dato in locazione non può gestire direttamente.
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
Il conduttore o il gruppo che ha preso il complesso in affitto. Va meglio così? Comunque, non il proprietario che avendo dato in locazione non può gestire direttamente.
Mi pare vada anche peggio: dubito che esista un gruppo che abbia preso in locazione tutti e 6 gli appartamenti.....
Il nostro ha scritto:
Se affittassimo gli appartamenti ed un componente della famiglia di un conduttore (o un suo ospite) subisse un infortunio in piscina
 

Franci63

Membro Senior
Proprietario Casa
Comunque, non il proprietario che avendo dato in locazione non può gestire direttamente.
Ma deve dare in locazione un immobile a norma.
E se la piscina è profonda più di 1,40 e non è sorvegliata, o non è recintata, con cartelli che ne spiegano orari e limiti di utilizzo, è responsabile il proprietario.
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Ma deve dare in locazione un immobile a norma.
Avevo premesso che l'immobile nel suo complesso avesse avuto il certificato di agibilità. Ciò vuol dire che è perfettamente in regola con tutte le norme relative al tipo di immobile, compresa la piscina. Se ci fossero delle irregolarità, tale certificazione non può essere rilasciata.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

angelamura ha scritto sul profilo di elisabetta giachini.
sono proprietaria al 50% di un appartamento di una casa bifamiliare. L'altro 50% e di proprietà del mio ex marito,L'altro appartamento che si trova al piano di sotto e' di proprieta' al 50% sempre del mio ex marito e 50% di mia figlia. Ora ci sono delle spese da sostenere per il tetto della casa. Per quanto io devo partecipare ? grazie
Alto