• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

FRANCESCOCASSANI

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
#1
Ciao a tutti, sono in possesso di documentazione relativa ad un immobile a cui sono interessato, e vorrei cercare di capire l'entità delle difformità edilizie da sanare.
Il testo cita: "
Le difformità consistono essenzialmente: nella demolizione di un tramezzo, il tamponamento di porte; è stata realizzata, nel terrazzo, una tettoia che non potrà essere sanata e si dovrà procedere al ripristino dei luoghi (demolizione); è stata anche riscontrata in difformità dalla planimetria catastale l'apertura di una finestra.
Sono state riscontrate, inoltre, alcune difformità che rientrano nelle tolleranze indicate dal DPR 380/2001,dal DL 70/2011 e dall'art. 19bis della LR 23/2004."

Qualcuno mi può aiutare a capire di che stiamo parlando?
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
#4
Tu stesso hai detto che esiste una tettoia irregolare. Il costo dipende dalle tariffe che applica il comune.
 
Ultima modifica:

Franci63

Membro Assiduo
Proprietario Casa
#5
La tettoia non essendo sanabile va demolita.
Le altre irregolarità sanabili devono essere sanate a cura e spese del venditore prima del rogito, soprattutto se devi chiedere un mutuo.
A meno che non si parli di acquisto in asta, ovviamente.
 

FRANCESCOCASSANI

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
#6
La tettoia non essendo sanabile va demolita.
Le altre irregolarità sanabili devono essere sanate a cura e spese del venditore prima del rogito, soprattutto se devi chiedere un mutuo.
A meno che non si parli di acquisto in asta, ovviamente.
Grazie mille. Comunque sì, si tratta di un'asta. Mi sembra che dalle righe che ho riportato non si riesca a capire l'entità della sanatoria in termini di soldi, vero?
 

Nemesis

Membro Storico
Proprietario Casa
#8
Se acquisti all'asta, se l'abuso fosse sanabile, dovresti avere 3 o 4 mesi dopo l'aggiudicazione per la sua regolarizzazione.
Se l'immobile rientra nelle previsioni di sanabilità e sia oggetto di trasferimento derivante da procedure esecutive, la domanda di sanatoria può essere presentata entro centoventi giorni dall'atto di trasferimento dell'immobile.
 

griz

Membro Storico
Professionista
#10
il perito che ha redatto la perizia per conto del tribunale dovrebbe avere stimato anche i costi per l'adeguamento normativo, da capire perchè non lo ha fatto
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
#11
il perito che ha redatto la perizia per conto del tribunale dovrebbe avere stimato anche i costi per l'adeguamento normativo, da capire perchè non lo ha fatto
Nel mio caso, il CTU non l'ha fatto, tant'è che l'incarico del cliente era conoscere gli oneri che avrebbe dovuto sopportare per sanare l'abuso.
 

moralista

Membro Senior
Professionista
#12
Il CTU deve dichiarare l'abuso e se è sanabile deve quantificare i costi o in alternativa la demolizione, il giudice non da l'OK per il bando senza queste notizie, e tu Gianco e Griz dovete saperlo
 

griz

Membro Storico
Professionista
#13
a quanto pare il CTU ha descritto quali sono le difformità e distinto quelle sanabili da quelle no (tettoia) ma non ha stimato i costi, deve essere molto amico del giudice che gli ha liquidato la parcella :)
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
#14
Il CTU deve dichiarare l'abuso e se è sanabile deve quantificare i costi o in alternativa la demolizione, il giudice non da l'OK per il bando senza queste notizie, e tu Gianco e Griz dovete saperlo
Posso essere d'accordo con te, però il mio cliente che voleva acquistare l'immobile, non conoscendo cosa sarebbe costato sanarlo, perché il CTU l'ha omesso, mi ha chiesto di conoscere l'importo. Non è la prima volta che i CTU svolgono il loro compito con molta poca professionalità. Ne ho trovato uno che doveva stimare le proprietà di due compaesani, uno aveva accoltellato l'altro ammazzandolo. Per stabilire l'indennità dovuta il tribunale ha chiesto di conoscere il valore delle proprietà di entrambi. Fra gli altri immobili, due terreni confinanti, entrambi agricoli, pascoli con stessa esposizione e giacitura, entrambi accessibili con la stessa strada e distanti dai centri urbani, sono stati stimati con valori notevolmente differenti. Un fabbricato al grezzo nel paesino l'ha stimato come se fosse un locale commerciale agibile. Ovviamente ho dovuto fare una controperizia. E ti assicuro che non è l'unico caso.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Buonasera, volevo dirvi che è in dirittura di arrivo l'acquisto dell'appartamentino attiguo a quello in cui abita mia figlia. dovendo procedere alla fusione mi chiedevo se fosse possibile aprire una porta tra i due balconi piuttosto che all'interno degli appartamenti. Grazie a chi mi darà una risposta circostanziata.
moralista ha scritto sul profilo di Tiziano71.
Avete steso un verbale della situazione dell'immobile, cosa avete concordato al momento della consegna?
Alto