1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. Plutonia

    Plutonia Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Non so quale sia la sezione corretta, ma visto il probabile o possibile contenzioso potrebbe essere inserito in altra sezione. :confuso: Il problema è questo:

    In un complesso di costruzioni a schiera due abitazioni confinanti tra loro, sono dotate autonomamente di fosse biologiche, e di tubature di scarico dei soli residui liquidi che confluiscono nelle fognature comunali. Le tubatura distinte, attraversano però il giardino di una sola abitazione e confluiscono in un pozzetto di ispezione della stessa proprietà, prima di scaricare nella fognatura comunale. Il tutto funziona se i due proprietari provvedono periodicamente a far svuotare le rispettive fosse biologiche per evitare che residui solidi si accumulino nel pozzetto di ispezione.
    Infatti la mancata pulizia, prolungata nel tempo, impedisce il regolare deflusso dei liquami, ostruisce le tubature stesse creando tracimazioni ed allagamento degli scantinati anche per le piogge torrenziali di questi ultimi tempi.
    Il proprietario che beneficia dello scarico altrui, però, è poco interessato ad una regolare manutenzione, e quindi disagi e allagamenti risultano a danno di uno solo dei proprietari.

    Quesiti:
    A) si può considerare una servitù?
    B) si può revocare e costringere il proprietario a realizzare uno scarico fognario autonomo senza interferire con proprietà altrui? Con quali modalità?:sorrisone:
     
  2. Adriano Giacomelli

    Adriano Giacomelli Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Dovreste avere documenti negli atti di acquisto dove risulti se si tratta di servitù od altro. In mancanza di precisazioni, la pulizia del pozzetto è opera da fare ciclicamente a spese divise. Se uno non paga o si rifiuta di collaborare, chi è proprietario del terreno, non ha traccia di atti di servitù, chiude il pozzetto e ...... i problemi sono dell'altro.
     
  3. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    E' necessario sapere che le acque meteoriche non possono essere convogliate nella fogna nera, devono andare nell'apposita fogna bianca ed in mancanza di essa nella cunetta pubblica. Mentre le acque luride possono andare direttamente nell'apposito collettore fognario, saltando la fossa biologica. Esaminando il caso è evidente che si tratta di una servitù, probabilmente istituita "per destinazione del padre di famiglia", ovvero dal costruttore di entrambi i fabbricati. E soprattutto anche la servitù può essere usucapita se trascorrono vent'anni dalla sua realizzazione nel terreno altrui. Infine, io non consiglierei di bloccare il deflusso di una condotta, perché anche se fosse abusiva, si incorrebbe nel reato di esercizio arbitrario delle proprie ragioni.
     
    A Daniele 78, Luigi Criscuolo e Adriano Giacomelli piace questo elemento.
  4. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    I proprietari degli scantinati possono chiedere i danni provocati alle loro cantine per la carenza di manutenzione delle proprie fosse biologiche in carico ai singoli proprietari e del pozzetto di ispezione comune ai due proprietari.
    Ci sarebbe anche la via dell'ufficio di igiene del comune, o dei vigili urbani, o dei vigili del fuoco da chiamare nel momento in cui si verificano le tracimazioni.
     
  5. Plutonia

    Plutonia Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Nessun documento in quanto la fognatura comunale è stata fatta dopo la costruzione dell'immobile e ........ i problemi sarebbero miei e non di colui che si rifiuta di collaborare.

    Trattandosi di un servizio che il condomino utilizza quotidianamente, di cui proprio non si preoccupa, non capisco come si possa esercitare il diritto di usucapione considerando anche il fatto che ci sono già stati due proprietari diversi (ambedue zozzoni!)
    Scarico acque chiare: Trattasi di scarichi realizzati prima che fosse realizzato l'attuale impianto fognario comunale. D'altra parte mi risulta che lo scarico delle acque chiare sia piuttosto confuso (vedi ad es. quello delle caditoie a bordo strada). Nella fattispecie si tratta di un impianto efficiente se, ovviamente la manutenzione fosse adeguata.

