• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

osvy72

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
#1
ciao a tutti,
ho una villetta composta da piano terra e primo piano. In particolare al primo piano risulta al catasto un lavatoio, una lavanderia e una stireria. Quando ho acquistato casa questi tre locali erano adibiti a due camerette e un bagno. Volevo sapere a cosa vado incontro in un controllo da parte del comune e soprattutto se almeno il bagno fosse possibile sanare. I tre locali sono sottotetto ed hanno un altezza ridotta.
Se non fosse possibile sanare, posso smontare i sanitari prima della verifica ? Grazie mille
 

Adriano Giacomelli

Membro dello Staff
Proprietario Casa
#2
Sono vani tecnici e quindi il solo pernottare / dormire è contro le norme di abitabilità.
Ora per avere un controllo nella propria abitazione bisogna essere in baruffa con qualche vicino che ti denunci. Diversamente non vedo un rischio concreto. Pensa però alla salute di chi metti a dormire, coefficienti aeroilluminanti sono la base della salubrità.
 

osvy72

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
#3
Sono considerati vani tecnici solo perchè sono sotto un tetto spiovente e sicuramente l'altezza non è sufficiente per l'abitabilità. Sono ambienti dotati di finestra...La mia domanda è se viene un controllo e nel bagno non trova i sanitari ma visibilmente nota gli attacchi può obbiettare qualcosa ? Negli altri ambienti in caso di controllo toglierei i mobili...
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
#4
Per essere considerato abitabile un vano, camera, deve avere una superficie non inferiore a mq 9, un'altezza non inferiore a m 2,70 ed un rapporto aeroilluminante fra superficie dell'infisso esterno ed il pavimento di 1/8. Altrimenti è un locale di sgombero o ripostiglio, inabitabile.
 

osvy72

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
#5
Grazie Gianco, il problema meno preoccupante sono le due camere. Il problema che mi preoccupa è il bagno. Questo è accatastato come lavatoio, in caso di verifica da parte del comune se smonto i sanitari possono obiettare qualcosa ?
Grazie
 

Adriano Giacomelli

Membro dello Staff
Proprietario Casa
#6
lavatoio o bagno sono sinonimi. Nessuno obietterà se collegato a vani tecnici tu abbia anche un bagno, abitare vuol dire permanere, dormire, mangiare, non è abitare andare in bagno o in lavanderia.
 

Luigi Criscuolo

Membro Storico
Proprietario Casa
#7
Quando ho acquistato casa questi tre locali erano adibiti a due camerette e un bagno.
ma sul rogito cosa c'è scritto? quale planimetria è stata allegata? il notaio che ha registrato il passaggio di proprietà dell'immobile non ha verificato la corrispondenza della planimetria ocn lo stato di fatto dell' immobile? tu hai comprato un immobile con dei locali non abitabili e "mò che vai truann(e)"?
Non so il motivo per il quale un tecnico comunale o un Vigile urbano della sezione repressione abusi edilizi debba venire a controllare casa che hai comprato: forse sei in attesa di avere l'abitabilita di tutta la casa?
Il problema vero sai quale è? Che quando vorrai vendere quella casa avrai dei problemi sopratutto se chi compra avrà bisogno di un mutuo.
 

Adriano Giacomelli

Membro dello Staff
Proprietario Casa
#8
No, uno puo comprare una casa abitabile alla quale è collegata una serie di vani "tecnici" che sono soffitte, sgabuzzini, vani tecnici o similari. L'abitabilità della casa è una cosa e alcuni vani collegati sono solo utilizzabili per scopi non abitabili. Detto ciò il nostro interessato ha messo in utilizzo, (trattasi di stanze finestrate ma di altezza ridotta) come camerata e bagno a servizio. In caso di verifica.....(non è dato di sapere perchè temi tale verifica) gli potrebbero contestare letti, TV o quant'altro denuncia un uso di abitazione. Abitare locali senza abitabilità è di per se una violazione.
 

osvy72

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
#9
ma se io in fase di controllo sgombero le camere e tolgo i sanitari, possono dirmi qualcosa per il bagno ? Sarebbero visibili il piatto doccia e gli allacci...
 

Luigi Criscuolo

Membro Storico
Proprietario Casa
#12
l'altezza minima di un bagno ricavato nel sottotetto dipende dalla Normativa Regionale.
Nel Lazio, regione dove pare che tu scriva, invece, l’altezza media interna netta richiesta per i sottotetti è di 2,00 metri per spazi abitativi e di 2,20 per spazi accessori. Gli spazi inferiori a questi limiti andranno chiusi da armadietti, salvo ove siano presenti fonti di luce diretta.
Comunque hai bisogno di un tecnico per vedere se sanare la situazione.
 

Luigi Criscuolo

Membro Storico
Proprietario Casa
#15
Il Catasto considera vani accessori che non possono essere considerati nel conteggio del numero di locali:
cucina – bagni – ripostiglio – ingresso - corridoio

LA cucina abitabile rimane accessorio e non locale: una camera con cucina abitabile e bagno è un monolocale con cucina (abitabile) e bagno, non un bilocale con servizio.
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
#19
l Catasto considera vani accessori che non possono essere considerati nel conteggio del numero di locali:
cucina – bagni – ripostiglio – ingresso - corridoio
Nelle planimetrie catastali tutti i locali senza destinazione sono considerati vani a prescindere dall'estensione e dall'altezza. Mentre, per essere considerati 1/3 devono essere dichiarati (scritto nell'elaborato) wc, ripostiglio, locale di sgombero, disimpegno, ingresso, locale tecnico. La scala con i suoi spazi di pertinenza è riconoscibile dal disegno.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Buonasera, volevo dirvi che è in dirittura di arrivo l'acquisto dell'appartamentino attiguo a quello in cui abita mia figlia. dovendo procedere alla fusione mi chiedevo se fosse possibile aprire una porta tra i due balconi piuttosto che all'interno degli appartamenti. Grazie a chi mi darà una risposta circostanziata.
moralista ha scritto sul profilo di Tiziano71.
Avete steso un verbale della situazione dell'immobile, cosa avete concordato al momento della consegna?
Alto