    L'intervento dell'ufficio igiene, vigili urbani, vigili del fuoco etc: Sono tutti interventi a posteriori, quando il danno è già avvenuto. La mia intenzione è viceversa proprio quella di prevenire il danno e di evitare rimpalli di responsabilità e controversie legali che non gioverebbero a nessuno.:occhi_al_cielo:
     
  6. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    La presenza delle caditoie stradali è la prova che esiste la fognatura delle acque bianche. Mentre è vietato tassativamente far confluire le acque nere in detta fogna: devono essere separate, pena problemi di carattere penale. L'usucapione si perfeziona cumulando i tempi dei fruitori che si sono succeduti ininterrottamente, pubblicamente e senza alcuna contestazione.
     
    A magia2002 piace questo elemento.
  7. magia2002

    magia2002 Membro Junior

    Proprietario di Casa
    A mio parere , una volta che il tuo Comune ti fornisce della fognatura pubblica , all' interno del centro abitato le fosse biologiche si devono eliminare . Molto probabile che le fosse biologiche sono ancora in esercizio perche' gli scantinati sono adibiti a cucina e bagno e per superare il dislivello si ha bisogno della fossa biologica con una pompa tritatutto .Ma se lo scantinato non ha la destinazione d'uso di cucina e bagno , si sta commettendo un abuso edilizio e comunque chi cagiona un danno ne deve rispondere soprattutto se tale danno e' causato per incuria e menefreghismo . Se c'e' promiscuita delle acque bianche con le nere ugualmente stai commettendo diversi illeciti che soprattutto il gestore delle acque ed il tuo Comune non tollera . Dovresti far capire ai tuoi vicini che se appunto non si manutenzionano i loro impianti tu potresti partire con le varie segnalazioni per cambio destinazione d'uso dello scantinato , per promiscuita' acque bianche e nere che comportano un sovraccarico per il depuratore , per l'igiene e salubrita' compromessa dai liquami che fuoriescono ecc.ecc. .
    I tuoi vicini dovrebbero ribaltare le fogne sulla infrastruttura pubblica a caduta ,posandosi i tubi nello scantinato ( ricoprendoli con un cartongesso ) e separare le acque nere dalle acque bianche .
    saluti Giuseppe
     
  8. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    parlate tutti di rete bianca e rete nera ma quanti comuni hanno la copertura totale del territorio con la doppia rete di smaltimento? Ci sono ancora comuni che non sono riusciti ad avere i finanziamenti e non hanno ancora completato la rete nera che è quella universale.
    Poi vorrei fare una osservazione le acque raccolte dalle caditoie stradali non sono propriamente bianche ma grigie perché l'olio e la polvere dei pneumatici presenti sull'asfalto, oltre alle deiezioni canine (ed umane) ed a tutto il resto che l'acqua di pioggia trasporta nella caditoia conferisce a questo scarico delle carateristiche per le quali devono essere trattate in impianti più simili a quelli che depurano le reti fognarie industriali.
    Secondo me le acque raccolte dai tetti, a falda o piani, dopo una vasca di sedimentazione, potrebbero essere disperse nel sottosuolo perché se si fanno confluire nelle caditoie stradali primo provocano il rigurgito delle caditoie stesse (forse non avete idea, come i progettisti delle caditoie, di quanta acqua raccoglie un tetto sopratutto se piove forte e si vive un centri ad alta densità abitativa), secondo diluiscono la concentrazione degli inquinanti e contenporaneamente aumentano il volume di acqua da trattare (aumentando così i costi di depurazione).
    Per ritornare al problema di @Plutonia se c'é la fognatura pubblica su strada basta fare la domanda di"imbocco in fogna" degli scarichi domestici; un tubo solo che parte dal pozzetto di raccolta del proprietario "trasandato" ed arriva in un pozzetto nel tuo giardino dove confluiscono i tuoi scarichi domestici e da qui un solo tubo, magari più capiente, che va in fognatura.
    L'allaccio in fognatura richiede un pozzetto di ispezione con valvola antiriflusso per impedire che in caso di sovraccarico la fognatura comunale risalga nelle case, sopratutto se ci sono servizi che si trovano sotto il piano stradale.
     
    A Ennio Alessandro Rossi e Daniele 78 piace questo messaggio.
  9. magia2002

    magia2002 Membro Junior

    Proprietario di Casa
    le caditoie stradali vengono considerate fogne bianche e non vengono depurate , a meno che non si tratta di siti industriali inquinati . Seppure il vicino ha un diritto di una servitu' di servizio ( anche se non c'e' nessuno scritto , dopo 15 anni si acquisisce ) , ha il dovere di manutenzionarlo soprattutto se tale servitu' crea un pericolo di salute pubblica .se non vuoi obbligare il tuo vicino tramite segnalazioni ai vigili urbani -asl ecc. l'unica strada rimane nel impermeabilizzare tutto lo scantinato ,in modo da non far piu'entrare i liquami .Rimane comunque il problema degli odori fognari. Molto probabile che pure plutonia abbia delle irregolarita e giustamente non effettua le segnalazioni agli organi preposti .o riesi a sanare i tuoi abusi , oppure vendi e ti compri una casa singola con giardino su quattro lati con una fascia di almeno 50 metri dai tuoi vicini .
     
  10. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    @ magia2002 la distinzione tra acque bianche ed acque nere è relativamente recente: seconda metà degli anni '70; fino allora c'erano solo fognature miste (scarichi domestici assieme alle acque meteoriche) ed i comuni sprovvisti di fognatura potevano accedere ai finanziamenti dello stato per costruire la rete fognaria civica. Non dimentichiamo anche che in taluni posti del centro meridione d' Italia le acque raccolte dai tetti, sopratutto piani, hanno i discendenti che scricano sul marciapiede. E non dimentichiamo pure le problematiche da affrontare per installare una rete di smaltimento delle acque cosidette "bianche" in centri dove il sottosuolo è congestionato di servizi: acqua potabile, luce, gas, telefonia.
    Quello he ho scritto nel mio intervento precedente è una mia personalissima opinione non è la legge. Tuttavia il mio pensiero si basa su alcune osservazioni e convincimenti: il primo è che, oggi, le acque raccolte dalle caditoie, dai grigliati e dai tombini in ambito urbano hanno una carica inquinante chimico-biologica superiore a quelle degli scarichi domestici; ed anche nel caso questa mia affermazione non fosse confermata dalle analisi di laboratorio, le caratteristiche chimico-biologiche di queste acque "grigie" sono tali da sconsigliare lo scarico diretto nel sottosuolo, in falda, nei corpi idrici superficiali.
     
  11. Plutonia

    Plutonia Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Peccato che proprio il Comune abbia realizzato il collegamento (circa 4 metri a gomito) tra il pozzetto di ispezione e la fognatura sotto il piano stradale; quindi è perfettamente al corrente dell'esistenza delle biologiche a monte e meno male che ci sono perché la manutenzione comunale, e non solo, lascia a desiderare. Per quanto mi riguarda credo di essere in regola perché ho già effettuato le segnalazioni sia al comune che all'ispettorato delle acque per una manutenzione (che manca da oltre 15 anni).
    Dice bene Luigi Criscuolo:
    manca proprio la valvola antiriflusso!
    Mi sono resa conto però da questa discussione quanto sia difficile descrivere ai lettori una situazione (che a me sembrava chiarissima): le 2 biologiche sono separate ed hanno ciascuna il proprio tubo di scarico che scorre per circa 30 metri sotto il mio giardino prima di confluire ambedue nel pozzetto di ispezione dal quale parte il tubo più grande che fa da collettore a gomito con la fognatura della strada(fatto dal comune). Ed è proprio controllando questo pozzetto dopo i violenti acquazzoni di circa 20 giorni fa che ho appurato quanto evidenziato in apertura della discussione.
    Il comune e l'ispettorato alle acqua hanno garantito il loro intervento straordinario ed è per questo che il comportamento del vicino mi preoccupa: le altre case a schiera del complesso sono tutte collegate singolarmente alla fognatura sotto strada dopo il passaggio dalla biologica (l'unico sfigato ad avere un tale vicinato sono io).
    Ringrazio tutti per la collaborazione ed i suggerimenti.:fiore:
     
  12. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    non vorrei spargere sale su una piaga ma la valvola antiriflusso è una attrezzatura che va installata nel pozzetto di ispezione a spese di chi richiede l'allaccio in fognatura. ti mando una sezione di un allaccio in fognatura di un tizio che ha convertito le cantine in sala hobby con bagno ed angolo di cottura. sezione.jpg
     
  13. Plutonia

    Plutonia Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Grazie Criscuolo, sicuramente esaustivo lo schema, unica differenza: la costruzione e la biologica si trovano si trovano a circa 2 metri e mezzo più in alto della sede stradale in quanto il terreno prevede poi il giardino degradante fino al livello strada.
    Il punto critico si trova (con rif. al tuo schema) nel pozzetto dopo la vasca di calma ...... è lì che confluiscono i due tubi di scarico mio e del "famoso vicino" e dallo stesso pozzetto parte il tubo di allaccio (onere dell'ispettorato alle acque) alla fognatura comunale (venerdì il comune ha provveduto alla manutenzione straordinaria di competenza con la pulizia della caditoia NB per l'occasione ha provveduto alla pulizia di tutti i pozzetti della strada!
     
  14. Daniele 78

    Daniele 78 Membro Storico

    Professionista
    Bravo ottima deduzione, nessun comune o pochi hanno queste reti bianche, e quando la possiedono non copre tutto il territorio comunale ma poche vie se non una. Qua su 5 Comuni su cui opero regolarmente c'è nè uno che ha una fogna bianca (èperò la possiede per un piccolo tratto di 200-300mt e basta) il resto tutte fogne normali questo ancora oggi nel 2014; e ciò perchè demolire completamente una strada infilare tubi del diametro minimo di 500mm ad una profondità dai 3mt in sù per una lunghezza anche di qualche chilometro costa parecchio...ecco perchè mancano ancora oggi, ma queste cose sono sicuro che le conosci anche tu.

    Non è assolutamente detto, molti comuni hanno fognature con si la caditoia ma aprendo il pozzetto (magari in occasione di un pulizia, uno spurgo o valutare l'altezza per eseguire un nuovo allacciamento) quelle caditoie direttamente scaricano nelle fogne acque luride.
    Quando manca la fognatura acque bianche si utilizzano i "pozzi a perdere" all'interno della proprietà e il resto lo si porta nelle acque nere.
    @Plutonia in realtà la valvola antiriflusso con collo d'oca (identica praticamente al sifone del WC) ha anche i suoi contro.
    Da una parte impedisce all'acqua della fogna di scaricare, ma dall'altra ,specialmente quando la fogna è piena ed è in pressione (vedi nubifragi e simili) la valvola antiriflusso impedisce anche alla parte a monte di scaricare.

    Buona norma è avere un 60/70 cm almeno di delta tra il fondo del fognolo e la parte inferiore del nostro tubo che si allaccia in fogna in modo da prevenire il più possibile un "tappo dell'antiriflusso" e del blocco della parte a monte che non riesce più a scaricare.
     
    Ultima modifica: 7 Novembre 2014
  15. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Da noi è tassativamente vietato convogliare le acque meteoriche nella fogna nera: è un reato. Come lo è usufruire di una fossa settica perdente. Il collo d'oca preposto all'innesto della fogna pubblica funge da sifone con il solo scopo di evitare il passaggio dei gas presenti da questa nella condotta domestica.
     
  16. Daniele 78

    Daniele 78 Membro Storico

    Professionista
    In tutta Italia è come dici tu, sta di fatto che le stesse strade comunali che portano le acque nere hanno ancora la griglia per la captazione dell acque bianche, proprio perchè le strade NON hanno uno scarico acque bianche (ma è così da decenni mica me lo sto inventando ora, la legge direbbe una cosa e la realtà un'altra). Per cui per legge dovrebbero ma nella realtà non è così e non puoi neanche farlo in tempi brevi...devi demolire quasi tutte le vie e sdoppiare gli scarichi per stare dietro alla legge con conseguente enorme spesa per rifarle tutte. Ecco perchè almeno da noi si usa IL "POZZO PERDERE" all'interno della tua proprietà SOLO ed ESCLUSIVAMENTE per scaricare ACQUE BIANCHE.

    Il problema non è il collo d'oca è l'antiriflusso in sè (insomma lo sportellino con la molla), perchè se va in pressione la fogna comunale (raro ma in caso di forti nubifragi e o peggio alluvioni è più che possibile) l'antririflusso impedisce sia che la fogna comunale tracimi sull'allaccio, ma impedisce anche la restante parte del tubo a monte della valvola di scaricare (che in caso di pioggia si riempie anche quella).
     
  17. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Quale sarebbe la sanzione penale prevista per l'inosservanza di tale divieto?
     
  18. magia2002

    magia2002 Membro Junior

    Proprietario di Casa
    Ciao Nemesis , anche io abito in Sardegna , dove Abbanoa e unico gestore delle acque per tutta la Regione. Ti rigiro delle e- mail di risposto che ricevetti anni fa a seguito una mia richiesta di come appunto predisporre gli scarichi anche dei cortili della mia villetta a schiera .
    Sicuramente ci sono anche reati penali perche' se a seguito dei tuoi errati collegamenti e di parecchi altri tuoi concittadini , il depuratore potrebbe andare in tilt , a seguito di una forte pioggia ( ovviamente il depuratore non e' dimensionato per gestire tutta questa acqua ) e si sta creando un inquinamento ambientale . Perche' tutti i liquami che si riversano anche nei giorni seguenti non vengono piu' depurati e andrebbero a riversarsi in mare-fiume-stagno senza essere depurate .Ci vuole diverso tempo prima che i batteri ed altri sistemi depurativi ricomincino nella loro azione. Sempre e comunque stai facendo depurare metri cubi d'acqua al gestore senza pagare niente e anche quello e' un reato penale . Nella bolletta dell' acqua sono indicati i mc di acqua consumata e per gli stessi mc paghi anche la depurazione . Invece con le acque meteoriche che fai affluire nelle acque nere tu stai depurande acque bianche che non avrebbero bisogno di tale servizio a gratis e contemporaneamente stai compromettendo la corretta funzionalita' del depuratore con inl pericolo di inquinamento ambientale.

    saluti Giuseppe

    Buongiorno, in merito alla sua richiesta le comunico che lo scarico delle acque deve essere diversificato. Le acque meteoriche e quelle di dilavamento cortili e piazzali devono essere convogliate nel collettore delle acque bianche. Queste acque infatti non possono essere scaricate nel collettore delle acque nere in quanto le stesse non sono dimensionate per ricevere queste incontrollate quantità di scarichi e quando questo avviene, sopratutto in concomitanza di consistenti piogge, si verificano gravi scompensi nel sistema di smaltimento, che spesso comportano rilevanti danni agli immobili.

    Saluti
    Abbanoa Spa
    Via Straullu 35, 08100 Nuoro
    Tel. 0784.213600Email: info@abbanoa.itweb: www.abbanoa.itinfo.distretto4
    Tel.: 0783.36661
    Fax: 0783.72206Email: info.distretto4@abbanoa.it
    ___________________________________________________________________________________________________________________

    Ciao Gentile Cliente.
    Il Regolamento della S.II. (punto c.4.1 prevede che per i nuovi insediamenti è fatto obbligo di prevedere la separazione tra acque domestiche (cosidette " luride") ed acque meteoriche , evidentemente in funzione del diverso tipo di smaltimento di queste ;infatti ,ordinariamente, non rientra tra i compiti del gestore del S.I.I. la gestione di reti di acque bianche.

    Distinti Saluti.
    Abbanoa spa
     
  19. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Caro @magia2002 dalle risposte che ti ha mandato Abbanoa sembrerebbe che tutti, ciooè città, paesi e frazioni della Sardegna possiedono la doppia rete di smaltimento degli scarichi. Sai, una cosa è recepire una direttiva e legiferare, un'altra cosa è l'applicazione della legge sul territorio. Sai quante fosse imhoff si vendono in sardegna? E cosa credi che la gente le acquisti? per fare guadagnare il venditore? Le tue acque bianche, quelle che provengono dai tetti, sono un problema del cittadino, per cui viene vessato; le acque grigie raccolte dai tombini e caditoie stradali (dove ci sono) che sono di competenza comunale o del S.I.I. dove vanno?
    Io abito a Roma, e non per ostentare il mio censo, abito in un quartiere residenziale (Balduina) non mi risulta che nel quartire ci sia la doppia rete di smaltimento degli scarichi. Posso sostenere ciò perché ogni due tre anni nel quartiere si aprono delle voragini per via delle perdite delle fognature e della grossa condotta di A.P. che proviene dalla stazione di pompaggio di Monte Mario. Ti posso assicurare che si vede tutto: linee telefoniche ed elettriche sospese nel vuoto, condutture del gas, dell' A.P. , anche esse sospese e sotto, per ultima la fognatura in cemento da 2,5 m di diametro: devo cercare delle foto dove si vede il collegamento della caditoia stradale in fognatura, se la trovo la pubblico. Infine nel medesimo quartiere blasonato non è infrequente vedere i discendenti dei tetti dei palazzi che scaricano sul marciapiede.
    Dulcis in fundo leggi qui:
    http://lanuovasardegna.gelocal.it/s...a-potabile-ma-e-piu-gialla-che-mai-1.10260583
     
    Ultima modifica: 8 Novembre 2014
  20. magia2002

    magia2002 Membro Junior

    Proprietario di Casa
    ciao Luigi , l'imhoff lo si utilizza o perche' non esiste la fogna pubblica oppure se esiste sta ad un altezza superiore alla tua abitazione( semiinterrati accatastati come garage cantina utilizzati come cucina rustica ecc.) . E molto probabile che i guasti di tubazioni diam.2,5metri siano proprio della fogna bianca oppure visto il diametro e' un unico tubo adibito sia per la fogna nera che bianca. Molto spesso ci sono allacci abusivi di fogna nera sulla fogna bianca .Quando si ha la separazione delle acque dalle bianche alle nere il tubo delle fogne nere ha diametri molto inferiori rispetto alla bianca.sulla stessa strada la fogna bianca puo' avere un diam.1mt quella nera 20-30 cm.per quanto riguarda la qualita' dell' acqua potabile io stesso e tutta la mia famiglia da sempre beviamo solo acqua imbottigliata perche' purtroppo ci sono parecchi tubi in cemento amianto e soprattutto quando si effettuano le riparazioni probabilmente si mette in circolzione parecchio amianto ecc.sempre e comunque se dovessi costruire in una zona attualmente sprovvista di fogna oppure la fogna pubblica esistente non e' separata la nera dalla bianca ,installerei due scarichi con due pozzetti d'ispezione forniti di doppio sifone ecc. in modo tale da poter effettuare i ribaltamenti verso la fogna pubblica in qualsiasi momento correttamente senza dover demolire ingressi- passa carrai ecc.saluti Giuseppe
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina